L'Asia vuole l'alternativa a Windows

Tre paesi chiave dell'Asia hanno pianificato lo sviluppo di un sistema operativo che possa affrancarli da Windows e rompere il dominio Microsoft. Al cuore del nuovo OS ci sarà Linux

Tokyo (Giappone) - L'intento di Giappone, Corea del Sud e Cina è chiaro: promuovere lo sviluppo di un sistema operativo capace di competere con Windows e rendere i rispettivi settori industriali legati all'IT meno dipendenti dal software di Microsoft. Le tre nazioni sostengono che il dominio di Windows sul mercato globale costituisce un serio rischio sia sotto il profilo economico che sotto quello della sicurezza, ad esempio favorendo il diffondersi a macchia d'olio di minacce come i virus.

I ministri dell'industria dei tre paesi attendono di discutere sull'argomento il prossimo mercoledì, sperando di raggiungere un accordo di cooperazione per la metà di settembre: tale accordo, che prevede il finanziamento di progetti vecchi e nuovi che rispondano a ben precise esigenze di mercato, dovrebbe coinvolgere anche colossi industriali asiatici del calibro di NTT Data, Matsushita Electric Industrial, NEC, Hitachi e Fujitsu, molti dei quali hanno già investito su Linux e il software open source.

Nei piani di Giappone, Corea e Cina c'è lo sviluppo di un sistema operativo basato con tutta probabilità su Linux e altri software open source che possa essere utilizzato dai governi e dalle aziende locali come reale alternativa a Windows, sia per quel che concerne il mercato desktop che server. I tre paesi vareranno anche nuovi progetti aperti per lo sviluppo di applicazioni che possano competere da vicino con quelle fornite da Microsoft, quali ad esempio le applicazioni per l'ufficio.
154 Commenti alla Notizia L'Asia vuole l'alternativa a Windows
Ordina
  • C'è sempre chi nega lo status di monopolio attribuito a Microsoft.

    Negare una sentenza è però impossibile:

    http://www.usdoj.gov/atr/cases/f3800/msjudgex.htm

    microsoft è stato riconosciuto quale detentore di potere di monopolio

    chi non ci crede cercate la frase:

    "MICROSOFT'S POWER IN THE RELEVANT MARKET

    33. Microsoft enjoys so much power in the market for Intel-compatible PC operating systems that if it wished to exercise this power solely in terms of price, it could charge a price for Windows substantially above that which could be charged in a competitive market. Moreover, it could do so for a significant period of time without losing an unacceptable amount of business to competitors. In other words, Microsoft enjoys monopoly power in the relevant market. "

    questo mette la pietra tombale su tutte le possibili menzogne di microsoft tese a negare il suo peso sul mercato dei PC compatibili

    E dovrebbe convincere almeno alcuni a rianalizzare il proprio personale concetto di "monopolio", per verificare se si è ben capito cosa s'intende per esso





    non+autenticato
  • Dal che si deduce che TUTTE le sentenze devono essere accettate oppure solo quelle che fa comodo accettare?

    - Scritto da: Anonimo
    > C'è sempre chi nega lo status di monopolio
    > attribuito a Microsoft.
    >
    > Negare una sentenza è però impossibile:
    >
    > http://www.usdoj.gov/atr/cases/f3800/msjudgex
    >
    > microsoft è stato riconosciuto quale
    > detentore di potere di monopolio
    >
    > chi non ci crede cercate la frase:
    >
    > "MICROSOFT'S POWER IN THE RELEVANT MARKET
    >
    > 33. Microsoft enjoys so much power in the
    > market for Intel-compatible PC operating
    > systems that if it wished to exercise this
    > power solely in terms of price, it could
    > charge a price for Windows substantially
    > above that which could be charged in a
    > competitive market. Moreover, it could do so
    > for a significant period of time without
    > losing an unacceptable amount of business to
    > competitors. In other words, Microsoft
    > enjoys monopoly power in the relevant
    > market. "
    >
    > questo mette la pietra tombale su tutte le
    > possibili menzogne di microsoft tese a
    > negare il suo peso sul mercato dei PC
    > compatibili
    >
    > E dovrebbe convincere almeno alcuni a
    > rianalizzare il proprio personale concetto
    > di "monopolio", per verificare se si è ben
    > capito cosa s'intende per esso
    >
    >
    >
    >
    >
    non+autenticato
  • Così in Europa potremmo scegliere se dipendere tecnologicamente e molto probabilmente anche farci spiare dagli states oppure dall'estremo oriente
    Perchè non ci diamo una mossa (con gli opportuni finanziamenti della UE) per fare un ns OS, con cui dare lavoro alle nostre figure professionali, dare commissioni alle ns software house e mettere finalmente i ns dati ragionevolmente al sicuro?
    Io non credo in un mondo di blocchi contrapposti, ma se gli altri ci credono e ti costringono ad una scelta di campo (e sulle tecnologie ne hanno tutti i mezzi) meglio premunirsi.
    Non vorrei che tra qualche generazione i ricchi cittadini delle nazioni o blocchi che producono innovazione, inevitabilmente vinto ogni paragone commerciale, considerino l'europa un nuovo acquisto del terzo mondo, un paradiso architettonico ed artistico da visitare e depredare come i paradisi paesaggistici e naturali dell'attuale terzo mondo.
    Sinceramente preferirei vedere le società che producono innovazione abbandonare la vecchia visione a blocchi contrapposti del mondo e mettersi daccordo su standard pubblici, ridurre i costi e le incompatibilità tra i diversi ambienti, migliorare la produttività dei loro prodotti, ma non credo che siano abbastanza altruisti da farlo.
    Solo il consumatore è un soggetto abbastanza scevro da logiche di profitto e monopolio da poter avere in mente di levarsi contro questi soggetti: smettere di comprare prodotti e software inutilmente autocomplicati, istruirsi, supportare le iniziative di software libero, di standard puibblici e unici per tutta l'umanità, premiare qualunque scelta svincoli la produzione e l'innovazione da un singolo produttore: insomma, tornare a impugnare le redini del libero mercato coem idealmente nel fordismo, pena un nuovo e più grave 29.
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > Così in Europa potremmo scegliere se
    > dipendere tecnologicamente e molto
    > probabilmente anche farci spiare dagli
    > states oppure dall'estremo oriente
    > Perchè non ci diamo una mossa (con gli
    > opportuni finanziamenti della UE) per fare
    > un ns OS, con cui dare lavoro alle nostre
    > figure professionali, dare commissioni alle
    > ns software house e mettere finalmente i ns
    > dati ragionevolmente al sicuro?
    > [CUT]

    Perchè no un o.s. per ogni nazione? O per regione?
    Quello del secondo piano è un rompi co.... Voglio un o.s. diverso dal suo!!!

