Luca Annunziata

Julian Assange sarà estradato in Svezia

Il fondatore di Wikileaks dovrà rispondere del reato di violenza sessuale. La Corte Suprema britannica respinge il suo appello. L'imputato assente alla lettura della sentenza

julian assangeRoma - La faccenda si esaurisce in pochi minuti. Il capo della Suprema Corte, Lord Phillips of Worth Matravers, entra in aula e spiega che la vicenda di Julian Assange pone un problema di Diritto più che di merito, e che secondo i trattati di estradizione in vigore la Svezia non deve provare la sua colpevolezza prima dell'estradizione: quindi il fondatore di Wikileaks dovrà affrontare le accuse di violenza sessuale che lo attendono oltreconfine. A meno che, come paventato all'ultimo minuto dai suoi legali, non subentri una interpretazione diversa dei trattati che potrebbe costringere la Corte a riaprire il caso (un commentatore della BBC cita come precedente il caso di Pinochet).

La decisione dell'alta corte, presa a maggioranza e non all'unanimità (è stato precisato anche in aula), di fatto riconosce la validità della richiesta della Svezia di pretendere l'esecuzione del suo mandato di arresto di un cittadino straniero in terra straniera, secondo i principi e gli accordi di estradizione (citato l'Extradition Act del 2003). La Suprema Corte ha riconosciuto, con il dissenso palese dei suoi due membri Lady Hale e Lord Mance (su un totale di sette), che a tutti gli effetti il procuratore svedese ha seguito alla lettera le procedure e rispettato le norme del mandato d'arresto europeo (EAW, european arrest warrant), e pertanto l'appello di Assange contro la decisione del tribunale precedente viene respinto. Il Guardian riporta ampi stralci delle motivazioni dei giudici. Il testo completo del provvedimento di oggi è disponibile in PDF.

Si conclude così, almeno per ora, la vicenda che ha tenuto l'ex-hacker e leader indiscusso di Wikileaks per mesi sottoposto a carcerazione preventiva e arresti domiciliari (il suo fermo è avvenuto a fine 2010). La Corte Suprema ha di fatto sollevato la giustizia britannica del problema, riconoscendo alla Svezia il diritto di perseguire Assange per i crimini di cui è accusato. Si tratta anche questa di una vicenda controversa, che andrà chiarita auspicabilmente nei tribunali svedesi: quello di cui è accusato Assange, che oggi non era in aula, non è uno stupro come viene inteso comunemente, bensì un atto sessuale consenziente con tuttavia dei particolari "non concordati" che rientrano nella sfera degli abusi secondo la legge del paese scandinavo.
Qual che sarà la sentenza svedese, Assange ha ottenuto altre due settimane di proroga prima di venire estradato per tentare di far riaprire ancora una volta il caso sulla base di una interpretazione differente da quella offerta dalla Corte Suprema dei trattati internazionali. Oltre confine lo attende un processo, ma anche il timore che la Svezia possa decidere a sua volta di accondiscendere alle richieste degli Stati Uniti, che secondo Assange da quando è scoppiata la vicenda Bradley Manning (soldato accusato di aver fornito materiale riservato ad Assange per la pubblicazione di Wikileaks) muoiono dalla voglia di scambiare quattro chiacchiere con lui sulla faccenda. L'ultima spiaggia per lui potrebbe essere la Corte Europea dei Diritti dell'Uomo. (L.A.)

fonte immagine
Notizie collegate
66 Commenti alla Notizia Julian Assange sarà estradato in Svezia
Ordina
  • in ogni caso assange non deve essere estradato.sarebbe assurdo,le accuse sono gonfiate!se non si capisce questo...
    non+autenticato
  • - Scritto da: wichita
    > in ogni caso assange non deve essere
    > estradato.sarebbe assurdo,le accuse sono
    > gonfiate!se non si capisce
    > questo...

    Ma che effetto vuoi che abbiano le tue parole qui?!? Assumi un interprete svedese-italiano, e vai dalla pubblica accusa, Marianne Ny, per dirle in faccia: "Le accuse sono gonfiate".

