Claudio Tamburrino

Facebook denunciata con Nasdaq

L'accusa è quella di previsioni finanziarie ingannevoli per la prima e di responsabilità nei problemi tecnici che hanno accompagnato l'IPO per la seconda

Roma - Facebook è stata denunciata dagli azionisti per la comunicazione che ha accompagnato la sua IPO: avrebbe, insieme alle banche che hanno organizzato l'operazione, divulgato "previsioni finanziarie ingannevoli".

Il prezzo delle azioni del suo titolo attualmente gravita intorno ai 31 dollari, un bel passo indietro rispetto ai 38 dollari dell'esordio.
Per questo gli investitori stanno guardando con preoccupazione all'andamento del titolo e alcuni hanno deciso di denunciare i responsabili del lancio sul mercato pubblico del social network, Mark Zuckerberg e i suoi consiglieri per l'operazione tra cui Morgan Stanley, colpevoli a loro avviso di aver gonfiato le aspettative.

La causa cerca lo status di class action: ad occuparsene è lo studio legale che ha già ottenuto in passato danni pari a 7 miliardi di dollari da Enron.
Nel frattempo già le autorità del Massachusetts hanno chiesto, in particolare proprio a Morgan Stanley, dettagli su quanto da essa comunicato ai propri investitori di punta circa le effettive prospettive di crescita del social network: secondo l'accusa a questi avrebbe passato informazioni diverse da quelle trapelate agli altri che li avrebbero spinti a desistere dall'acquistare le azioni del social network. E interessati ad aprire un'indagine sulla vicenda potrebbero essere a questo punto anche le autorità federali come SEC e FINRA.
Fra i beneficiari delle informazioni alcune indiscrezioni individuano le società di investimento Fidelity Investments e Capital Research & Management.

Morgan Stanley non ha per il momento commentato le notizie, mentre da Facebook sembrano arrivare nuove informazioni circa presunte responsabilità: al momento il dito è puntato contro il CFO David Ebersman, cui si contesta la decisione presa nelle ultime 24 ore pre-IPO di aumentare la quantità di azioni offerte.

Da parte sua Mark Zuckerberg resta uno dei principali beneficiari dell'operazione e si calcola abbia guadagnato 1,1 miliardi di dollari, riuscendo a ottenere per le sue azioni 37,58 dollari.

Zuckerberg e i suoi consulenti non sono d'altronde i primi ad essere stati denunciati: un investitore ha già agito contro Nasdaq, reo a suo parere di aver ostacolato il regolare svolgimento delle trattative con una serie di problemi tecnici che hanno creato incertezza rispetto alle operazioni compiute.

Claudio Tamburrino
Notizie collegate
31 Commenti alla Notizia Facebook denunciata con Nasdaq
Ordina
  • Ma no, suvvia.

    Sono solo canzonette [cit.]
    maxsix
    5858
  • Ehi gente sapete la novita'?
    Il valore delle azioni puo' salire ma puo' anche scendere, incredibile, vero?

    gli allocchi hanno creduto che salisse ed invece e' sceso. E adesso si lamentano? credevano di stare in wonderland e invece no, poverini...

    certo che al mondo ce ne sono a vagonate di cretini.
    non+autenticato
  • Altro grande segreto.

    In borsa si può guadagnare anche quando il valore delle azioni scende! Sorpresa

    E non mi riferisco (solo) a chi tiene il banco...Sorpresa
    non+autenticato
  • - Scritto da: bastian contrario
    > Altro grande segreto.
    >
    > In borsa si può guadagnare anche quando il valore
    > delle azioni scende!
    >Sorpresa
    >
    > E non mi riferisco (solo) a chi tiene il banco...
    >Sorpresa