    P.S. Il resto del post, sinceramente, non sono riuscito a leggerlo: un mattone... Non c'era un posto per respirare, un rigo bianco... Uff Finalmente respiro!
  • > Perchè no un o.s. per ogni nazione? O per
    > regione?
    > Quello del secondo piano è un rompi co....
    > Voglio un o.s. diverso dal suo!!!
    >
    > P.S. Il resto del post, sinceramente, non
    > sono riuscito a leggerlo: un mattone... Non
    > c'era un posto per respirare, un rigo
    > bianco... Uff Finalmente respiro!

    forse ti sei perso proprio la parte in cui dicevo che trovo obsoleto continuare a ragionare per blocchi commerciali e che sarebbe ora che, per primi i clienti a premere, i produttori adottino una politica di standardizzazione, aumento dell'efficienza e riduzione dei costi.

    e comunque se quello del secondo piano è un rompicocomeri e ti impedisce di lavorare con standard in modo meno costoso e più efficiente, ripagalo della stessa moneta impedendogli di accedere alla tua piattaforma!
    non+autenticato
  • - Scritto da: Anonimo

    > Perchè non ci diamo una mossa (con gli
    > opportuni finanziamenti della UE) per fare
    > un ns OS, con cui dare lavoro alle nostre
    > figure professionali, dare commissioni alle
    > ns software house e mettere finalmente i ns
    > dati ragionevolmente al sicuro?

    Perché noi dipendiamo dagli Stati Uniti.
    Militarmente, ma non solo.
    Siamo anche loro sudditi dal punto di vista psicologico.
    Le nostre borse seguono l'andamento di Wall Street, i nostri politici importano in Europa le idee peggiori degli americani (vedi brevetti sul software...) e mentre gli americani sono bravissimi a proteggere il loro lavoro e il loro predominio economico noi europei siamo bravissimi a usare i loro prodotti e accordargli vantaggi.
    Si farà mai questo benedetto sistema di satelliti GPS europeo?
    La smetteremo di usare domini .com in favore di .eu?
    Daremo agli Stati Uniti la possibilità di brevettare il loro software anche in Europa, così possiamo dargli un altro po' di soldi?
    La UE non investe una lira in ricerca e sviluppo... anche l'Italia, d'altra parte. Evidentemente trovano più conveniente nell'immediato acquistare all'estero, e questa dipendenza tecnologica farà sì che l'Europa non sarà mai una grande potenza.
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > Così in Europa potremmo scegliere se
    > dipendere tecnologicamente e molto
    > probabilmente anche farci spiare dagli
    > states oppure dall'estremo oriente
    > Perchè non ci diamo una mossa (con gli
    > opportuni finanziamenti della UE) per fare
    > un ns OS,

    Perche' Linux dove lo hanno realizzato? Sulla luna?
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    >
    > - Scritto da: Anonimo
    > > Così in Europa potremmo scegliere se
    > > dipendere tecnologicamente e molto
    > > probabilmente anche farci spiare dagli
    > > states oppure dall'estremo oriente
    > > Perchè non ci diamo una mossa (con gli
    > > opportuni finanziamenti della UE) per fare
    > > un ns OS,
    >
    > Perche' Linux dove lo hanno realizzato?
    > Sulla luna?

    linux è di tutti e di nessuno... e col tempo qualcuno potrà avere qualche rimpianto...
  • > Perche' Linux dove lo hanno realizzato?
    > Sulla luna?
    Linux è nato dal progetto di un finlandese, ma linux non è finlandese, nel senso che ci hanno messo su le mani programmatori di tutto il mondo, lo stesso vale per i programi che hanno il porting su linux. L'UE non potrebbe mai e poi mai usarlo strategicamente come gli states usano windows.
    Al massimo la UE può investire su una versione sviluppata da aziende europee, che diano lavoro a sviluppatori europei e che reinvestano nel ciclo dell'economia europea e controllare sistematicamente i sorgenti per evitare che ci sia inquinamento del sw che consenta di fare girare programmi spia o sollevare contenziosi commerciali.
    CMQ nè l'UE nè alcun altro possono avere l'esclusiva su linux, bsd (statunitense) e simili prodotti open source, quindi se ne configura un uso strategico ben diverso di quello che gli states possono fare di win e dei tanti altri prodotti closed, unix commerciali in testa, prima tra tutti l'impossibilità di vampirizzare l'economie che ci si mettano contro con licenze d'uso e oculato noleggio del know-how come avviene oggi.
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > Perchè non ci diamo una mossa (con gli
    > opportuni finanziamenti della UE) per fare
    > un ns OS, con cui dare lavoro alle nostre
    > figure professionali, dare commissioni alle
    > ns software house e mettere finalmente i ns
    > dati ragionevolmente al sicuro?

    Uh... non so se sei al corrente, ma SuSE Gmbh e' un'azienda tedesca con sede a monaco, e MandrakeSoft e' francese.

    Basterebbe una percentuale minima di quello che i governi europei sperperano in licenze (spesso superflue, senza contare QUANTO costano) di windows e office per finanziare una vera rivoluzione nel training di amministratori di sistema e integratori. Senza nemmeno cominciare a pensare ai programmatori.

    Tutti si lamentano che l'applicazione X manca su linux. Prendi Una milionata di euro, di quelle che sputtanano con i fondi europei alle peggio vaccate, e finanzi un'azienda "a progetto" che poi rilasci il tutto con una licenza OSI approved. L'azienda ha convenienza sia perche' prende il finanziamento, sia perche' puo' sempre rilasciare versioni commerciali (se vuole) e/o fare customizzazioni e supporto.

