Mauro Vecchio

Musica digitale, gli artisti ringraziano

Nel Regno Unito, royalty maggiorate per gli artisti. Merito delle piattaforme di distribuzione come iTunes e Spotify. Sull'altro lato della medaglia, un calo continuo nel settore relativo ai dischi fisici

Roma - I dati sono stati diramati dai vertici di PRS for Music, l'organizzazione che in terra britannica rappresenta gli interessi di 75mila artisti nel campo musicale. Nell'anno 2011 le royalty in favore di compositori e songwriter sono aumentate del 3,2 per cento, lievitando ad una cifra complessiva di 635,3 milioni di sterline.

Profitti maggiorati grazie all'esplosione delle piattaforme di distribuzione musicale online, dal colosso iTunes al servizio svedese Spotify. Le royalty provenienti dal settore digitale sono infatti aumentate del 45 per cento rispetto al 2010, anche se per un valore non esattamente impressionante: poco più di 38 milioni di sterline.

Ma il CEO di PRS for Music Robert Ashcroft ha sottolineato come le vendite su iTunes e Spotify riescano a bilanciare le perdite derivanti dal settore dei dischi fisici. Sempre in tema di royalty, gli artisti d'Albione hanno fronteggiato un declino del 13,3 per cento nel 2011 sulle vendite dei CD, per un totale di 101 milioni di sterline. (M.V.)
Notizie collegate
  • Digital LifeNapster, nostalgia pirataI due fondatori Sean Parker e Shawn Fanning tornano a parlare degli albori della rivoluzione condivisa. Nessuna piattaforma di oggi sarebbe riuscita ad offrire strumenti comunitari agli utenti. Che potrebbero preferire ancora il versante pirata
  • BusinessMusica digitale, il grande acutoCrescono le piattaforme a sottoscrizione, così come il download legale di brani singoli e album. Il Digital Music Report di IFPI rispecchia però il continuo declino dei supporti fisici. La minaccia resta il fenomeno pirateria
14 Commenti alla Notizia Musica digitale, gli artisti ringraziano
Ordina
  • Vuole ancora i CD oppure download digitali ma loseless o meglio ancora in qualita' superiore al CD.
    Qui non si tratta solo di un cambio di formato, si parla anche di un livellamento verso il basso della qualita'. La comodita' vince sulla qualita'.
  • - Scritto da: DownToTheMoon
    > Vuole ancora i CD oppure download digitali ma
    > loseless o meglio ancora in qualita' superiore al
    > CD.
    > Qui non si tratta solo di un cambio di formato,
    > si parla anche di un livellamento verso il basso
    > della qualita'. La comodita' vince sulla
    > qualita'.

    Purtroppo chi cerca la comodita' e' di piu' di chi cerca la qualita', io ad eesempio ascolto musica come sfondo mentre faccio cose o in auto, quindi della qualita' non mi interesso granche'.
    krane
    22544
  • - Scritto da: DownToTheMoon
    > Vuole ancora i CD oppure download digitali ma
    > loseless o meglio ancora in qualita' superiore al
    > CD.
    > Qui non si tratta solo di un cambio di formato,
    > si parla anche di un livellamento verso il basso
    > della qualita'. La comodita' vince sulla
    > qualita'.

    Comprati i dischi in vinile, allora.
    Avrai la qualità... e le case discografiche saranno contente di vendere in un formato non duplicabile senza perdita di qualità.

    Se vi mettete a fare così, il mercato della musica alla fine sarà costituito solo più da dischi in vinile.... e a nessuno importerà più se i brani sono anche disponibili in mp3, visto che gli mp3 saranno usati solo dagli utenti che comunque non comprerebbero il vinile.
    non+autenticato
  • Giuste osservazioni sia quella di Krane che quella di Uno Qualsiasi.
    Io penso che sia giusto avere la scelta. Vuoi avere l'ultima hit per il lettore mp3 che usi mentre sei in metropolitana o mentre vai a correre? Giusto poterla acquistare a buon prezzo senza dovere acquistare un caro cd.
    Vuoi ascoltarti un Karajan con una cuffia di gamma alta? Un jazz, un bel live come si deve? Allora vorrei potere trovare il CD o l'LP senza pagarlo oro. Mi va bene anche un flac o un altro media non fisico di elevato livello (per quanto, ma sono fisime mie, trovi piacere anche nel contatto fisico con il mezzo).
    Non si tratta allora di restare al 78 giri della nonna, si tratta di evolvere in praticita', in comodita' ma anche in qualita'.

