massimo mantellini

Contrappunti/ Agenda digitale per pochi

di M. Mantellini - ╚ sulla bocca di tutti, ma stenta a trovare il consenso popolare. In attesa che diventi davvero realtÓ, resta roba da intellettuali salottieri e volenterosi addetti ai lavori

Contrappunti/ Agenda digitale per pochiRoma - Fino a circa un anno fa, se vi fosse venuta l'idea di domandare a qualcuno fra i vostri amici maggiormente addentro alle faccende internettiane cosa fosse l'Agenda Digitale, questi vi avrebbe probabilmente risposto trattarsi di uno di quei device elettronici nei quali le persone molto impegnate segnano gli appuntamenti di lavoro, il numero di telefono del gommista o la data del compleanno della suocera. Fino a quando un gruppuscolo di entusiasti variamente assortiti, capitanato da Stefano Quintarelli non decise di aprire un sito web, raccogliere l'adesione di un centinaio fra imprenditori, tecnologici e esperti ed acquistare una pagina pubblicitaria sul Corriere della Sera per sollecitarne l'adozione dell'Agenda Digitale Italiana, nessuno dalle nostre parti ne aveva mai sentito parlare.

Sono passati solo una manciata di mesi da allora e in Italia, sui giornali, in Rete, in certe stanze della politica, non si parla d'altro. L'agenda digitale è il mantra della nuova modernità e sgorga come acqua di fonte dalla bocca di tutti. ╚ un sacco di cose assieme: un progetto di intervento in cinque punti promesso dal Governo Monti ed affidato ad una cabina di regia nella quale siedono più ministri che concetti, è il centro di un paio di disegni di legge del PD e del PDL, che dovranno essere discussi, con calma, in Parlamento, è l'argomento di una paterna lettera di raccomandazioni di Agcom, è, infine, un tema forte nelle discussioni di rete. Detto in altre parole l'Agenda Digitale è la moda del momento, assunta a improvvisa notorietà in un Paese dove, fino al giorno prima, quella stessa Agenda mancava senza che nessuno se ne accorgesse (mentre nel resto dell'Europa era un tema già ben inquadrato nello scenario politico).

Che l'Italia avesse necessità di un maggiore impegno verso il digitale non era in dubbio: le nostre classifiche di penetrazione dell'utilizzo di Internet erano e sono tanto deprimenti quanto note, ma quello che forse non era prevedibile è che questa improvvisa presa di coscienza si trasformasse in una invocazione tanto corale ed uniforme. Se prendete i documenti del Governo, quelli del PD, quelli del PDL e perfino quelli di Agcom, troverete una inattesa comunione di intenti e punti di vista. Le frasi si ripetono, gli stereotipi abbondano, tutto è limpido e conseguente: può essere che il malato stia comunque per morire ma almeno il consulto al suo capezzale da parte dei grandi luminari mette d'accordo tutti. La diagnosi insomma è fatta, per la terapia si vedrà.
Non vi tedierò con l'elenco delle ragionevoli prese di posizione espresse da tutti al riguardo della Agenda; nei giorni scorsi, in ossequio ad una logica di rete che in questo Paese è da sempre del tutto estranea, ogni singolo cittadino potrà perfino inviare alla cabina di regia governativa il proprio punto di vista sulle cose da fare per rendere l'Italia più connessa e digitale. Le parole dei cittadini verrano ascoltate? Diventeranno ispirazione per nuove inedite scelte politiche?

Esiste una avanguardia illuminata che si occupa, in questo Paese come altrove, dell'elaborazione culturale di questi temi. Si tratta di uno sparuto gruppo di esperti e politici che ormai quasi quotidianamente si parlano, confrontano punti di vista, si scambiano impressioni. Gran parte del materiale di orientamento che circola in questi giorni al riguardo dell'Agenda Digitale è farina del loro sacco (oltre che adeguamento locale alle indicazione del Commissario europeo Neelie Kroes) e questo spiega la sostanziale, ragionevole uniformità delle proposte.

Purtroppo queste persone sono ancora sparuta eccezione dentro un meccanismo decisionale complesso che è in genere da sempre interessato ad altro. Fino al giorno in cui il Governo Monti non opterà in modo deciso per una svolta digitale del Paese (e fino ad oggi non lo ha ancora fatto, pur avendone avuto più di una occasione), passando con decisione dalla diagnosi alla terapia, le tonnellate di buone intenzioni contenute nei molti progetti per una Agenda Digitale Italiana continueranno ad essere quello che sono: ragionevoli chiacchiere fra amici con un hobby comune sconosciuto ai più.