    Dimostrarlo è semplicissimo: basta vedere chi ha fatto grosse speculazioni al ribasso.
    ma più che speculatori credo a tanti polli convinti che le azioni decollassero come decollavano quelle delle varie dot-bomb durante la bolla della niu economi.
  • - Scritto da: shevathas
    > - Scritto da: bastian contrario
    > > Altro grande segreto.
    > >
    > > In borsa si può guadagnare anche quando il
    > valore
    > > delle azioni scende!
    > >Sorpresa
    > >
    > > E non mi riferisco (solo) a chi tiene il
    > banco...
    > >Sorpresa
    >
    > Dimostrarlo è semplicissimo: basta vedere chi ha
    > fatto grosse speculazioni al
    > ribasso.
    > ma più che speculatori credo a tanti polli
    > convinti che le azioni decollassero come
    > decollavano quelle delle varie dot-bomb durante
    > la bolla della niu
    > economi.

    Comunque non è detto che poi le azioni continueranno ad andare giù. Bisogna anche vedere che tipo di investimenti vogliono fare quelli di Facebook. Magari nel lungo periodo è un affare d'oro, anche se io non ci scommetterei un euro. Per il momento ho sentito che vogliono comprare Opera.
    non+autenticato
  • Cosa ? FACEBOOK VUOLE COMPRARE OPERA SOFTWARE?!?!?! FONTE FONTE FONTE!!!!!
    Sgabbio
    26178
  • - Scritto da: Sgabbio
    > Cosa ? FACEBOOK VUOLE COMPRARE OPERA
    > SOFTWARE?!?!?! FONTE FONTE
    > FONTE!!!!!

    http://tech.slashdot.org/story/12/05/26/0634255/is...
    non+autenticato
  • Ho letto altrove, ma grazie lo stesso In lacrime
    Sgabbio
    26178
  • Non è questo il punto...

    Linch e soci dicono che le banche italiane fanno schifo e la nostra busta paga scende del 20%, se lo fa una banca americana non succede niente, non vedete che ormai siamo alla frutta, dovremmo TUTTI tornare al materasso, se queste merde di gruppi bancari fossero sensa liquidi.

    E lo sono, tutto virtualizzato, sono tutti in mutande ma per il mondo hanno ancora la cravatta al collo, quindi tutto bene e continuiamo a spennare polli.
    Be&O
    1113
  • Ma chi scrive le leggi americane? Beppe Grillo assieme agli azionisti Parmalati, Cirio, e Bond Argentina?

    Di certo non ci sono molti geni se c'era chi credeva in faccia libro
    non+autenticato
  • - Scritto da: TheQ.
    > Ma chi scrive le leggi americane? Beppe Grillo
    > assieme agli azionisti Parmalati, Cirio, e Bond
    > Argentina?

    se gli azionisti che dici avessero dato retta a Grillo, non sarebbero rimasti scottati ai tempi...
    Funz
    11586
  • se grillo aveva delle prove, doveva fare una denuncia vera e propria e non riderci su nei comizi.

    Invece di evitare guai finanziari a tante famiglie italiane, Grillo ha preferito lucrare con i comizi, tenendo nascoste le prove, che evidentemente aveva, sul caso Parmalat.

    Non mi sembra cosa di cui vantarsi.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Licenza poetica
    > se grillo aveva delle prove, doveva fare una
    > denuncia vera e propria

    1. non risulta che Grillo sia un pubblico ufficiale, per cui non ha alcun obbligo di "denuncia vera e propria".

    2. da molti anni (es. il 144 della Sip...) i fatti che espone nei suoi spettacoli-comizi sono sgraditi a molte aziende che non vedono l'ora che commetta un passo falso per trascinarlo in giudizio chiedendo risarcimenti di entità spropositata. Motivo per cui ogni affermazione che fa, salva ovviamente la vis comica, è suffragata da adeguata documentazione da esibire nelle opportune sedi. Il fatto paradossale della vicenda è che l'avere costantemente il fiato sul collo gli ha conferito una CREDIBILITÀ enormemente maggiore a quella di qualunque dei nostrani politici conta-balle.

