Alfonso Maruccia

WiFi, accordo sul brevetto australiano

Fuori dal tribunale c'è intesa tra la società di ricerca australiana proprietaria di un brevetto chiave sul Wireless e decine di aziende statunitensi che si occupano di tecnologia. Milioni, prima che la licenza scada nel 2013

Roma - Dopo anni di battaglie legali nei tribunali statunitensi, tra l'australiana Commonwealth Scientific and Industrial Research Organisation (CSIRO) e 23 aziende che operano nel settore della tecnologia è pace stragiudiziale: le aziende potranno usare un importante brevetto sul WiFi assegnato al CSIRO, ma dovranno pagare per farlo - almeno finché la proprietà intelletuale non scadrà nell'anno 2013.

Una questione che si trascina da lungo tempo, quella sollevata dall'organizzazione australiana contro l'industria del WiFi a stelle e strisce. Motivo del contendere: un brevetto assegnato negli anni '90 di importanza fondamentale per le reti WLAN (802.11a e 802.11g), ben prima che le reti senza fili divenissero ubique al punto da essere date per scontate su ogni genere di dispositivo tecnologicamente avanzato.

In questi anni CSIRO ha collezionato vittorie legali e accordi economici con le aziende di volta in volta trascinate nei tribunali statunitensi: il precedente accordo stragiudiziale risale al 2009, e coinvolge 14 aziende - inclusi colossi del calibro di HP, Microsoft, Intel, 3Com e Nintendo - che hanno accettato di pagare 205 milioni di dollari australiani come compensazione della mancata licenza per l'utilizzo del brevetto WiFi.
Il nuovo accordo vale invece 220 milioni di dollari australiani (229 milioni di euro), cifra che si stima servirà a compensare la commercializzazione di due miliardi di dispositivi compatibili wireless (in aggiunta ai 3 miliardi già esistenti) entro l'anno prossimo. A quel punto il brevetto scadrà e CSIRO non avrà più diritto a incassare alcunché.

Alfonso Maruccia
Notizie collegate
  • AttualitàWi-Fi sotto lo scacco di un brevettoL'industria di Wi-Fi appare minacciata da un brevetto, posseduto da un'organizzazione governativa australiana, che proprio negli scorsi giorni ha trionfato in tribunale. Ora dovrà però affrontare i big del settore
1 Commenti alla Notizia WiFi, accordo sul brevetto australiano
Ordina