Mauro Vecchio

Anonymous, un colpo alla Giustizia degli States

Il gruppo rilascia un file torrent con quasi 2GB di dati appartenenti al Bureau of Justice Statistics. Si tratta di messaggi interni al dipartimento oltre che l'intero database trafugato dai server del DoJ

Roma - Un'edizione speciale in diretta su YouTube, con un nuovo notiziario trasmesso dal celebre collettivo hacker Anonymous. Il Monday Mail Mayhem ha così raccontato le ultime gesta informatiche contro i sistemi gestiti dallo United States Bureau of Justice (USBJ), attaccando in particolare l'agenzia che si occupa del rastrellamento e pubblicazione di dati statistici dall'intera infrastruttura giudiziaria degli Stati Uniti.

Il gruppo di attivisti digitali ha infatti rilasciato un file torrent - numerosi i link apparsi tra i marosi di The Pirate Bay, ma si dice che il contenuto in download si blocchi al 93 per cento di completamento - per la divulgazione online di quasi 2GB di dati appartenenti al Dipartimento di Giustizia a Washington D.C.

Nessun problema per il sito justice.gov, incolume dopo l'accesso non autorizzato ai server gestiti dal Bureau of Justice Statistics. Alcuni membri di Anonymous sono riusciti a portarsi via 1,7GB di dati, nello specifico una grossa quantità di messaggi interni al dipartimento oltre che l'intero database sfruttato per il rilascio di informazioni statistiche sui crimini e le infrazioni negli States.
"Rilasciamo questi dati per diffondere informazione - si può ascoltare nel comunicato video - Vogliamo permettere alla gente di essere ascoltata, e soprattutto far comprendere il grado di corruzione dei loro governanti. Rilasciamo questi dati per porre fine alla corruzione, e per liberare davvero tutti quelli che sono oggi oppressi".

Stranamente, alla fine del filmato si vede un soggetto a volto scoperto e poi con la classica maschera Guy Fawkes. Anonymous aveva già attaccato DoJ e FBI dopo il raid scatenato contro Megaupload e il suo impero del file hosting. I vertici del Bureau of Justice Statistics hanno ora avviato un'inchiesta, sottolineando come il sito web del dipartimento sia rimasto pienamente operativo.



Mauro Vecchio
Notizie collegate
  • AttualitàAnonymous e il legittimo cyberdissensoIl gruppo di attivisti non avrebbe intenzione di rubare dati o di attaccare le infrastrutture critiche di aziende come Visa. Solo di esprimere il proprio disappunto a mezzo DDoS. Non ci sarebbe la loro mano dietro ai disservizi di Amazon
  • Digital LifeCybersicurezza, chi ha paura degli Anonymous?La grande maggioranza dei professionisti nel settore della sicurezza informatica teme un attacco nei prossimi 6 mesi. Eppure i collettivi hacktivisti sembrano fare meno danni di cybercriminali e tecnici al servizio dei governi
  • AttualitàAnonymous, all'assalto di telco e governiIl collettivo contro i colossi statunitensi delle telecomunicazioni per l'adozione del Cyber Security Act. E nel mirino è finito anche l'Home Office per l'estradizione di Gary McKinnon e Richard O'Dwyer. E si tornerà a colpire in Cina
10 Commenti alla Notizia Anonymous, un colpo alla Giustizia degli States
Ordina
  • Mi sembra proprio un fake questa notizia.
    Perchè mai può essere di interesse pubblico lo scoprire comunicazioni interne negli ambienti di giustizia?
    Perchè il tizio si presenta a viso scoperto e poi si mette la maschera?
    E' una "carnevalata" americana forse con l'intenzione di mettere in cattiva luce Anonimous o gli hackers di turno.
  • Ma di cosa state parlando? Vi faccio questa domanda perchè magari sono io a non aver capito il topic. Veramente pensate che un ministero o una procura o un comando di polizia qualsiasi debba essere trasparente al 100%? E che se hanno comunicazioni interne sia per imbrogliare i cittadini? Basta con questo blackblokismo, è insopportabile. Semplicemente ogni struttura per funzionare ha uno scambio di info interno, passino le informazioni statistiche ma io come operatore mi sentirei in pericolo a far sapere tutto quello che dico e faccio in ufficio all'esterno, sia perchè io sono identificabile mentre chi legge da fuori non lo è (c'è il mondo fuori e se le info sono pubbliche vallo a trovare) sia perchè la riservatezza fà si che si possano condurre operazioni di successo. Non possiamo sempre dire tutto quello che facciamo, sennò il malintenzionato come ad es. quello di Brindisi del quale parlate può sempre stare un passo avanti e non farsi prendere mai. Sapate l'intelligence che controllo capillare opera su di noi anche senza autorizzazione? quello deve essere limitato, non pubblicato. Ci sarebbe da dire molto di più ma....
    non+autenticato
  • - Scritto da: kobaino
    > Ma di cosa state parlando? Vi faccio questa
    > domanda perchè magari sono io a non aver capito
    > il topic. Veramente pensate che un ministero o
    > una procura o un comando di polizia qualsiasi
    > debba essere trasparente al 100%?
    Ai comuni cittadini no, ma a dei "controllori dei controllori" efficienti, competenti, onesti e non collusi con eventuali settori deviati sicuramente sì.