Massimo Mantellini
Manteblog

Tutti gli editoriali di M.M. sono disponibili a questo indirizzo
8 Commenti alla Notizia Contrappunti/ Agenda digitale per pochi
Ordina
  • Faccio parte di AIP, no1948.org, vari Lug, ora c'é Agenda Digitale, poi un giorno magari ci sarà 'Coscienza Nazionale' o altre menate che qualcuno magari per propri interessi istituirà.
    Lo stesso Punto-Informatico é una stupenda agorà di idee (personalmente la ritengo la migliore aggregazione di informatici italiani).
    Sempre e comunque però le mie idee sono radunate sul mio blog.

    Presento il mio punto di vista o quello di altri quando coincide con il mio, nella speranza che le idee circolino e qualcuno che conta un giorno si accorga del rumore.

    Per cui ben venga se serve a qualcosa (non mi interessa se qualcuno ci guadagna, mi interessa che le idee circolino).
  • "improvvisa notorietà in un Paese dove, fino al giorno prima, quella stessa Agenda mancava senza che nessuno se ne accorgesse"

    Ma in che paese vivi? Se ne erano gia accorti tutti tranne la classe politica dirigente altro che "Nessuno"!!!!!!
    detesto questa abitudine Italiota di livellarci verso il basso ed assumere a nostro simbolo, a simbolo dell'Italia, sempre quella parte del paese insensibile tarda e ottusa che di volta in volta si rivela inadeguata ad affrontare ogni situazione. Non sempre il popolo è meglio dei suoi governanti, ma questa volta si!
    non+autenticato
  • - Scritto da: Nome e cognome


    > detesto questa abitudine Italiota di livellarci
    > verso il basso ed assumere a nostro simbolo, a
    > simbolo dell'Italia, sempre quella parte del
    > paese insensibile tarda e ottusa che di volta in
    > volta si rivela inadeguata ad affrontare ogni
    > situazione. Non sempre il popolo è meglio dei
    > suoi governanti, ma questa volta
    > si!

    Purtroppo viste le percentuali agghiaccianti di analfabetismo funzionale* che ci sono in Italia, ho paura che siamo noi la minoranza.

    *il non saper comprendere un testo scritto, anche di basso livello di difficoltà. Due terzi degli italiani sono ridotti così. Senza contare un buon 10% di analfabeti totali.
    Funz
    12989
  • Non sono un entusiasta del governo Monti, ma le iniziative per l'Agenda digitale mi sembrano un buon viatico per un passo avanti del nostro paese verso una economia e una socialità meno invasive per l'ambiente e più convenienti per imprese e famiglie. Non condivido e non comprendo il pessimismo dell'articolo, e i giudizi quasi spocchiosi in esso contenuti. Non aver fatto nulla, o quasi nulla, fino ad ora, non è certo una buona ragione per continuare a non agire. Qualcosa si sta muovendo: bene, entriamo nel merito, avanziamo proposte piuttosto che chiuderci in una torre e lanciare strali. Forse le prospettive non sono così rosee come ci dicono (uso pieno delle ict: duemila euro di risparmio annuo x famiglia), ma certo la strada intrapresa mi sembra quella corretta.
    non+autenticato
  • Visto che prima di non c'era niente non capisco tutto questo pessimismo.
    Di certo è stato il "la" per accendere nuovamente il dibattito. Nasceranno inoltre altre proposte da parte di altri partiti, ma non credo si debba puntare tutto su questo governo tecnico. Sarebbe bello sì avere qualcosa, e quel qual cosa fatto bene, subito. Visto l'andazzo, piuttosto che le solite castronerie, non val la pena attendere?

    Ad ogni modo, meglio questo articolo che quello di Scorza, tutta la vita!
  • mamma quanto rosica, i complessi di inferiorita' verso scorza ti stanno rovinando l'esistenza A bocca aperta
    non+autenticato
  • Questa è la natura di chi scrive e segue PI: anzichè commentare l'articolo di Mantellini si trolla!
    Poi solo questi pochi commenti! Vedo che il popolo della rete ci tiene eccome all'agenda digitale del paese!
  • Suppongo che questa potrà essere un'ottima iniziativa per spendere un sacco di milioni e poi, finito l'esperimento, non combinare nulla. Triste
    Intanto io (e gli altri cittadini) pago...Arrabbiato