Mauro Vecchio

USA, blog in ostaggio senza prove

Il dominio musicale DaJaz1.com Ŕ stato liberato dopo un anno passato sotto sequestro. Ora si scopre che la RIAA aveva chiesto al governo di chiuderlo per pirateria. Senza lo straccio di una prova

Roma - Alla fine del 2010 le autorità statunitensi erano nel pieno della cosiddetta Operation In Our Sites, un agguerrito giro di vite sui siti della pirateria e della contraffazione. Tra le vittime, il blog specializzato in hip-hop DaJaz1.com, sequestrato dagli agenti della U.S. Immigration and Customs Enforcement (ICE) per aver distribuito materiale in violazione del diritto d'autore.

Il dominio rimane in ostaggio per circa un anno, con i legali di DaJaz1 all'attacco del governo a stelle e strisce. Nessuna comunicazione ai gestori del blog, magari con una spiegazione chiara dell'avvenuto sequestro. Alla fine del 2011, il dominio .com del sito musicale viene restituito ai legittimi proprietari. Anche qui senza un perché, in mancanza di prove specifiche per trattenerlo.

Sei mesi dopo, gli attivisti di Electronic Frontier Foundation (EFF) ottengono la pubblicazione dei documenti relativi al caso. E si scopre che la Recording Industry Association of America (RIAA) aveva segnalato il sito come se fosse tra le più pericolose piattaforme della pirateria digitale. Chiedendo al governo degli Stati Uniti di intervenire come braccio armato dell'industria musicale.
Ma si scopre anche che gli agenti dell'ICE non avevano ottenuto subito le prove contro DaJaz1, praticamente sequestrato in attesa di un effettivo riscontro. I vertici di RIAA non hanno mai dimostrato la colpevolezza dei gestori indicando la presenza del materiale illecito. Il dominio è stato liberato "in mancanza di prove" dopo essere risultato inaccessibile per 24 mesi.

Mauro Vecchio
Notizie collegate
  • AttualitàUSA, web sotto sequestroChiusi 18 domini legati alla contraffazione di beni di lusso. Una manovra azzardata dei federali avrebbe portato all'oscuramento di 84mila siti non direttamente collegati alla pedopornografia. Mentre il dibattito su COICA divampa
  • AttualitàUSA, più vicino l'embargo dei siti pirataLa Commissione Giudiziaria del Senato a stelle e strisce ha approvato all'unanimitÓ il COICA. Quella proposta di legge che darÓ alle autoritÓ federali la facoltÓ di tagliar fuori dalla rete interi siti web legati al file sharing
  • Diritto & InternetUSA, censura a perdereIl paese che ha dato i natali alla rete prende in ostaggio un dominio legittimo per un anno e poi lo restituisce senza dare spiegazioni. Mentre il Senato tenta di ammorbidire l'impatto dei sequestri preventivi previsti da SOPA
24 Commenti alla Notizia USA, blog in ostaggio senza prove
Ordina
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 8 discussioni)