Claudio Tamburrino

Italia, soldi per l'editoria online?

A lasciarlo intendere è il sottosegretario Peluffo. Una misura che estenderebbe anche ai nuovi media i discussi contributi fin qui riservati alla carta

Roma - I 120 milioni di euro che il Governo ha stanziato come contributi all'editoria per il 2012 (meno dei 150 del 2011 e dei 180 del 2010) potrebbero finire anche a favore dell'editoria online.

A dirlo è il sottosegretario Paolo Peluffo, che parla di "parametri industriali corretti" sulla cui base erogare i fondi a quelle imprese che adottino "comportamenti adeguati all'evoluzione del settore" e della possibilità di un "maggiore impegno verso l'editoria online".

Ad apprezzare l'apertura è naturalmente ANSO, l'Associazione Nazionale della Stampa Online: "La chiedevamo da molto tempo e l'aspettavamo da ancor più tempo. Ma attendiamo che ci siano segnali decisi, azioni concrete, per essere soddisfatti". (C.T.)
Notizie collegate
  • Diritto & InternetMa che Butti dice?di G. Scorza - Il Senatore Butti si difende: nulla da temere, il DDL che parrebbe sottoporre a licenza ogni possibile forma di uso degli articoli di attualità è giustificato dal quadro normativo europeo e italiano. Ma le rassicurazioni non bastano quando un testo è vago
  • BusinessHuffington Post, prossimamente su questi schermiL'annuncio del gruppo L'Espresso. Entro l'anno il lancio del nuovo sito. Non ci sono dettagli sulla portata del progetto e sulla squadra
8 Commenti alla Notizia Italia, soldi per l'editoria online?
Ordina