Alfonso Maruccia

HP, PC e stampanti a braccetto

L'azienda statunitense annuncia una nuova riorganizzazione con conseguente accorpamento delle divisioni in un unico comparto. Una mossa per ridurre i costi e semplificare la gestione

Roma - Qualcuno dirà che era solo questione di tempo: Hewlett-Packard ha annunciato un "riallineamento organizzativo" che porterà all'accorpamento della divisione stampanti (IPG) e personal computer (PSG) in un comparto unico chiamato Printing and Personal Systems Group.

Il business delle stampanti è in discesa, quello dei PC soffre la stagnazione, e per meglio prepararsi alle sfide del prossimo futuro il management del colosso statunitense decide di semplificare la struttura aziendale mettendo assieme due business che da soli rappresentano circa la metà dei 30 miliardi di ricavi trimestrali dell'azienda.

A guidare il nuovo gruppo ci sarà Todd Bradley - già vicepresidente del gruppo PSG dal 2005 - mentre il responsabile di IPG Vyomesh Joshi è sulla via della pensione dopo 31 anni passati con HP. L'azienda dice che l'accorpamento delle due entità prima separate "razionalizzerà la strategia go-to-market, il branding, la catena dei fornitori e il supporto clienti in tutto il mondo".
Press release a parte, la verità sullo stato delle cose aveva già avuto modo di dirla il nuovo CEO Meg Whitman, il terzo amministratore delegato assunto da HP in meno di tre anni: "Non abbiamo fatto gli investimento che avremmo dovuto fare nel corso degli anni passati per rispondere alle aspettative dei clienti e ai trend di mercato - aveva detto Whitman - E come risultato, oggi assistiamo all'erosione nei ricavi e nei profitti".

Alfonso Maruccia
Notizie collegate
  • BusinessIl 2013 è l'anno di HPIl nuovo amministratore delegato di HP preconizza un 2012 duro. Promettendo di tornare ai valori fondanti dell'azienda per recuperare il terreno perduto. E basta alle acquisizioni alla Palm
  • BusinessHP e Dell, numeri depressiI due produttori statunitensi comunicano i rispettivi risultati trimestrali: il business dei PC langue, i numeri calano e per tamponare la situazione il management pensa a tagliare posti di lavoro
5 Commenti alla Notizia HP, PC e stampanti a braccetto
Ordina
  • Nato male, finisce male, come è giusto che sia.
    ruppolo
    33147
  • Che ca22o significa quedta trollata?
    non+autenticato
  • - Scritto da: uno qualsiasi
    >
    > Che ca22o significa quedta trollata?

    hehe il caro ruppolo
    ne ha di sassetti da levare dalla scarpaOcchiolino

    niente trollata, questo è uno dei segnali che le previsioni fatte sul mondo post PC si stanno avverando

    vatti a rivedere i commenti

    HP e il lungo addio ai PC
    http://punto-informatico.it/b.aspx?i=3252136

    HP, il PC è ancora lì
    http://punto-informatico.it/b.aspx?i=3264159

    HP: i PC restano
    http://punto-informatico.it/b.aspx?i=3320496
  • in realtà i problemi non sono i pc (che non spariranno mai, al limite evolveranno, ma non sarà ipad lo strumento da ufficio) ma le stampanti.
    HP dominava il mercato e le sue stampanti sono effettivamente di qualità molto alta (dove lavoro ci sono stampanti di oltre 10 anni di vita che ancora lavorano egregiamente) ma i cui costi di produzione e di mantenimento sono ormai troppo alti rispetto alla concorrenza (che produce in plasticaccia) per cui alla fine meglio cambiare una stampante dopo 3 anni e pagarla (come tco) 5 volte di meno che mantenere una hp (alla faccia dell'ecologia e dei rifiuti). ed HP sta perdendo il business...
    non+autenticato
  • - Scritto da: Luca
    > HP dominava il mercato e le sue stampanti sono
    > effettivamente di qualità molto alta (dove lavoro
    > ci sono stampanti di oltre 10 anni di vita che
    > ancora lavorano egregiamente) ma i cui costi di
    > produzione e di mantenimento sono ormai troppo
    > alti rispetto alla concorrenza (che produce in
    > plasticaccia) per cui alla fine meglio cambiare
    > una stampante dopo 3 anni e pagarla (come tco) 5
    > volte di meno che mantenere una hp (alla faccia
    > dell'ecologia e dei rifiuti). ed HP sta perdendo
    > il business...

    Senza contare che sono diventate un'industria markettara, dove il marketing viene prima di tutto.

    Volevo prendere una laser a colori un paio di mesi fa e sono andato sul sito HP.
    Sito pieno di fronzoli e animazioni che per prima cosa mi chiede che utilizzo ne farò (saranno CAZ*I miei, no???).
    Dopodiché provo a cercare STAMPANTE e mi escono fuori 110 risultati.

    Cioè CENTODIECI modelli di stampanti!!!
    Laser e inkeject tutte insieme, il 90% indistinguibili una dall'altra.

    A quel punto sono andato sul sito Canon e mi sono preso una bella canon Laser. Eccheca**o!
    Lì ancora c'è una suddivisione per tipologia e tra una stampante e l'altra riesci a capire che differenza c'è.

    Altro discorso poi, purtroppo che vale un po' per tutti, è che ormai le stampanti sono a buttare e costa più l'inchiostro della stampante stessa. Questo lo trovo ESTREMAMENTE fastidioso.
    Ma HP è una delle peggiori in questo e quella che ha lanciato il trend. Da penalizzare solo per questo.