LinuxNews/ Nell'open source pioggia di partnership

Aziende in crisi, fatturati in discesa e Nasdaq ai minimi storici: per combattere la crisi le aziende dell'IT, specie quelle open source, si alleano

Se una volta andavano di moda le fusioni, oggi sembra che in questo momento di crisi economica del settore IT la nuova parola d'ordine sia ?partnership?, un modo per unire le forze conservando la propria autonomia.

Ed è questa la regola che stanno seguendo molte aziende che basano il proprio core business sul modello e sui prodotti open source. Seguendo questo modo di operare le aziende firmatarie di una partnership posso sfruttare la tecnologia ed i canali di vendita delle altre firmatarie, riuscendo così a sviluppare prodotti in grado di soddisfare un più ampio target di utenti.

Ultima unione in ordine di tempo è la partnership tra Great Bridge LLC, giovane società americana, e SUN Inc. che consentirà di inserire una versione particolare di PostgreSQL, il più potente DBMS opensource, all'interno dei nuovi server SUN. Un bel colpo, sia per questa società costituita poco più di un anno fa, sia per PostgreSQL, sempre più bistrattato dai provider Internet, ma sempre più utilizzato in ambito Enterprise.
Ma non ci sono solo partnership a senso unico. La stessa Great Bridge LLC sta prendendo accordi con Zend Tecn., azienda che produce il cuore del linguaggio PHP, per poter inserire il supporto del PHP direttamente all'interno della sua versione di PostgreSQL. Allo stesso tempo il PHP ne gioverà con una versione migliorata delle API dedicate a questo DBMS opensource.

E se SUN lavora, HP non sta sicuramente a guardare grazie all'accordo con Lutris Tecnologa la quale inserirà una versione specifica per i server HP del suo software opensource XML chiamato Enhydra.

Qesta è solo la punta dell'iceberg di un nuovo modo di pensare ed agire di molte aziende dell'IT, metodo di pensare che porterà giovamenti soprattutto al mondo open source.

Michel Morelli, curatore di ZioBudda.net