    La comunita' ci guadagna perche' sono soldi che restano sul territorio e vengono reinvestiti, e perche' riceve un programma che prima non c'era.

    Incidentalmente a costo zero ci guadagnano anche tutti quei paesi in via di sviluppo che non hanno i fondi di fare la stessa manovra...

    (e mi pare di capire che tu saresti d'accordo, no?)

    Ciao, Renato
    non+autenticato

  • se leggete la notizia da reuter viene indicato che J C e K vogliono creare un nuovo sistema operativo open source non basandolo su Linux ... infatti riporto testualmente:

    "the three nations are likely to build upon an open-source operating system, such as Linux, and develop an inexpensive and trustworthy system."

    Quindi l'idea è di ricreare la ruota ex-novo.

    Non capisco perchè non prendere in considerazione FreeBSD molto più free di Linux...

    Ciao
    Nop

    ps riporto il link alla news di Reuter:

    http://www.reuters.com/locales/newsArticle.jsp;jse...
    nop
    563

  • - Scritto da: nop

    > "the three nations are likely to build upon
    > an open-source operating system, such as
    > Linux, and develop an inexpensive and
    > trustworthy system."

    So che la Cina ha già deciso per la sua distribuzione Linux dal nome "Midori" che se non sbaglio è fatta dalla Transmeta, sono partiti in quarta e per il 2010 le macchine dello stato monteranno tutte Midori e chi vorrà un SO diverso dovrà fare una speciale richiesta. Da qui penso che i giochi siano fatti o quasi. La China ha già il suo uP in cantiere dal nome Dragon e molte aziende hi-tek:

    Il Giappone e la Korea hanno soprattutto il loro peso che è soprattutto tecnologico mentre quello economico si sta ridimensionando di fronte al 10% di aumento del PIL cinese, rimane il peso tecnologico.

  • - Scritto da: nop
    >

    > "the three nations are likely to build upon
    > an open-source operating system, such as
    > Linux, and develop an inexpensive and
    > trustworthy system."
    >
    > Quindi l'idea è di ricreare la ruota ex-novo.

    A me non sembra: ricorda che per tutti quelli fuori da questo mondo distro==sistema operativo.

    Al 99.99% faranno una loro distribuzione, esattamente come la thailandia con TLE Linux, e visto che ci butteranno dentro dei bei soldini finalmente qualcuno avra' il tempo di completare la localizzazione ed i sistemi di input cinesi e giapponesi...

    > Non capisco perchè non prendere in
    > considerazione FreeBSD molto più free di
    > Linux...

    Per quanto personalmente voglia bene a tutti gli OS alternativi, *BSD semplicemente hanno un supporto hardware minuscolo rispetto a linux, oltre ad una userbase minore e un minor supporto di sviluppatori/kernel hackers eccetera. E sostanzialmente tutte le soluzioni desktop per *nix nascono prima per linux e poi vengono portate sugli altri, quindi perche' andarsi a impelagare?

    Ciao, Renato
    non+autenticato
  • Come al solito dietro a una notizia di questo tipo le persone iniziano a fare la solita guerra tecnologica comparando prodotti che hanno storie diverse, obiettivi diversi, e che hanno ambiti di applicazioni sostanzialmente diversi.Basta con queste guerre ideologiche, da estremisti tecnologici che si soffermano al comendino all'interfaccia, e al programmino.
    Il cui vero nemico non è il prodotto, ma bensì la software House, oppure il personaggio, o il marchio, qualcuno di questi signori che mette a confronto questo S.O con quest'altro, si è mai spinto a studiarne i meccanismi e gli algoritmi che li regolano??
    Vorrei per una volta fare una considerazione sul contenuto dell'articolo che potrebbe sembrare una grossa notizia, ma che in realtà nasconde alcuni rischi e insidie, e per questo Vi propongo le seguenti considerazioni, a cui spero facciano seguito dei confronti:
    1) Il fatto che l'Asia vuole contrapporsi al resto del mondo informatico con un loro S.O. mi pare molto strano, avrei fatto meno fatica a capire se tale annuncio lo avesse fatto una società emergente, o l'avesse fatto ancora una volta l'IBM di turno.
    2) Le società coinvolte: NTT Data, Matsushita Electric Industrial, NEC, Hitachi e Fujitsu non sono cosa da poco, cosa pensate che questi signori il software lo regalino ?
    Immaginate quale giro di affari potrebbe nascere dal connubio hardware software di queste società.
    3) Come mai la necessità di un nuovo S.O. da parte di paesi in cui l'evoluzione tecnologica ha raggiunto livelli notevoli, non è che per caso c'è la voglia di imporre oltre alla tecnologia, anche il sapere e le conoscenze.
    4) Tutti coloro che oggi puntano il dito contro Microsoft, sono comunque tutelati da un governo Americano che da certi punti di vista cerca di limitare l'egemonia di Microsoft garantendo i diritti delle piccole società, ma un domani di fronte a un S.O. di tre paesi Sovrani chi ci tutelerà?
    5) Parlando invece di tempi: supponiamo che la decisione della cosituzione di un nuovo S.O. venga presa quest'anno, e l'implementazione parta nel 2004 e la prima beta versione compaia nel 2005, nel 2006 vorrei sapere quante sono le socità asiatiche e soprattutto occiendali disposte a passare a tale S.O.
    6) E in questi anni quali valore tecnologico possono le concorrenti aggiungere ai propri prodotti a partire da W3K per finire ad Aix passando ovviamente alle attuali distribuzioni Linux.
    7) Con quali promesse economiche e innovazioni tecnologiche ci proporranno un nuova suite di Office quando ormai Microsoft Office è uno standard di fatto, Vi ricordo la poca glora di altre Suite che hanno fallito miseramente.

