Mauro Vecchio

Google, una risposta per scavalcare il paywall

BigG rivitalizza le vecchie ricerche di mercato, ponendole come un'alternativa ai meccanismi di sottoscrizione a pagamento. I publisher guadagneranno dalle risposte degli utenti, che in cambio accederanno ai contenuti premium

Roma - Si chiama Consumer Surveys ed è l'ultima iniziativa annunciata da Google per il marketing online. In particolare, introducendo una efficace alternativa ai classici meccanismi di paywall adottati da grandi quotidiani e publisher che distribuiscono agli utenti contenuti premium a sottoscrizione.

Dalle potenti aziende nella lista di Fortune ai negozi dietro l'angolo. Il colosso di Mountain View ha sottolineato come il nuovo progetto rappresenti una soluzione flessibile per svariate tipologie di business. Con un principio basilare: sfruttare le classiche domande utili al mercato per guadagnare sui siti web.

Ma come proporre ancora le più fastidiose ricerche di mercato, spesso cestinate al volo dai consumatori esasperati? Google sembra aver trovato il classico uovo di Colombo: gli utenti dovranno rispondere a domande elementari - quale logo preferisci? Perché compri questa marca di popcorn? - per poter accedere ai contenuti premium.
In sostanza, lo stesso concetto del paywall che sostituisca i soldi degli utenti con alcune semplici risposte. I lettori del New York Daily News - uno dei primi quotidiani ad aderire all'iniziativa - potranno dunque accedere agli articoli o ai video facendo sapere agli inserzionisti perché comprano una merendina.

E BigG ha fornito ai potenziali partner un preventivo di guadagno con il progetto Consumer Surveys. Per ciascuna risposta fornita dalla generica popolazione statunitense, il publisher guadagnerà 10 centesimi di dollaro. Sono 150 dollari per 1500 risposte.

Più succulente le risposte fornite sul sito da particolari segmenti demografici della popolazione a stelle e strisce. 50 centesimi di dollaro, 750 dollari per 1500 risposte. Ovviamente bisognerà stabilire i campioni d'interesse, per genere, età o area geografica di residenza.



Mauro Vecchio
Notizie collegate
  • BusinessNew York Times, tutti i numeri del paywallSfiorata la quota dei 500mila abbonamenti alla versione digitale del prestigioso quotidiano statunitense. I vertici editoriali riducono il numero di articoli gratuiti da 20 a 10 ogni mese. Seguirà una nuova crescita?
  • BusinessUSA, notizie tra social, mobile e bersagli pubblicitariIl ruolo di Facebook e Twitter come fonte primaria di informazione resta ancora marginale. Ma cresce, come cresce la propensione degli utenti a usufruire dei contenuti su diversi dispositivi. Il panorama di Pew Research Center Project for Excellence in Journalism
  • AttualitàMurdoch, il paywall non pagaDubbi sul pedaggio del Times anche da parte degli inserzionisti, che scappano dal giornale. Una questione che non appare solo di mercato ma anche culturale
1 Commenti alla Notizia Google, una risposta per scavalcare il paywall
Ordina
  • Scusate, ma la novità dov'è? Che lo fa Google?
    Di iniziative del genere (per denaro, per beneficienza, per volontarietà, ecc) ne sono state proposte molte negli anni ma di solito si diceva che la gente può rispondere quel che vuole nei questionari, quindi hanno poco valore (soprattutto se premianti, mentre quelle di beneficienza o di volontarietà, si suppone siano fatti da gente "sensibile" al tema di chi lo propone). Proprio per quello Google vale molto, e perchè le informazioni che raccoglie sono "spontanee" nelle ricerche (uno non cerca cose pe ingannare Google).
    non+autenticato