Gabriella Tesoro

Jimbo Wales consulente a Downing Street

Il co-fondatore di Wikipedia è stato nominato consulente del governo di Sua Maestà. Si occuperà di progetti di open government che puntano ad avvicinare le istituzioni ai cittadini

Roma - Il co-fondatore di Wikipedia, Jimmy Wales, diventerà un consulente non pagato del Governo britannico in un progetto che vede l'interazione tra funzionari pubblici e cittadini tramite Internet. La notizia è stata data da Rohan Silva, il consigliere speciale del primo ministro David Cameron, nel corso di una conferenza al South by Southwest (SXSW), il famoso festival che si svolge ogni primavera ad Austin, in Texas.

Wales si dovrebbe occupare di progetti specifici che puntano ad implementare una maggiore trasparenza del governo di Londra attraverso l'utilizzo di Internet e lo sviluppo delle tecnologie. Non è ancora chiaro quanto durerà la consulenza o chi abbia scelto Jimbo per questo ruolo.

La nomina di Wales rientrerebbe nel più ampio progetto di open government, l'iniziativa che già da un po' di tempo stuzzica, e non poco, Downing Street. Già lo scorso anno 200mila dipendenti pubblici hanno partecipato a un corso sul crowdsourcing e il sito www.gov.uk diventerà presto l'unico contenitore dei materiali e delle iniziative prodotte dal Governo. In questo modo si prevede di risparmiare quasi 60 milioni di euro, che saranno poi destinati alla costruzione di una piattaforma di web publishing che fornirà diversi servizi online. "Dobbiamo utilizzare le nuove tecnologie per riformulare la politica del XXI secolo" ha affermato Silva.
La scelta di Jimbo non sembra casuale. Nel 2001 Wales fondò, assieme al filosofo Larry Sanger, la più grande enciclopedia online scritta (e corretta) dai suoi stessi lettori. Oggi, con 400 milioni di visitatori, è tra i primi dieci siti del mondo.

Gabriella Tesoro
Notizie collegate
  • AttualitàWales: buon compleanno, Wikipedia!L'enciclopedia libera compie dieci anni. Per Jimbo è arrivato il tempo di bilanci e di buoni propositi per il futuro. Si punta al miliardo di utenti entro l'anno 2015. E ad una semplificazione del wikicodice per l'editing dei contenuti
  • AttualitàWikipedia, il buio oltre SOPAL'enciclopedia libera annuncia un giorno intero di blackout per protestare contro il disegno di legge anti-pirateria. Un agguerrito comunicato sostituirà tutte le pagine in lingua inglese. Diverso il parere di Twitter
  • Digital LifeWikipedia: siamo patrimonio culturaleL'enciclopedia libera fondata da Jimmy Wales aspira a rientrare nella lista dei patrimoni dall'UNESCO. Bisogna riconoscerne il valore culturale, secondo i sostenitori. Ma le procedure di approvazione non promettono esiti positivi