    Già che ci sei, va' a dirlo anche alle due donne che lo hanno querelato. Sempre in faccia, però.
    non+autenticato
  • io non c'è l'ho tanto con le donne che l'hanno querelato:c'è l'ho più con il fatto che le accuse delle donne siano così gravi solo perchè lui "ha detto troppo".fosse stato una persona "comune" non so se avrebbero avuto tanto peso.
    non+autenticato
  • > io non c'è l'ho tanto con le donne che l'hanno
    > querelato:c'è l'ho più con il fatto che le accuse
    > delle donne siano così gravi solo perchè lui "ha
    > detto troppo".fosse stato una persona "comune"
    > non so se avrebbero avuto tanto
    > peso.

    Si scrive "ce l'ho".
    Veramente nel commento precedente avevi detto una cosa un po' diversa...

    Tu vedi la questione da un'angolazione esclusivamente italiana, cioè del luogo in cui vivi. Domanda: quante notizie hai letto negli ultimi anni su casi di violenza sessuale in Svezia che coinvolgono persone comuni? Credo che la risposta sarà eloquente.Sorride

    Tanto per fare un esempio di come venga preso sul serio il reato di violenza sessuale nei Paesi del Nordeuropa, ecco un resoconto di un caso di una donna condannata dal tribunale di Bergen, Norvegia, a nove mesi senza la condizionale per violenza sessuale su un uomo. Il caso risale al 2005, l'uomo dormiva a casa di amici ed è stato svegliato dalla giovane ventitreenne intenta a praticargli un rapporto orale. È fuggito da quella casa e ha denunciato il fatto alla polizia.
    Resoconto in norvegese (c'è Google traduci, per capire almeno il senso generale):

    http://www.bt.no/nyheter/lokalt/Kvinne-domt-for-vo...

    E qui un resoconto in inglese:

    http://blogcritics.org/culture/article/woman-convi.../
    non+autenticato
  • in questo senso hai ragione tu.
    non+autenticato
  • ci sono molte ombre riguardo a questo caso.e sono così palesi che questo processo e queste decisioni sono ingiuste,una farsa dichiarata:si sapeva da subito come andava a finire.ciò è così lampante che definire evoluto un "potere" e una "giustizia" del genere è assurdo.siamo ai tempi del re sole che,come diceva Montesquieu,era un grande mago:con una magia(il TERRORE)non trovava rivali e metteva d'accordo tutti.le cose non sono cambiate,se ti immischi negli inganni del potere, se li denunci finisci male-un altro esempio e Manning,ma se ne potrebbero citare molt,e tanti dei quali che la gente comune non conoscerà mai.e il potere pretende di essere trasparente e pulito!chi dice che sono i migliori a governare e a detenere il "potere" hanno delle fette di salame sugli occhi.
    non+autenticato
  • - Scritto da: wichita

    Uh, quante affermazioni in così poche righe. Allora:


    > ci sono molte ombre riguardo a questo caso.

    Per la verità il caso vero e proprio, il processo in Svezia, ancora non è cominciato. La richiesta di estradizione è, sotto questo aspetto, un atto formale. Una sorta di "nulla osta" da parte delle autorità britanniche, e nulla più.



    > e sono
    > così palesi che questo processo e queste
    > decisioni sono ingiuste,una farsa dichiarata:

    Ma dichiarata da chi?
    La pubblica accusa svedese, Marianne Ny, ha forse dichiarato in pubblico "Questo è un processo-farsa"?. Se è così, me la sono persa...


    > si
    > sapeva da subito come andava a finire.

    Be', allora diccelo, non farci stare sulle spine. Julian Assange fra poco sarà estradato in Svezia. Come andrà a finire, lì?


    > ciò è così
    > lampante che definire evoluto un "potere" e una
    > "giustizia" del genere è assurdo.

    Hanno il potere di processare e, nel caso, di condannare, anche se non sono "evoluti" secondo i tuoi insondabili criteri. Come avevano il potere di processare e condannare i tribunali ai tempi di Hammurabi e delle sue leggi, nella Grecia di Pericle e nella Roma dei consoli Potito e Peto. Assurdi o non assurdi che fossero.