    Etc, Etc per cui alla luce di queste e altre considerazioni di tipo socio economico mi piacerebbe pensare se l'entusiasmo di tutti quelli che hanno letto l'articolo sia ancora tale e se qualche manager rampante sia disposto a rinvestire soldi e risorse per migrare a un S.O. nuovo.
    Tralascio tutta una serie di considerazioni tecnologiche di sul prodotto che stanno pensando questi Governi, visto che prendono in considerazione un kernel che di nuovo non ha nulla, forse aggiungeranno l'ennesima interfaccia colorata con tanti comandi e utility.
    Meditate gente, meditate


    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo

    > 1) Il fatto che l'Asia vuole contrapporsi al
    > resto del mondo informatico con un loro S.O.
    > mi pare molto strano,

    strano?

    con tutto il denaro che si riversa dall'asia a Redmond e che le asiende potrebbero invece trattenere se usassero qualcosa di diverso da windows?

    a me sembra strano che a te sembri strano

    > 2) Le società coinvolte: NTT Data,
    > Matsushita Electric Industrial, NEC, Hitachi
    > e Fujitsu non sono cosa da poco,

    infatti: ecco che la posizione di microsoft vacilla

    > cosa
    > pensate che questi signori il software lo
    > regalino ?

    e quindi ?

    > Immaginate quale giro di affari potrebbe
    > nascere dal connubio hardware software di
    > queste società.

    queste società potrebbero rendersi indipendenti dal software di un unico soggetto monopolistico (soggetto che è noto usare metodi scorretti pur di mantenere il controllo), a tutto beneficio delle economie locali, non più costrette all'emorragia (ora non più giustificabile) di denaro verso un paese straniero

    continuo a pensare che l'unica stranezza sia la tua sensazione di stranezza

    > 3) Come mai la necessità di un nuovo S.O. da

    necessità economiche

    > 4) Tutti coloro che oggi puntano il dito
    > contro Microsoft,

    che è stata condannata sia da USA che dall'antitrust UE

    > sono comunque tutelati da
    > un governo Americano

    affatto: il governo Bush ha alleggerito la posizione antitrust di Microsoft, come è noto, ritirando le accuse contro microsoft dopo l'imposizione di pochi limiti

    ecco un altro motivo per cui Altri Paesi vogliono affrancarsi da un'imprenditoria straniera: in patria non viene sottoposta ai controlli antitrust che servirebbero al mondo intero, quindi ci dobbiamo arrangiare noi.

    Di nuovo, mi pare chiaro che non c'è nulla di strano, ma i tuoi "dubbi" somigliano a FUD della specie classica

    Il resto delle domande necessita una bella sfera di cristallo

    > Meditate gente, meditate

    Abbiamo meditato per troppo tempo davanti alloscempio dell'IT procurato da un monopolio criminale: la meditazione è finita e ora si tratta di agire sull'onda del cambiamento ormai in atto.

    non+autenticato
  • > Abbiamo meditato per troppo tempo davanti
    > alloscempio dell'IT procurato da un
    > monopolio criminale: la meditazione è finita
    > e ora si tratta di agire sull'onda del
    > cambiamento ormai in atto.

    Eccole qua le famose risposte che non
    sarebbero FUD date al post originale...

    Questa non sarebbe unicamente propaganda ?

    Come il resto del post ....
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > > Abbiamo meditato per troppo tempo davanti
    > > alloscempio dell'IT procurato da un
    > > monopolio criminale: la meditazione è
    > finita
    > > e ora si tratta di agire sull'onda del
    > > cambiamento ormai in atto.
    >
    > Eccole qua le famose risposte

    no. le risposte le hai eliminate dal post precedente:

    > 1) Il fatto che l'Asia vuole contrapporsi al
    > resto del mondo informatico con un loro S.O.
    > mi pare molto strano,

    strano?

    con tutto il denaro che si riversa dall'asia a Redmond e che le asiende potrebbero invece trattenere se usassero qualcosa di diverso da windows?

    a me sembra strano che a te sembri strano

    > 2) Le società coinvolte: NTT Data,
    > Matsushita Electric Industrial, NEC, Hitachi
    > e Fujitsu non sono cosa da poco,

    infatti: ecco che la posizione di microsoft vacilla

    > cosa
    > pensate che questi signori il software lo
    > regalino ?

    e quindi ?

    > Immaginate quale giro di affari potrebbe
    > nascere dal connubio hardware software di
    > queste società.

    queste società potrebbero rendersi indipendenti dal software di un unico soggetto monopolistico (soggetto che è noto usare metodi scorretti pur di mantenere il controllo), a tutto beneficio delle economie locali, non più costrette all'emorragia (ora non più giustificabile) di denaro verso un paese straniero

    continuo a pensare che l'unica stranezza sia la tua sensazione di stranezza

    > 3) Come mai la necessità di un nuovo S.O. da

    necessità economiche

    > 4) Tutti coloro che oggi puntano il dito
    > contro Microsoft,

    che è stata condannata sia da USA che dall'antitrust UE

    > sono comunque tutelati da
    > un governo Americano

    affatto: il governo Bush ha alleggerito la posizione antitrust di Microsoft, come è noto, ritirando le accuse contro microsoft dopo l'imposizione di pochi limiti

    ecco un altro motivo per cui Altri Paesi vogliono affrancarsi da un'imprenditoria straniera: in patria non viene sottoposta ai controlli antitrust che servirebbero al mondo intero, quindi ci dobbiamo arrangiare noi.

    Di nuovo, mi pare chiaro che non c'è nulla di strano, ma i tuoi "dubbi" somigliano a FUD della specie classica

    Il resto delle domande necessita una bella sfera di cristallo

    > Meditate gente, meditate

    Abbiamo meditato per troppo tempo davanti alloscempio dell'IT procurato da un monopolio criminale: la meditazione è finita e ora si tratta di agire sull'onda del cambiamento ormai in atto.

    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > Come al solito ...
    > ...
    > Meditate gente, meditate

    Come ha fatto osservare l'amico che ti ha risposto il Tuo è FUD della specie classica, hai impiegato una quantità di ragionamenti e di parole che mi viene in mente che hai sprecato un sacco di energie e di tempo.

    Mi chiedo quanto dovrai mangiare per recuperare le forze e quanto ti costerà farlo, come in molti casi non ho dubbi che hai chi ti paga per comprarti il cibo per riprenderti da questo tuo "lavoro" è sicuramente una persona molto ricca e che non bada a spese.

