Mauro Vecchio

Facebook e gli amici della sicurezza

Il social network stringe alleanza con gli specialisti della sicurezza informatica. Gli utenti potranno scaricare software antivirus per evitare i link del malware. In arrivo altre blocklist di URL

Roma - Una stretta di mano per la sicurezza di quasi 850 milioni di utenti in blu. Il gigante Facebook ha così annunciato l'accordo con alcuni tra i principali security vendor, da McAfee a Norton passando per Sophos e Trend Micro. La piattaforma Antivirus Marketplace sarà il nuovo bazar digitale dove tutti gli iscritti al social network potranno procurarsi adeguati strumenti contro i link fraudolenti.

Stando ai termini del patto con le società specializzate in sicurezza informatica, gli utenti di Facebook avranno a disposizione diversi software antivirus per navigare e cliccare senza paura. Da Symantec a Microsoft, i vari operatori permetteranno lo scaricamento gratuito dei propri strumenti con licenze d'uso che varieranno da 6 a 12 mesi.

Disponibili per PC e Mac, i pacchetti software segnaleranno la presenza di eventuali link per la distribuzione di malware. Oltre che proteggere la stessa piattaforma in blu da proliferazioni virali come quella del noto Koobface. In aggiunta, il social network usufruirà delle blacklist di URL stilate dalle società partner per arricchire il suo database di indirizzi web da bloccare.
Gli stessi responsabili di Menlo Park hanno sottolineato come, attualmente, meno del 4 per cento dei contenuti condivisi possa essere classificato come spam. "A differenza del 90 per cento di spam presente sui servizi di posta elettronica", ha precisato Facebook. I nuovi amici della sicurezza in blu provvederanno poi ad aggiornare il Security Blog con consigli e linee guida per una condivisione sempre protetta.

Mauro Vecchio
Notizie collegate
  • AttualitàKoobface, la gang beccata su FacebookI responsabili della "botnet social" non avrebbero fatto nulla per nascondere le proprie identitÓ, anzi. E visto che la magistratura russa non si muove, Facebook e gli altri hanno deciso di metterli alla pubblica gogna
  • AttualitàUK, in galera il cracker di FacebookLo studente britannico Glenn Mangham Ŕ stato condannato a 8 mesi di carcere, accusato di aver violato tre server del gigantesco sito in blu. Respinta la tesi della difesa: il giovane non avrebbe agito per il bene della sicurezza
  • SicurezzaFacebook, risolta la porno-vulnerabilitàArginato il flusso di violenza e pornografia che aveva seminato il disgusto tra gli utenti in blu. I tecnici di Facebook conoscono l'identitÓ dei responsabili. Non si tratta di alcun membro del collettivo Anonymous