CD protetti con ciliegina. By Sony

Perché acquistare un CD originale quando lo si può scaricare gratuitamente da Internet? A questa spinosa domanda Sony risponde con una tecnologia utilizzabile per rendere i CD originali più appetibili grazie a contenuti extra

Salzburg (Austria) - Sony DADC, l'unità di Sony che fornisce alle aziende servizi per la duplicazione industriale di CD e che sviluppa tecnologie anti-copia e di digital right management, ha recentemente svelato una nuova tecnologia, chiamata n-CD, che a suo dire offrirà ai produttori di contenuti l'opportunità di incrementare il valore dei propri CD e scoraggiare la pirateria.

La tecnologia n-CD, che Sony affianca alle altre sue soluzioni di protezione Key2audio e SecuROM, si basa su di un concetto molto semplice: consentire alle etichette di musica e ai distributori di videogiochi di corteggiare i consumatori attraverso contenuti "bonus" accessibili esclusivamente da un solo utente in possesso del CD originale. Sony afferma che n-CD abbina alla propria tecnologia "unique disc identification", in grado di assegnare ad ogni CD un numero identificativo unico protetto da una chiave crittografica, un link Web sicuro attraverso cui il legittimo proprietario del CD può registrare il prodotto e accedere ai contenuti extra esclusivamente dal proprio PC.

Sony ha spiegato che case discografiche e produttori di videogiochi - i due segmenti industriali a cui si rivolge la tecnologia n-CD - potranno arricchire i propri CD con contenuti promozionali e offerte, come ad esempio tracce audio bonus, sconti sull'acquisto di un altro prodotto o sul prezzo del biglietto di un concerto, e avviare campagne a punti.
"Con la soluzione n-CD Sony DADC ha dato ai consumatori una buona ragione per acquistare i dischi invece che copiarli o scaricarli", ha affermato Sony in un comunicato. "I consumatori che compreranno un CD originale riceveranno più della sola esperienza d'ascolto o di gioco pubblicizzata sull'etichetta".

Ammesso che i lucchetti di Sony resistano alle abili mani dei cracker, c'è da chiedersi se basterà davvero qualche contentino a far desistere il vasto popolo dei downloader dallo scaricare i propri MP3 o i propri giochi preferiti dalla Rete. Questo probabilmente dipenderà anche da quali bonus verranno inclusi sui CD, ma in linea generale è facile prevedere che non sarà qualche buono sconto col lucchetto a frenare la pirateria o a placare le proteste dei consumatori contro il prezzo, ritenuto troppo elevato, di CD audio e videogiochi.

Ai precedenti dubbi sembrano poi destinati ad aggiungersi quelli relativi alla privacy degli utenti.

"Quando un utente naviga attraverso il link sicuro, le utili informazioni sulle sue preferenze in fatto di Internet e acquisti on-line vengono generate per future attività di marketing", si legge in un comunicato di Sony. "Il metodo di identificazione del disco associa il disco con il link Web sicuro. Le aziende possono utilizzare i dati come base per prossime offerte e per confezionare le offerte di marketing sui gusti dell'utente".

A quanto pare la tecnologia di Sony può essere utilizzata dalle major per raccogliere informazioni sulle abitudini dell'utente. Dunque, insieme al bonus ci si porterà a casa anche lo spyware?

E mentre Sony si affanna a trovare soluzioni che tengano in vita il CD, Forrester Research ha pubblicato uno studio secondo il quale l'uso dei supporti ottici è destinato, nel campo dell'intrattenimento digitale, a precipitare entro pochi anni e lasciare il passo al download dei contenuti via Internet.
69 Commenti alla Notizia CD protetti con ciliegina. By Sony
Ordina
  • Il problema che viene sollevato principalmente nel forum è il costo elevato dei CD.
    Ossia la tesi sostenuta è: costo dei CD diminuito = problema del P2P risolto (o parzialmente risolto).