    Saluti.
  • - Scritto da: Anonimo

    [cut]

    Visto che ti hanno risposto esaurientemente in altri post, mi limito a sottolineare una cosa:

    > personaggio, o il marchio, qualcuno di
    > questi signori che mette a confronto questo
    > S.O con quest'altro, si è mai spinto a
    > studiarne i meccanismi e gli algoritmi che
    > li regolano??

    a) da quando un SO è migliore di un altro in base "agli algoritmi che lo regolano"? Forse per capire quale SO preferisco devo fare l'audit del codice sorgente?
    Non basta provarli entrambi pe un po' di tempo)

    b) da quando è possibile studiare i meccanismi e gli algoritmi che regolano un "certo" SO?
    non+autenticato
  • Ti rispondo solo per bilanciare le invettive
    dei soliti linari che oggi sembrano essere
    particolarmenre agguer,riti.

    Di risposte non ce ne sono, mi sembrano
    comunque una serie di interrogativi che
    tutti dovrebbero farsi.

    Altro che FUD, per il momento ho letto solo
    le solite 4 squallide sparate, non penso che
    una decisione simile presa da un paese
    emergente sulla scena internazionale, ed
    aggressivo come Cina, sia per supporto
    etico o meramente per risparmiare i soldi
    delle licenze, sarebbe interessante qualche
    riflessioni in più che vada oltre le solite
    "vaccate" da ultras dei sistemi operativi.

    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > Di risposte non ce ne sono, mi sembrano
    > comunque una serie di interrogativi che
    > tutti dovrebbero farsi.
    mmagino tu intenda dire che no conosci le risposte

    > Altro che FUD, per il momento ho letto solo
    > le solite 4 squallide sparate, non penso che
    > una decisione simile presa da un paese
    > emergente sulla scena internazionale, ed
    > aggressivo come Cina, sia per supporto
    > etico o meramente per risparmiare i soldi
    > delle licenze, sarebbe interessante qualche
    > riflessioni in più che vada oltre le solite
    > "vaccate" da ultras dei sistemi operativi.
    Evidentemente non sei in grado di farle, poiché il tuo post contiene solo insulti ed autocelebrazione
    Non aggiungo altro, al post originario e già stata data esauriente e documentata risposta.
  • > Evidentemente non sei in grado di farle,
    > poiché il tuo post contiene solo insulti ed
    > autocelebrazione
    > Non aggiungo altro, al post originario e già
    > stata data esauriente e documentata
    > risposta.

    infatti, il mio era solo un invito a riflettere su
    quanto detto senza bollarlo come FUD, ma a
    quanto vedo hai solo tempo per polemizzare
    quindi entri di diritto nel mio killfile virtuale

    testa vuota, dove sarebbe poi l'autocelebrazione ?
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > Ti rispondo solo per bilanciare le invettive

    e sentiamo quali argomenti porti a favore di questa richiesta di "riflessione"

    > Altro che FUD, per il momento ho letto solo
    > le solite 4 squallide sparate, non penso che
    > una decisione simile presa da un paese
    > emergente sulla scena internazionale, ed
    > aggressivo come Cina, sia per supporto
    > etico o meramente per risparmiare i soldi
    > delle licenze,

    ma non fornisci nessuna argomentazione o elemento utile a controbilanciare le argomentazioni altrui (bollate come "linare" senza che tu ne discuta)

    queste argomentazioni citavano motivi di

    sicurezza
    economia
    libertà

    sarebbero sufficienti a far riflettere

    > sarebbe interessante qualche
    > riflessioni in più che vada oltre le solite
    > "vaccate" da ultras dei sistemi operativi.

    il tuo contributo riflessivo è praticamente nullo, però.

    il tuo punto più alto è rappresentato dalla parola "vaccate"




    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo

    > 1) Il fatto che l'Asia vuole contrapporsi al
    > resto del mondo informatico con un loro S.O.
    > mi pare molto strano, avrei fatto meno
    > fatica a capire se tale annuncio lo avesse
    > fatto una società emergente, o l'avesse
    > fatto ancora una volta l'IBM di turno.

    Non conosci la realtà asiatica, ma immagina questo: supponi che Bill Gates e la MS fossero nate in Cina e che le versioni di Windows nostrane non fossero state concepite in un paese con i caratteri latini ma in uno con ideogrammi e con esso tutto lo sviluppo software degli ultimi 50 anni. Quindi niente C++ e nessun HTM che ricordano molto da vicino l'inglese ma ideogrammi per il C++, ideogrammi per l'HTML e ideogrammi in genere.

    Ora immaginiamo la versione cinese di Windows localizzata in Italiano. Per l'uso quotidiano andrebbe anche bene, ma poi appena spuntasse fuori una finestra DOS o non appena si dovesse addentrarsi maggiormente nella programmazione, ci troveremmo spaesati e con gravi ostacoli tecnici da superare.
    Se per noi e' relativamente facile ricordare un comando "list" o un "dir" o , possiamo dire lo stesso per un cinese?
    Quanto negativamente ha pesato l'onnipresenza dei caratteri latini nello sviluppo informatico dei paesi asiatici? Quanto li ha rallentati?
    Senza contare poi la dipendenza dagli USA economica e tecnologica per ogni aggiornamento ed ogni software.
    C'e' quindi molto poco di strano in questo annuncio, anzi, arrivano quasi tardi.

    > 2) Le società coinvolte: NTT Data,
    > Matsushita Electric Industrial, NEC, Hitachi
    > e Fujitsu non sono cosa da poco, cosa
    > pensate che questi signori il software lo
    > regalino ?
    > Immaginate quale giro di affari potrebbe
    > nascere dal connubio hardware software di
    > queste società.

    Beh, e' accaduto per anni negli USA e in Europa e le conseguenze le conosciamo, meno scelta per il consumatore, maggiori cartelli tecnologici. E allora adesso ci inviti a tenere gli occhi aperti per il fatto che coalizzandosi troppo possano avere introiti? E la Cisco? la 3Com? La MS? Ti va bene se a prosperare sono loro, ma non la NEC?

    > 3) Come mai la necessità di un nuovo S.O. da
    > parte di paesi in cui l'evoluzione
    > tecnologica ha raggiunto livelli notevoli,
    > non è che per caso c'è la voglia di imporre
    > oltre alla tecnologia, anche il sapere e le
    > conoscenze.