    > e non riderci su nei comizi.
    Che vuoi farci, è il suo mestiere. Sorride

    > Invece di evitare guai finanziari a tante
    > famiglie italiane, Grillo ha preferito lucrare
    > con i comizi, tenendo nascoste le prove,
    > che evidentemente aveva, sul caso Parmalat.
    Non noti una lieve incoerenza il "fare i comizi" in cui espone fatti e motivazioni e "tenere nascoste le prove"? Avrebbe potuto comunicare questi fatti con un pubblico più ampio? Certo che sì, ma la rai gli è preclusa, mediaset manco parlarne...
    non+autenticato
  • > Motivo per cui ogni affermazione
    > che fa, salva ovviamente la vis comica, è
    > suffragata da adeguata documentazione da esibire
    > nelle opportune sedi.
    Eh calma, mettiamo i puntini sulle i. Ogni affermazione scomoda per qualcuno, forse. Ma il caro beppe ha imparato a dire cretinate in tutti gli altri casi guardandosi bene dal documentarsi per le cose più elementari.
    non+autenticato
  • - Scritto da: 444
    > > Motivo per cui ogni affermazione
    > > che fa, salva ovviamente la vis comica, è
    > > suffragata da adeguata documentazione da
    > esibire
    > > nelle opportune sedi.
    > Eh calma, mettiamo i puntini sulle i. Ogni
    > affermazione scomoda per qualcuno, forse .
    Sicuramente.

    > Ma il
    > caro beppe ha imparato a dire cretinate in tutti
    > gli altri casi
    guardandosi bene dal documentarsi
    > per le cose più elementari.
    Quali sarebbero "tutti gli altri casi" e "le cose più elementari"?
    non+autenticato
  • Per evitare malintesi e che cominci a scandagliare il blog di Grillo in cerca di qualche cretinata, le "ogni affermazione che fa" erano riferite a "i fatti che espone nei suoi spettacoli-comizi". Occhiolino
    non+autenticato
  • I cellulari cuoci uova, la biowashball, l'HIV e tanto altro.
    non+autenticato
  • Si si.....
    Tutti possono sbagliare, nessuno è ingegnere o biomedico, se i nostri medici sbagliassero con le stesse percentuali di grillo, ariveremmo tutti a 120 anni di anzianità.

    Sembra una tifoseria di calcio, fin che la squadra vince è brava, ma alla prima partita sbagliata, subito a spalare merda.

    Almeno Grillo ci Prova, vedremo alle elezioni cosa succederà e come cambierà, ora che il capomafia non è più al governo.
    Be&O
    1113
  • - Scritto da: Be&O
    > Si si.....
    > Tutti possono sbagliare, nessuno è ingegnere o
    > biomedico, se i nostri medici sbagliassero con le
    > stesse percentuali di grillo, ariveremmo tutti a
    > 120 anni di
    > anzianità.

    Tu non sei ingegnere o biomedico. Altri sì, e trovi sempre qualcuno disposto a spiegarti le cose, non hai bisogno di inventarti le cose.
    È questione di umiltà e intelligenza: non sai una cosa? Ti informi. Soprattutto quando sei una persona in vista e la gente pende dalle tue labbra devi fare mille volte attenzione a ciò che dici.
    Quest'uomo ha detto che non esiste l'HIV, non so se ti rendi conto di cosa significa.
    Oltretutto tutti possono sbagliare, ma poi bisogna riconoscere il proprio errore, cosa che Grillo non ha mai fatto.
    >
    > Sembra una tifoseria di calcio, fin che la
    > squadra vince è brava, ma alla prima partita
    > sbagliata, subito a spalare
    > merda.

    Non vedo il nesso. Sempre a fare riferimenti al calcio, comunque se una squadra gioca male o lo riconoscono o danno la colpa all'arbitro. Ho rispetto solo per la prima categoria, Grillo non è tra quelli.

    > Almeno Grillo ci Prova, vedremo alle elezioni
    > cosa succederà e come cambierà, ora che il
    > capomafia non è più al
    > governo.

    Prova a fare che? Ma chi parlava di politica, mi chiedo.
    non+autenticato
  • se rinasco, giuro che studio legge negli stati uniti.
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 8 discussioni)