    > E che se hanno
    > comunicazioni interne sia per imbrogliare i
    > cittadini?
    Le attività di dossieraggio illegale svolte nel passato anche recente nel nostro Paese ci hanno insegnato a diffidare.


    > Basta con questo blackblokismo, è
    > insopportabile.
    Come sempre sei esagerato nell'affibbiare le etichette! O ti hanno invaso l'ufficio e preso a sprangate? Deluso


    > Semplicemente ogni struttura per
    > funzionare ha uno scambio di info interno,
    > passino le informazioni statistiche ma io come
    > operatore mi sentirei in pericolo a far sapere
    > tutto quello che dico e faccio in ufficio
    > all'esterno, sia perchè io sono identificabile
    ciao, krane!

    > mentre chi legge da fuori non lo è
    se tor funziona a dovere... Occhiolino

    > (c'è il mondo
    > fuori e se le info sono pubbliche vallo a
    > trovare) sia perchè la riservatezza fà si che si
    > possano condurre operazioni di successo.
    La riservatezza è doverosa per la tutela degli operatori e del successo delle operazioni, a patto che vengano svolte sempre nell'interesse reale dei cittadini onesti. E ci riconduce al solito quesito: "chi controlla i controllori?". Quei bei personaggini impuniti che hanno ottenuto le promozioni dopo il fattaccio della Diaz? Arrabbiato Capirai che poi la fiducia cala!

    > Non
    > possiamo sempre dire tutto quello che facciamo,
    > sennò il malintenzionato come ad es. quello di
    > Brindisi del quale parlate può sempre stare un
    > passo avanti e non farsi prendere mai.
    Aspetto ancora che prendiate quel bastardo di UnaBomber... Triste

    > Sapate
    > l'intelligence che controllo capillare opera su
    > di noi anche senza autorizzazione?
    "controllavano" anche vent'anni fa (fra qualche mese), dall'altura...

    > quello deve
    > essere limitato, non pubblicato. Ci sarebbe da
    > dire molto di più ma....
    Meno chiacchiere e cattura il vero UnaBomber! Indiavolato
    non+autenticato
  • Anonymous = Megalonymous Arrabbiato
    non+autenticato
  • non si può che apprezzare simili iniziative

    è assurdo che nel 2012 ci siano governi che occultano ai propri cittadini informazioni vitali

    stiamo discutendo da giorni sull'attentato in Puglia e, guardacaso, il ministro ha concluso che si tratta di terrorismo

    in base a cosa? quali prove ha?

    evidentemente è un insider job dei soliti codardi che si nascondono dietro il potere dello Stato aka strategia della tensione stile anni '70

    e non venitemi a dire che è normale o che è giusto e sacrosanto che i governi abbiano segreti

    non è tollerabile che con i miei soldi, questa marmaglia uccida gente innocente in patria e all'estero
    non+autenticato
  • zittooo... sono d'accordo con te ma non lo devi dire, altrimenti arriva il troll, di professione troll, con una pensione da troll che pubblica la foto delle carceri e scrive che i pirati devono essere arrestati tutti e poi cotti a fuoco lento.

    P.S. Forza t-1000 adesso mandami il messaggio che sono OT!!
  • Un sistema ideale sarebbe usare più trasparenza possibile così non ci sarebbe nessun problema di segreti svelati. Forse a livello diplomatico posso capire che qualcosina debba restare riservata, ma per il resto dovrebbe essere tutto alla luce del sole.
  • - Scritto da: Metal_neo
    > Forse a livello diplomatico
    > posso capire che qualcosina debba restare
    > riservata

    ecco secondo me quelli sono i primi segreti da eliminare: non è possibile che il paese secondo in europa per evasione (prima grecia seconda italia) neghi i controlli ad auto blu dei diplomatici da e verso la svizzera!!
  • Non intendo segreti segreti che riguardano una nazione intera o comunque una parte considerevole. Posso tollerare una riservatezza di comunicazioni private (le mail a sfondo privato per dire), ma se sono comunicazione che riguardano cittadini allora devono essere pubbliche. Sapere che ci sono comunicazioni di questo tipo in giro vuole solamente dire che ci trattano come dei bambini che devono fare solamente quello che dicono i grandi. Giusto o sbagliato che sia.
  • - Scritto da: Metal_neo
    > Sapere che ci sono comunicazioni di
    > questo tipo in giro vuole solamente dire che ci
    > trattano come dei bambini che devono fare
    > solamente quello che dicono i grandi.

    Peggio: ci trattano come se "io so' io, e voi nun siete un cazzo", stime Marchese del Grillo.

    E questo è veramente intollerabile.