    Se intendi dire che vorrebbero il monopolio del sapere, è assolutamente OVVIO che lo considerino auspicabile, come OGNI nazione. Tecnologia sapere e conoscenza viaggiano a braccetto e chi le ha è superiore e comanda. Immagino che non ti stia bene che la Cina controlli il sapere, ma altrettanto non dovrebbe garbarci che lo controllino gli USA o i russi. Per fortuna il sapere non si puo' ingabbiare.

    > 4) Tutti coloro che oggi puntano il dito
    > contro Microsoft, sono comunque tutelati da
    > un governo Americano che da certi punti di
    > vista cerca di limitare l'egemonia di
    > Microsoft garantendo i diritti delle
    > piccole società, ma un domani di fronte a un
    > S.O. di tre paesi Sovrani chi ci tutelerà?

    1) nessuno ti obbliga ad usarlo
    2) le leggi le hanno anche in Cina, Korea e Giappone.
    3) Se tu ti senti tutelato perche MS deve rispettare le leggi USA, e gli USA tutto sono fuorche' una egemonia totalitaria, i consumatori di Cina Giappone e Koera chi li tutela? Questi paesi non si sentono garantiti dalle norme e dai tribunali di un paese che e' cosiderato per lo più come ostile. Non è per loro questo grande amico come per molti europei.

    Diciamo questo: ti senti piu' tutelato da un formaggio USA o da un formaggio italiano fatto secondo le severe norme alimentari nostrane? Io preferisco il prodotto nostrano e analogamente vorrebbe un cinese. Attualmente pero' sia l'italiano che il cinese mangiano formaggio americano. L'italia non puo' farci un tubo, Cina Giappone e Korea hanno tutti i numeri per mettere alla porta lo scomodo vicino USA e prourre e magiare un formaggio di cui sanno fabbricazione e provenienza.

    > 5) Parlando invece di tempi: supponiamo che
    > la decisione della cosituzione di un nuovo
    > S.O. venga presa quest'anno, e
    > l'implementazione parta nel 2004 e la prima
    > beta versione compaia nel 2005, nel 2006
    > vorrei sapere quante sono le socità
    > asiatiche e soprattutto occiendali disposte
    > a passare a tale S.O.

    Posso dire senza paura di essere sconfessato, che se ben introdotto nel mercato asiaticom, un OS asiatico valido puo' prendere facilmente piede e scalzare Windows. Di prodotti asiatici alternativi a quello nostri ne e' piena la Cina, Korea e il Giappone, come qualita' noi ce li sognamo, sono spesso anche migliori dei nostri e hanno molta piu' presa sulle persone perche' rispondono a esigenze molto sentite.

    > 6) E in questi anni quali valore tecnologico
    > possono le concorrenti aggiungere ai propri
    > prodotti a partire da W3K per finire ad Aix
    > passando ovviamente alle attuali
    > distribuzioni Linux.

    Questo si vedra'

    > 7) Con quali promesse economiche e
    > innovazioni tecnologiche ci proporranno un
    > nuova suite di Office quando ormai Microsoft
    > Office è uno standard di fatto, Vi ricordo
    > la poca glora di altre Suite che hanno
    > fallito miseramente.

    Guarda che il successo nel mercato cinese e giapponese da solo costituisce il successo di una fetta enorme della popolazione modiale e del mercato.
    Non pensare in modo provinciale: la Cina e' una schiacciasassi, se ne puo' infischiare degli standard di fatto e crearne di propri. Inoltre le altre suite hanno fallito perche' giocavano sullo stesso terreno di Office. Una suite cinese, che permettesse un uso veramente veloce e pratico della lingua cinese, non avrebbe concorrenti in Cina. Word per scrivere in cinese coreano e giapponese e solo un ripiego.

    > Tralascio tutta una serie di considerazioni
    > tecnologiche di sul prodotto che stanno
    > pensando questi Governi, visto che prendono
    > in considerazione un kernel che di nuovo non
    > ha nulla, forse aggiungeranno l'ennesima
    > interfaccia colorata con tanti comandi e
    > utility.

    Questo accade in Europa ed USA dove non c'e' molto da innovare, ma in nazioni dove Windows e' solo un limite soprattutto perche' non e' nato per supportare cinese e giapponese - e si vede quando vai in Asia - da cambiare c'e' tutto: meglio rifarlo.
    non+autenticato

  • la vera notizia è che Cina e Corea del SUD rilasceranno un sistema operativo senza nessuna backdoor.......

    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    >
    > la vera notizia è che Cina e Corea del SUD
    > rilasceranno un sistema operativo senza
    > nessuna backdoor.......
    >
    Sarà open source?
    Allora che ne sai?

    Vera notizia: Degli stati dove tutto è centralizzato e statale stanno creando un o.s. che tutti gli uffici sono, per forza, obbligati ad usare. E così obbliigheranno i dipendenti. E creeranno un VERO monopolio in quegli stati.
    E noi, invece che dargli addosso, applaudiamo.

    Che bravi!

    Perchè non sento dire che in Francia (paese a caso) non creano un nuovo s.o. e milioni di gente lo userà?
    Perchè lì mica li possono obbligare ad usarli.
    In Cina sì...
  • > Sarà open source?
    > Allora che ne sai?

    Vera notizia: Degli stati dove tutto è
    > centralizzato e statale stanno creando un
    > o.s. che tutti gli uffici sono, per forza,
    > obbligati ad usare. E così obbliigheranno i
    > dipendenti. E creeranno un VERO monopolio in
    > quegli stati.
    > E noi, invece che dargli addosso,
    > applaudiamo.
    >
    > Che bravi!

