Mauro Vecchio

TVShack, estradizione all'appello

L'avvocato del giovane admin Richard O'Dwyer presenta il ricorso contro l'autorizzazione fornita dal Segretario di Stato britannico al governo di Washington. Se trasferito e condannato, lo studente rischia 10 anni per i link pirata

Roma - A mostrare il segnale di via libera era stato il Segretario di Stato britannico Theresa May: il giovane studente di Sheffield Richard O 'Dwyer verrà estradato in terra statunitense, accusato di violazione massiva del copyright sul suo sito di indexing TVShack. Disperazione da parte dei familiari, che hanno ora confermato il ricorso in appello contro l'autorizzazione fornita dalle autorità d'Albione al governo di Washington.

Ai vertici della U.S. Immigration and Customs Enforcement (ICE) non importa che il giovane laureando sia cittadino britannico. Né che i server del suo sito di linking risiedano al di là dei confini statunitensi. Come già ribadito in passato, tutti i domini .com o .net farebbero capo al registrar della Virginia Verisign. Dunque sequestrabili dalle autorità a stelle e strisce in casi di proliferazione selvaggia dei contenuti.

Sul caso USA vs O 'Dwyer sono intervenuti anche gli attivisti di Open Rights Group, che hanno chiesto al governo britannico ulteriori spiegazioni sull'ordine d'estradizione autorizzato dal Segretario di Stato. Le autorità nazionali hanno sottolineato come gli Stati Uniti possano mettere le mani sul giovane admin dal momento che un giudice ha stabilito un'area di manovra giuridica per il governo al di là dell'Atlantico.
In altre parole, è stato confermato il ragionamento fatto negli States: le attività dei domini .com sono controllate dal registrar della Virginia, in particolare quelle che colpiscono direttamente l'industria locale del cinema o del disco. Stando alle accuse, TVShack avrebbe sottratto più di 200mila dollari in entrate pubblicitarie illecite. Se condannato, O 'Dwyer rischia fino a 10 anni di carcere.

Mauro Vecchio
Notizie collegate
  • AttualitàUK, i dolori del giovane adminUn giudice di Londra mostra il segnale di via libera alle autorità statunitensi. Lo studente britannico Richard O'Dwyer verrà estradato, rischiando fino a 10 anni di carcere. Annunciato il ricorso in appello
  • AttualitàCopyright, estradizione contesaUSA e Regno Unito si litigano un 23enne fondatore di una piattaforma di indexing. La decisione dei giudici arriverà il 13 gennaio. Sempre che non vengano rivisti gli accordi bilaterali
  • AttualitàUSA: estradizione per i pirati .comIl governo di Washington vuole mettere le mani sul giovane operatore del sito di indexing britannico TVShack. Tutti i domini .com e .net sarebbero da considerarsi legati ai server a stelle e strisce
5 Commenti alla Notizia TVShack, estradizione all'appello
Ordina
  • perchè pensare che se i server risiedono
    fisicamente fuori dagli USA ma il loro
    domio di primo livello(.com,.net, ecc.) è
    amministratore da un organismo USA(è qui
    ci sarebbe molto da riformare a livello
    mondiale) l'eventuale reato commesso dai
    possessori di detti server sia di competenza
    della legislazione a stelle e striscie è
    pura follia del diritto internazionale.

    Allora se possiedo un sito di ecommerce con
    dominio .COM debbo pure pagare le tasse al
    governo degli stati uniti ? O comunque osservare
    le leggi commerciali degli USA ?

    Credo sia ora che gli USA diventino "uno" dei
    stati interconnessi ad Internet e non
    lo stato che ha diritto di vita e di morte
    (tramite l'ICANN) su Internet stessa.
  • probabilmente avrebbero proposto 15 anni... sono gli USA una teocrazia al pari dell'Iran, con la differenza che il dio USA si chiama DENARO. Per il resto sono identici.
    non+autenticato
  • solo perchè non si parla di iPhone?
    Eppure la cosa mi pareva un filo piú importante...
    non+autenticato
  • - Scritto da: Vic gaber
    > solo perchè non si parla di iPhone?
    > Eppure la cosa mi pareva un filo piú importante...
    e' vero. Ma l'articolo aggiunge solo un tassello a una storia che gia' conosciamo....
    E poi il cazzeggio su P.I. ha livelli molto alti.. per quello vanno bene i post sulla Apple... ci sono sempre i soliti 4 giapponesi che difendono il fortino a oltranza e vengono coglionati Sorride
    non+autenticato
  • - Scritto da: Vic gaber
    > solo perchè non si parla di iPhone?
    > Eppure la cosa mi pareva un filo piú importante...

    perche qui si posta e litiga sulle stupidate, delle cose importanti frega niente a nessuno. pi e' l'equivalente informatico delle riviste per donne dal parrucchiere: servono argomenti leggeri, gossip e pubblicita', il resto non importa. la tipa in coda per la tinta vuole le notizie sulla diva che litiga col fidanzato, vedere un servizio su gente che muore di fame da qualche parte nel mondo le procurerebbe solo disagio e fastidio. A me, questa notizia di giustizia-fai-da-te tra america e inghilterra, da fastidio, vorrei litigare sugli angoli brevettati dell'ipad.
    non+autenticato