Mauro Vecchio

Twitter, cinguettii senza traccia

La piattaforma di microblogging aderisce all'iniziativa Do Not Track voluta da Mozilla Foundation su pressione di FTC. Gli utenti in 140 caratteri potranno scegliere di rinunciare ai suggerimenti per guadagnare in privacy

Roma - Applausi scroscianti da parte degli attivisti per la tutela della privacy online: i vertici di Twitter hanno infatti ufficializzato l'adesione della piattaforma cinguettante alla campagna Do Not Track. Gli utenti in 140 caratteri potranno dunque scegliere la disattivazione delle specifiche feature per il tracciamento attraverso il browser Firefox, che si è adoperato tempestivamente per introdurle dopo le linee guida dettate dalla Federal Trade Commission (FTC).

La commissione a stelle e strisce aveva imposto ai vari protagonisti del web l'implementazione di un'opzione di opt-out per evitare lo sfruttamento dei cookie da parte di siti terzi e signori dell'advertising. Giganti del calibro di Facebook hanno appena permesso agli iscritti di vedere quali informazioni personali vengano raccolte online, non certo di scegliere una navigazione completamente anonima.

I responsabili di Twitter hanno ora preferito un percorso alternativo, concedendo ai profili di uscire dal sentiero della tracciabilità e dunque evitare il rastrellamento di informazioni personali e cookie. La modalità Do Not Track escluderà al contempo funzioni come le liste di potenziali following in base alle preferenze dimostrate nel corso del tempo.
Grande soddisfazione da parte dei responsabili della Mozilla Foundation, che hanno sottolineato come l'8,6 per cento degli utenti desktop di Firefox abbia ormai adottato la feature Do Not Track. Una percentuale che sale fino al 19 per cento se considerato lo stesso tool di navigazione in versione mobile. I paesi più sensibili sono tre: Paesi Bassi, Francia e Stati Uniti.

Come ora spiegato dai vertici di Twitter, l'adozione della modalità anti-tracciamento prevede l'esclusione degli strumenti di navigazione "su misura", ovvero in base ai siti visitati e agli altri profili seguiti. Un portavoce della piattaforma cinguettante ha applaudito la leadership di FTC nella lotta al rastrellamento selvaggio dei cookie e dei dati personali.

Mauro Vecchio
Notizie collegate
  • AttualitàFTC, rapporto aggiornato sulla privacyLa commissione USA presenta il rapporto sulle best practice che le aziende dovranno adottare in rispetto della privacy degli utenti. Altrimenti c'è sempre il Congresso a stabilire l'obbligo a farlo per legge, minaccia la FTC
  • TecnologiaDo Not Track, Microsoft al W3CIl consorzio degli standard web accetta la proposta di Redmond in merito alle pratiche di "opt-out" dalla pubblicità tracciante. La tecnologia è semplice ma resta da convincere l'industria dell'advertising
  • AttualitàUSA, tracciamento e regolePresentate due proposte al Congresso a stelle e strisce. La prima darà a FTC il compito di diramare regole chiare a tutela della privacy dei netizen. La seconda prevederà un esplicito consenso per lo sfruttamento dei dati bancari