Claudio Tamburrino

Anche l'Australia pensa al cartello degli ebook

Dopo la causa ufficialmente aperta dagli Stati Uniti, anche agli antipodi si medita su un'azione nei confronti di Apple e gli editori

Roma - Anche l'Autorità australiana antitrust (Australian Competition and Consumer Commission, ACCC) starebbe prendendo in considerazione l'ipotesi di aprire una causa nei confronti di Apple e dei principali editori di ebook.

L'accusa è quella di aver costituito un cartello intorno al mercato degli ebook, in particolare con l'adozione del cosiddetto modello "di agenzia" che affida il controllo sul prezzo finale agli editori e non ai rivenditori, mantenendo così artificiosamente alti i costi.

L'Australia si unirebbe così alle autorità europee che si sono interessate della questione e al Dipartimento di Giustizia a stelle e strisce che ha ufficialmente aperto una causa. (C.T.)
Notizie collegate
4 Commenti alla Notizia Anche l'Australia pensa al cartello degli ebook
Ordina