    Ciao!
  • - Scritto da: DownToTheMoon
    > Giuste osservazioni sia quella di Krane che
    > quella di Uno
    > Qualsiasi.
    > Io penso che sia giusto avere la scelta. Vuoi
    > avere l'ultima hit per il lettore mp3 che usi
    > mentre sei in metropolitana o mentre vai a
    > correre? Giusto poterla acquistare a buon prezzo
    > senza dovere acquistare un caro
    > cd.

    Acquistare? gli mp3 sono gratis (si possono prendere anche da youtube).

    Quello che sostenevo è: gli mp3 gratis fanno concorrenza alle vendite di cd ed alle vendite su itunes (e quindi le case discografiche cercano di bloccarli); se però le case discografiche puntassero più alla vendita dei vinili ad alta qualità, il problema non si porrebbe (perchè gli mp3 non sono una alternativa valida, per chi compra il disco in vinile).


    > Vuoi ascoltarti un Karajan con una cuffia di
    > gamma alta? Un jazz, un bel live come si deve?
    > Allora vorrei potere trovare il CD o l'LP senza
    > pagarlo oro.

    Il cd sparirà (almeno come supporto per la musica). L'LP rimarrà... e probabilmente costerà caro (non stiamo parlando dei 45 giri, che costavano poco, ma dei 33 giri ad alta qualità), ma non è un problema: infatti, il valore di un LP si conserva nel tempo, o addirittura aumenta (un collezionista può pagare molto per un disco raro uscito in serie limitata), quindi comprare un LP costoso potrebbe anche essere un investimento.


    > Mi va bene anche un flac o un altro
    > media non fisico di elevato livello (per quanto,
    > ma sono fisime mie, trovi piacere anche nel
    > contatto fisico con il
    > mezzo).

    Il media non fisico non sarà venduto: si troverà gratis... e perciò alla casa discografica non converrà diffondere i files ad alta qualità, ma solo quelli in qualità media, per promuovere l'acquisto degli LP. Ma potrebbero comparire i rip fatti dagli utenti.
    non+autenticato
  • - Scritto da: uno qualsiasi
    > se però le case discografiche
    > puntassero più alla vendita dei vinili ad alta
    > qualità, il problema non si porrebbe

    Ma scherzi?
    Produrre un disco in vinile, costa!
    Molto meglio vendere allo stesso prezzo del vinile un file mp3: il prezzo di vendita e' guadagno NETTO e con una minima percentuale di quel guadagno si possono corrompere i governi in modo che legiferino a favore delle major.
  • Fortunatamente con quei soldi non si può comprare la tecnologia che impedisca la duplicazione dell'mp3.... per il semplice fatto che tale tecnologia non esiste.
    non+autenticato
  • Per colpa di queste diavolerie tecnologiche, hanno chiuso tutti i rivenditori di cilindri di cera!
    Mi toccherà cambiare il fonografo!
    Vergogna!
    non+autenticato
  • io posso dire lo stesso, con tutte queste maledette macchinette, nessuno vuol più i miei dagherrotipi... e che sarà mai star 2 ore in posa.. e poi tutti sti colori son perfettamente inutili
    non+autenticato
  • guardate lasciate stare, che devo dire io ? da quando il maledetto treno ha preso piede non vendo piu' un calesse che sia uno.....
    non+autenticato
  • Venditori di DVD (leggi videoteche) e CD si lamentano della pirateria!! Non vogliono capire che i nuovi mercati sono in rete streaming con pubblicità o costi ragionevoli o acquisto di singoli file a basso costo!!
    non+autenticato
  • Se fosse per me potreste marcire all'inferno!
    non+autenticato
  • Insieme a te.
    ruppolo
    33147
  • - Scritto da: ruppolo
    > Insieme a te.
    Rotola dal ridereRotola dal ridereRotola dal ridere
    Sgabbio
    26178