    Mi sembrava strano che fossi stato l'unico a notare quel
    "tutti gli uffici statali DOVRANNO montare Midori a meno che non ne facciano specifica richiesta"

  • - Scritto da: Nonninz

    >    Vera notizia: Degli stati dove tutto è
    > > centralizzato e statale stanno creando un
    > > o.s. che tutti gli uffici sono, per forza,
    > > obbligati ad usare. E così obbliigheranno
    > > i dipendenti. E creeranno un VERO monopolio
    > > in quegli stati.
    > > E noi, invece che dargli addosso,
    > > applaudiamo.
    > >
    > > Che bravi!
    >
    > Mi sembrava strano che fossi stato l'unico a
    > notare quel
    > "tutti gli uffici statali DOVRANNO
    > montare Midori a meno che non ne facciano
    > specifica richiesta"

    Guardacaso simili ordini arrivano dai Ministeri agli uffici pubblici italiani e riguardano l'obbligo a fornirsi di Windows, Word ed Excel.
    E non siamo in Cina.
    Per cui prima di sparlare degli altri...
    non+autenticato
  • > > Mi sembrava strano che fossi stato
    > l'unico a
    > > notare quel
    > > "tutti gli uffici statali DOVRANNO
    > > montare Midori a meno che non ne facciano
    > > specifica richiesta"
    >
    > Guardacaso simili ordini arrivano dai
    > Ministeri agli uffici pubblici italiani e
    > riguardano l'obbligo a fornirsi di Windows,
    > Word ed Excel.
    > E non siamo in Cina.
    > Per cui prima di sparlare degli altri...

    Che l'ITalia dal punto di vist della Pubblica amministrazione
    faccia schifo lo sappiamo tutti...

    D'altronde siamo sempre stati governati da gente che pensava prima a mangiare, poi a come farsi rieleggere...

    che sia DC, DS, forza italia, non e' cambiato mai niente...

    cmq cosa c'entra, secondo te quelli che danno quest'ordine sanno che su openoffice.org si possono risparmiare milioni di euro? o forse lo sanno, ma se per ogni licenza venduta gi arrivano 10 euro...

    Cmq sul regime cinese non si puo' parlare che male,
    mi dispiace se ti stanno simpatici (cmq anche a me)
    o sei un neocomunista convinto...

    Quanti anni fa una ragazza era stata uccisa dai compagni di classe con pezzi di vetro dopo avere scritto su un tema
    che esistevano altri sistemi oltre a quello comunista?

  • - Scritto da: Nonninz

    > Cmq sul regime cinese non si puo' parlare
    > che male,
    > mi dispiace se ti stanno simpatici (cmq
    > anche a me)
    > o sei un neocomunista convinto...

    Il regime cinese e' uno schifo e non mi sta simpatico, anzi va condannato sempre e sono il primo a detestarlo. Ha tante di quelle colpe, gravissime da non poterne nemmeno fare una lista qui. Casomai possono starmi simpatici i cinesi, ma al pari di quanto possano piacermi i francesi o gli austriaci, cioe' parlando in senso generico riferendomi a certi modi o costumi pittoreschi, amichevoli od esperienze personali.
    Meno, molto meno invece mi piace quando si critica cio' che si fa all'estero quando da noi si fa uguale o peggio.
    Nei ministeri conoscono l'esistenza di software diversi da quelli MS, ma gli ordini arrivano lo stesso a favore di word ed excel.
    Quindi ho non per difendere la Cina, me ne guardo bene, visto che e' INDIFENDIBILE, bensi' per sottolineare che per quanto ci disgusti e non ci piaccia, da noi non siamo messi bene.
    Cio' non vieta di criticare gli altri, ma almeno con una mano sulla coscienza, o e' troppo?
    non+autenticato
  • > Il regime cinese e' uno schifo e non mi sta
    > simpatico, anzi va condannato sempre e sono
    > il primo a detestarlo. Ha tante di quelle
    > colpe, gravissime da non poterne nemmeno
    > fare una lista qui. Casomai possono starmi
    > simpatici i cinesi, ma al pari di quanto
    > possano piacermi i francesi o gli austriaci,
    > cioe' parlando in senso generico riferendomi
    > a certi modi o costumi pittoreschi,
    > amichevoli od esperienze personali.
    Quoto in pieno

    > Meno, molto meno invece mi piace quando si
    > critica cio' che si fa all'estero quando da
    > noi si fa uguale o peggio.
    > Nei ministeri conoscono l'esistenza di
    > software diversi da quelli MS, ma gli ordini
    > arrivano lo stesso a favore di word ed
    > excel.
    > Quindi ho non per difendere la Cina, me ne
    > guardo bene, visto che e' INDIFENDIBILE,
    > bensi' per sottolineare che per quanto ci
    > disgusti e non ci piaccia, da noi non siamo
    > messi bene.
    > Cio' non vieta di criticare gli altri, ma
    > almeno con una mano sulla coscienza, o e'
    > troppo?

    ok, ma mica devo sentirmi in colpa se il ministero
    del mio stato fa schifo? Mica sono un ministro,
    e neanche un suo complice...

    SI parlava della cina e mi sono limitato alla cina...

  • - Scritto da: Nonninz
    > > Il regime cinese e' uno schifo e non mi
    > sta
    > > simpatico, anzi va condannato sempre e
    > sono
    > > il primo a detestarlo. Ha tante di quelle
    > > colpe, gravissime da non poterne nemmeno
    > > fare una lista qui. Casomai possono starmi
    > > simpatici i cinesi, ma al pari di quanto
    > > possano piacermi i francesi o gli
    > austriaci,
    > > cioe' parlando in senso generico
    > riferendomi
    > > a certi modi o costumi pittoreschi,
    > > amichevoli od esperienze personali.
    > Quoto in pieno
    >
    > > Meno, molto meno invece mi piace quando si
    > > critica cio' che si fa all'estero quando
    > da
    > > noi si fa uguale o peggio.
    > > Nei ministeri conoscono l'esistenza di
    > > software diversi da quelli MS, ma gli
    > ordini
    > > arrivano lo stesso a favore di word ed
    > > excel.
    > > Quindi ho non per difendere la Cina, me ne
    > > guardo bene, visto che e' INDIFENDIBILE,
    > > bensi' per sottolineare che per quanto ci
    > > disgusti e non ci piaccia, da noi non
    > siamo
    > > messi bene.
    > > Cio' non vieta di criticare gli altri, ma
    > > almeno con una mano sulla coscienza, o e'
    > > troppo?
    >
    > ok, ma mica devo sentirmi in colpa se il
    > ministero
    > del mio stato fa schifo? Mica sono un
    > ministro,
    > e neanche un suo complice...

