Claudio Tamburrino

Oracle e Google, la resa dei conti

Lo scontro per l'utilizzo delle API Java avverrà davanti ad un tribunale di San Francisco

Roma - Davanti alla Corte federale di San Francisco si concretizzerà il procedimento legale che vede Google e Oracle scontrarsi per le API di Java.

Tutto è iniziato con la denuncia di Oracle nei confronti di Google per la violazione della proprietà intellettuale legata al codice Java impiegato nel test compatibility kit (TCK) Dalvik di Mountain View.

Il caso è complicato perché riguarda il copyright associato all'utilizzo delle API, insieme ad alcune intere linee di codice, di interfacce Java, linguaggio acquisito da Oracle nel 2010 insieme a Sun Microsystems. Dal momento che si parla di diritto d'autore la questione si fa complicata: si tratta - dice Google - di una tutela che riguarda l'espressione di un'idea e non l'idea in sé.
Oracle, da parte sua, dichiara che Mountain View avrebbe copiato intere linee di codice.
Successivamente, poi, una serie di interventi del giudice ha semplificato l'oggetto in sé del procedimento legale, stralciando in particolare le accuse basate su cinque dei sette brevetti chiamati in causa: questo tuttavia è continuato dal momento che le parti non sono riuscite a raggiungere un accordo stragiudiziale.

Convocati ora in tribunale come testimoni vi sono i CEO delle due aziende, Larry Page e Larry Ellison, ma anche l'ex CEO Sun Jonathan Schwartz e il vice presidente senior di Google Andy Rubin, il responsabile delle operazioni mobile e Android.

Oracle chiede 1 miliardo di dollari ed eventualmente il blocco di Android. Google afferma che i danni massimi si dovrebbero orientare intorno ai 100 milioni di dollari.

Claudio Tamburrino
Notizie collegate
9 Commenti alla Notizia Oracle e Google, la resa dei conti
Ordina
  • oracle vorrebbe poter brevettare anche i linguaggi di programmazione, cioè i costrutti, la sintassi, ecc...

    bah, follia pura
    non+autenticato
  • - Scritto da: collione
    > oracle vorrebbe poter brevettare anche i
    > linguaggi di programmazione, cioè i costrutti, la
    > sintassi,
    > ecc...
    >
    > bah, follia pura

    Mah teoricamente potrebbe sviluppare uno specifico linguaggio di programmazione e brevettarlo, in linea teorica non ci sarebbe alcun problema. Il problema sarebbe di natura commerciale perché un linguaggio "proprietario" per sua natura tende a respingere i programmatori amatoriali e gli appassionati che sviluppano tanto per passione.

    Brevettare i linguaggi di programmazione, in blocco, invece è impossibile: "prior art".
  • - Scritto da: shevathas
    > Mah teoricamente potrebbe sviluppare uno
    > specifico linguaggio di programmazione e
    > brevettarlo, in linea teorica non ci sarebbe
    > alcun problema. Il problema sarebbe di natura
    > commerciale perché un linguaggio "proprietario"
    > per sua natura tende a respingere i programmatori
    > amatoriali e gli appassionati che sviluppano
    > tanto per passione.
    >
    > Brevettare i linguaggi di programmazione, in
    > blocco, invece è impossibile: "prior art".

    La questione è leggermente, ma significativamente, diversa. Purtroppo sono pochi i siti che riescono a spiegare nel dettaglio la questione.

    Oracle in questi stessi minuti sta dichiarando in aula che il linguaggio JAVA e' coperto da copyright. Attenzione COPYRIGHT e non brevetto.

    Vorrebbero dire che non puoi neanche creare un linguaggio "simile" a Java nel senso che utilizza un set di API con nomi uguali a quello di Java (questo e' il caso di Android).

    Se passa questa linea, in teoria anche Java e' in violazione del copyright, perche' bene o male il modo in cui viene scritto e' ripreso pari pari dal C di kernighan e ritchie. Idem per praticamente tutti i linguaggi moderni.

    Nota a margine: Oracle sta puntando sul copyright perche' le presunte violazioni sui brevetti sono state tutte rigettate preliminarmente tranne UNA, che se viene accolta potra' fruttare a Oracle una decina di milioni di dollari.
    non+autenticato
  • in effetti ho approfondito meglio la faccenda e oracle parla di copyright

    sostengono che java è simile al klingon ( il quale è protetto da copyright ):D

    dicono che:

    "While copyrighting a computer language cannot prevent others from designing programming languages that serve the same functions, the detailed vocabulary and written expression of the computer language should be protectable elements if sufficiently original and creative."

    onestamente non vedo cos'è di java ad avere così originale e creativo

    e come pretendere un copyright su un linguaggio che è stato sviluppato in collaborazione con vari attori? e le concessioni di sun?

    la vedo onestamente come l'ultima arrampicata sugli specchi prima di perdere tutto
    non+autenticato
  • se stai fuori di cocciaSorride
  • - Scritto da: marietto2008
    > se stai fuori di cocciaSorride

    +1
    non+autenticato
  • cocoa apiA bocca aperta

    Clicca per vedere le dimensioni originali
    non+autenticato
  • Questo livello di cabaret a Zelig se lo sognano! A bocca aperta