    Io non penso che chi fa i conti x le multinazionali sia uno stupido però vorrei sapere dai pareri delle persone qual è il prezzo giusto per un CD in modo che la gente ritorni parzialmente da Kazaa al negozio.

    Una volta definito questo prezzo "giusto" bisogna valutare se alle multinazionali della musica conviene... faccio un esempio: se dimezzo il prezzo dei CD per avere convenienza le vendite dovrebbero piu' che raddoppiare.

    Personalmente non penso che ciò accadrebbe e neppure diminuendo del 20% il costo di un CD riuscirei a strappare un 20% di aquirenti al P2P... passando da 20 ? a 16 ? per me pochi fan di kazaa se ne accorgerebbero.

    Penso che la soluzione adottata dalle multinazionali (ciliegine, lucchetti e spallate ai produttori di sw p2p e utenti p2p) sia l'unica da loro percorribile.
    Ci sarebbe l'iTunes ... ma anche in questo caso dato che i files scaricati hanno la stessa qualita' del P2P è necessario scoraggiare coloro che non pagano con azioni legali d'impatto.

    Nabla
    non+autenticato
  • Credo che il prezzo giusto dei CD sia quello che viene fatto pagare per acquistare una musicassetta. Non capisco per quale motivo un CD debba costare più di una musicassetta. Le spese sostenute per la realizzazione dei brani, i diritti d'autore, la pubblicità ecc, sono i medesimi, probabilmente il costo d'incisione di una musicassetta è maggiore rispetto a quello di un CD, ma stranamente, costa notevolmente di meno. Non sarà che le musicassette non le compera nessuno? Quale è la giustificazione delle case discografiche sulla differenza di costi tra i due supporti?
    non+autenticato
  • Un sistema del genere viene usato gia' da tempo x gli RPG online. in quel caso la "ciliegina" e' la possibilita' di giocare in Rete.
    non+autenticato
  • Ora ke mi viene in mente non e' una novita' nemmeno in ambito musicale: una sol del genere l' hanno adottata anke i Nightwish x la ver deluxe del loro ultimo album:
    * CD "protetto";
    * codice x scaricare i brani dalla Rete (mp3 @ 320 kbps);
    * codice x scaricare alcuni video dalla Rete (mi pare fossero dei live).
    non+autenticato
  • finalmente, ma ce ne devono infilare di roba per giustificare la spesa ..
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > finalmente, ma ce ne devono infilare di roba
    > per giustificare la spesa ..

    Forse non hai capito. La roba in piu', fara' si che i cd costeranno di piu'....

    Piu' che piegare la testa, stanno cercando di piegare ancora di piu' gli acquirenti verso i 90°...
    non+autenticato
  • se costeranno di piu' ne venderanno ancora meno,
    se costeranno lo stesso prezzo non ne venderanno uno in piu, a meno che non ci facciano stare anche un divx video
    non+autenticato
  • Perchè funzioni dev'essere per forza una cosa che abbia valore per l'utente. Mica saranno così stupidi sti produttori di musica e videogiochi!

    Vedrete che la utilizzeranno per inserire una parte importante dei giochi su internet: multiplayer, add-on che prolungano la vita del gioco, o perchè no? una registrazione tipo microsoft unica per ogni cd che "attivi" il gioco.

    In caso di musica, non saprei. Forse l'unica è la possibilità di vincere qualche biglietto per un concerto
    non+autenticato
  • - Scritto da: Anonimo

    infatti le case discografiche mica sono stupide: hanno fatto soldi a palate, loro. Alla faccia di chi si ostina a finanziare le ville, le vacanze e gli altri lussi di 'sti signori per avere il privilegio di ascoltare i vocalizzi dell'ultimo "fenomeno" e/o per possedere il gadget che va tanto di moda e "fa in"

    mah







    non+autenticato
  • invece di mettere i sonaglini dentro i cd, che non se ne frega niente nessuno...
    perchè poi, strano eh?, magari ce li faranno pure pagare di più...
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
1 | 2 | 3 | 4 | 5 | Successiva
(pagina 1/5 - 21 discussioni)