    Questo e' vero pero', sei italiano (a meno che tu non sia svizzero), e se muovi una critica generica ad un altro paese, altrettanto genericamente puoi essere giudicato tu.
    Questo vale per le critiche e anche per gli elogi: i cinesi sono industriosi e lavoratori ma sono tutti invischiati nelle triadi, gli italiani sono romantici e rubacuori ma tutti mafiosi.
    Ovvero, le critiche, le osservazioni e gli elogi generici, semplificano i concetti ma fanno tanti torti o eccedono in lodi.
    Molti italiani non sono ne' mafiosi ne' romantici, cosi' come ci sono cinesi pigri e che non fanno parte delle triadi.

    Detto questo, se muovo critiche al sistema di un altro paese, personalmente mi vergono se nel mio accade di peggio, anche se non e' colpa mia nemmeno indirettamente.
    Se dico che i russi sono alcolizzati, non voglio dimenticare quanti in Italia hanno la cirrosi o si ammazzano in strada ubriachi.
    Per cui per dovere di cronaca - e si badi, non per esterofilia - mi sono sentito di sottolineare che da noi le cose - purtroppo - non sono migliori.
    Detto questo, sono ben lieto di accodarmi a criticare un analogo comportamento cinese o a dire che gli scozzesi sono tirchi e i russi ubriaconi. Purche' non si sottointenda con cio' che da parte nostra come nazione si possa camminare sempre a testa alta.
    non+autenticato
  • > Questo e' vero pero', sei italiano (a meno
    > che tu non sia svizzero),

    Italiano

    > e se muovi una
    > critica generica ad un altro paese,
    > altrettanto genericamente puoi essere
    > giudicato tu.

    sicuramente

    > Questo vale per le critiche e anche per gli
    > elogi: i cinesi sono industriosi e
    > lavoratori ma sono tutti invischiati nelle
    > triadi, gli italiani sono romantici e
    > rubacuori ma tutti mafiosi.
    > Ovvero, le critiche, le osservazioni e gli
    > elogi generici, semplificano i concetti ma
    > fanno tanti torti o eccedono in lodi.
    > Molti italiani non sono ne' mafiosi ne'
    > romantici, cosi' come ci sono cinesi pigri e
    > che non fanno parte delle triadi.
    >
    > Detto questo, se muovo critiche al sistema
    > di un altro paese, personalmente mi vergono
    > se nel mio accade di peggio, anche se non e'
    > colpa mia nemmeno indirettamente.
    > Se dico che i russi sono alcolizzati, non
    > voglio dimenticare quanti in Italia hanno la
    > cirrosi o si ammazzano in strada ubriachi.
    > Per cui per dovere di cronaca - e si badi,
    > non per esterofilia - mi sono sentito di
    > sottolineare che da noi le cose - purtroppo
    > - non sono migliori.
    > Detto questo, sono ben lieto di accodarmi a
    > criticare un analogo comportamento cinese o
    > a dire che gli scozzesi sono tirchi e i
    > russi ubriaconi. Purche' non si sottointenda
    > con cio' che da parte nostra come nazione si
    > possa camminare sempre a testa alta.

    Si, ma non si parlava di luoghi comuni (se no
    prima di parlare degli scozzesi penso ai genovesi Occhiolino)
    o di una critica generica a un paese ma a una specifica
    cosa successa in cina che mi sembra un bel po' peggio
    che il ministro italiano che prende le mazzette per fare
    usare word invece che openoffice... cosa che peraltro non
    sapevo prima che me lo dicessi tu Sorride

    Non e' mia abitudine muovere critiche x pregiudizi, e
    neanche sottointendere di essere meglio quando critico...

  • - Scritto da: radel
    notizia: Degli stati dove tutto è
    > centralizzato e statale stanno creando un
    > o.s. che tutti gli uffici sono, per forza,
    > obbligati ad usare. E così obbliigheranno i
    > dipendenti. E creeranno un VERO monopolio in
    > quegli stati.
    [..cut..]
    > Perchè lì mica li possono obbligare ad
    > usarli.
    > In Cina sì...
    E' evidente che sei in malafede, prima usi il plurale (obbligheranno, creeranno..) dando ad intendere che tutti e tre i paesi citati siano delle dittature, poi invece, quasi in ounta di piedi ammetti di essere a conoscenza del fatto che solo la Cina lo è.
    Secondo me sei solo un povero razzista e devi delle scuse a tutti i giapponesi ed i koreani. Queste cose mi fanno vergognare di parlare la tua stessa lingua.

  • - Scritto da: paulatz
    >
    > - Scritto da: radel
    > notizia: Degli stati dove tutto è
    > > centralizzato e statale stanno creando un
    > > o.s. che tutti gli uffici sono, per forza,
    > > obbligati ad usare. E così obbliigheranno
    > i
    > > dipendenti. E creeranno un VERO monopolio
    > in
    > > quegli stati.
    > [..cut..]
    > > Perchè lì mica li possono obbligare ad
    > > usarli.
    > > In Cina sì...
    > E' evidente che sei in malafede, prima usi
    > il plurale (obbligheranno, creeranno..)
    > dando ad intendere che tutti e tre i paesi
    > citati siano delle dittature, poi invece,
    > quasi in ounta di piedi ammetti di essere a
    > conoscenza del fatto che solo la Cina lo è.
    > Secondo me sei solo un povero razzista e
    > devi delle scuse a tutti i giapponesi ed i
    > koreani. Queste cose mi fanno vergognare di
    > parlare la tua stessa lingua.

    Forse sì, forse no.
    Forse non applaudo ad una cosa che, in occidente, sarebbe stata una burla.
    Forse mi chiedo come mai, ancora allo stato di progetto, si possa già contare il numero di milioni di utenti che lo useranno.
    Sarà forse che imporranno balzelli sulle importazioni? Forse faranno qualche leggina? Forse qualche astuto modo che non conosco?
    Non lo so, ma se sono così sicuri che una volta tirato fuori il loro o.s. scosciuto e senza applicazioni magicamente milioni di persone lo utilizzeranno avranno i loro modi per convincerli, no?
    Forse non parliamo la stessa lingua, perchè questo è quello che ho detto.
    Understand?
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
1 | 2 | 3 | Successiva
(pagina 1/3 - 12 discussioni)