la redazione

Nota/ PI Libri e Twitter per tutti

Cos', com' fatto e come funziona lo strumento eletto da vip e giornalisti come principe della comunicazione. Informazioni di base e qualche suggerimento per chi vuole approfondire la questione

Roma - Personaggi del mondo della TV, giornalisti, attori, musicisti, semplici persone: Twitter mette in comunicazione, in modo orizzontale, tutto e tutti. Senza (o quasi) barriere, tutti possono esprimere emozioni e pensieri in 140 caratteri. Quel che basta a una segnalazione o un consiglio, quanto basta a mettere in moto una conversazione planetaria.

Ed è proprio di Twitter che si occupa l'ultimo volume pubblicato nella sezione PI Libri: Twitter Begins, "rudimenti di Twitter" si potrebbe dire. Comprendere che cos'è lo strumento potentissimo che tutti coloro che hanno un PC o, meglio ancora, un telefonino di quelli in grado di collegarsi a Internet, possono utilizzare per annulare spazio e gradi di separazione per far giungere il proprio messaggio e le proprie idee ai quattro angoli della Terra.

Il volume, distribuito con licenza Creative Commons dal Geweb, in meno di 50 pagine offre una panoramica delle informazioni fondamentali per conoscere e giudicare il fenomeno Twitter: cos'è, che differenza c'è tra Twitter e Facebook, perché qualcuno cinguetta in inglese e altri nella propria lingua madre, come iniziare la propria avventura su questo social media registrando un account. Se non bastasse, ci sono pure indicazioni su come comprendere le dinamiche con cui le notizie si amplificano e si diffondono (vedi alla voce #hashtag), quali strumenti utilizzare per seguire il flusso, quali risorse consultare per restare aggiornati.
Twitter è mosso da un meccanismo semplice, e l'uccellino dell'azienda con sede a San Francisco cova una miniera sterminata di segnalazioni, informazioni, notizie, curiosità e conversazioni. Riuscire a comprendere fino in fondo le possibilità che offre richiede un certo grado di esperienza (e comunque non si finisce mai d'imparare): ma è indubbio che, come insegna anche la cronaca politica italiana, sempre più spesso il primo posto dove le notizie nascono e si diffondono è Twitter. Vale la pena per chiunque capire cosa sia questo Twitter e, magari, offrire il proprio contributo per arricchire la conversazione con le proprie osservazioni e idee. Ci vediamo su Twitter.