Mauro Vecchio

Microsoft arma gli States contro il pedoporno

Le autorità statunitensi avranno libero accesso alla tecnologia sviluppata da BigM per la lotta allo sfruttamento sessuale dei minori. PhotoDNA permetterà di individuare soggetti coinvolti tramite la biometria

Roma - Era il dicembre del 2009 quando un team di ricercatori Microsoft svelava PhotoDNA, tecnologia per il tracciamento di mappe accurate delle dinamiche legate alla pedopornografia online. Realizzato con la collaborazione della software company svedese NetClean, lo strumento di riconoscimento delle immagini è stato ora messo a disposizione - in maniera del tutto gratuita - degli ufficiali di polizia in terra statunitense.

Le autorità a stelle e strisce saranno così in grado di associare determinate immagini pedopornografiche a quelle già presenti nei propri database. Sviluppato con un gruppo di ricercatori del Dartmouth College, il software offerto da PhotoDNA sfrutta un approccio molto simile al riconoscimento facciale, abbinato ad un sistema biometrico per analizzare le immagini.

Stando ai vertici di BigM, la tecnologia di PhotoDNA riesce a catturare degli elementi identificativi di una fotografia a sfondo pedopornografico. I tratti individuati nelle immagini vengono dunque trasformati in specifici hash somatici per individuare i soggetti rappresentati. Una risorsa preziosa per gli agenti della Sicurezza Nazionale o del Federal Bureau of Investigation.
Il colosso di Redmond ha così messo a disposizione il codice sorgente per l'integrazione del tool PhotoDNA Analyze nei vari strumenti già a disposizione delle agenzie di polizia per la lotta allo sfruttamento sessuale dei minori. E la tecnologia svelata da Microsoft è stata già sperimentata dal National Center for Missing and Exploited Children (NCMEC) e dal social network Facebook.



Mauro Vecchio
Notizie collegate
  • AttualitàUSA, il sexting è innocuo?Una ricerca universitaria ha mostrato come il livello globale di condivisioni scollacciate sia decisamente basso. Le preoccupazioni sono ingiustificate, pochi gli arresti e tutti con aggravanti
  • SicurezzaFacebook, sicurezza affidata a WebsenseIl social network avvia una partnership per verificare i link in uscita. Garantita la possibilità di ignorare eventuali avvisi e procedere verso l'ignoto. E' la strada giusta?
  • AttualitàUSA, Operazione Antipedoporno72 accusati di abusi sessuali su minori: al centro, un forum internazionale dedito allo scambio di materiale pedopornografico
4 Commenti alla Notizia Microsoft arma gli States contro il pedoporno
Ordina