    > siamo ai tempi
    > del re sole che,come diceva Montesquieu,era un
    > grande mago:con una magia(il TERRORE)

    Il Terrore, così definito agli storici ("la Terreur"), è una fase della rivoluzione francese fra il 1792 e il 1794. Il re Sole, Luigi XIV, era già morto da 77 anni.


    > non trovava
    > rivali e metteva d'accordo tutti.le cose non sono
    > cambiate,

    Oggi, anno di grazie 2012, secondo te si mettono d'accordo tutti? Ma per favore!


    > se ti immischi negli inganni del potere,
    > se li denunci finisci male-un altro esempio e
    > Manning,

    Bradley Manning, ricordiamolo per i distratti, avrebbe trafugato i file poi passati a Wikileaks mentre prestava servizio nell'esercito americano in Iraq. Non era un attivista, era un militare. Sapeva di commettere un reato. Attualmente è sotto processo.



    > chi dice che sono i migliori a governare e
    > a detenere il "potere" hanno delle fette di
    > salame sugli
    > occhi.

    Questo nemmeno lo commento. Un anacoluto da manuale. Rotola dal ridere
    non+autenticato
  • mi soo espressa male e forse sono stata fraintesa.ok,x citare due cose mal interpretate posso dire che il terrore non era inteso come periodo,ma come mezzo di "spaventare la gente x censurarla"nel senso che il re Sole terrorizzava i sudditi,attraverso punizioni esemplari.la parola "dichiarata" era x dire chiara/palese,non che è stata dichiarata da qualcuno.ho scritto di fretta e di getto!chiedo scusa x l'incomprensione.non mi ero accorta di essere così poco chiara.Anonimo
    non+autenticato
  • > posso dire che il terrore non era inteso come
    > periodo,ma come mezzo di "spaventare la gente x
    > censurarla"nel senso che il re Sole terrorizzava
    > i sudditi,attraverso punizioni esemplari.

    Per la verità, in epoca antica e per tutto il periodo feudale, tutti i sovrani agivano così, non solo il re Sole. Se Montesquieu porta quell'esempio, è perché era francese e quasi contemporaneo di Luigi XIV. Non credo che fosse sua intenzione fare l'elogio dei sovrani libertari e di idee aperte di altre nazioni.
    non+autenticato
  • è chiaro,ma ho preferito riportare questo esempio.
    non+autenticato
  • As the UK Supreme Court gives the green light to extradite WikiLeaks founder Julian Assange to Sweden, journalist Al Burke told RT that Swedish prosecutors have too much riding on the whistleblower’s case to simply drop it.

    ­Wednesday’s decision to extradite the scandal-stirring whistleblower Julian Assange has caused both uproar and bewilderment. In the Supreme Court’s ruling, international law trumps domestic jurisdiction, and the final judgment is dictated by the term “judicial authority” as interpreted by French legal practice.

    Assange’s lawyers have 14 days to apply to reopen the extradition case. The whistleblower’s legal team has secured the right since the ruling was not made under the UK legal system, so they did not have adequate time to prepare.

    For Stockholm, the 18-month stand-off with the British justice over the Australian cyberspace activist has turned into a marathon they just cannot afford to lose says Al Burke, a journalist and author with the Sweden-based Nordic News Network. But the Scandinavian country will hardly be the final destination for Assange, he predicts.

    RT: What are your predictions for where the case goes once Assange is handed over?

    Al Burke: The Swedish prosecutors have invested so much prestige in this case that they are under a lot of pressure to get him convicted of something. So he cannot walk away. Everything I have seen so far indicates to me that the prosecutor in charge is rather seriously determined to convict him of something.

    RT: The court's decision has revived fears this extradition is just a pretext for Assange's further prosecution, possibly in the US, and on far more serious charges, such as conspiracy and espionage. Do you see that as a possibility?

    AB: I have studied the US foreign policy and its government’s activities for quite a while and I can say this: it would surprise me if they don’t try to get Assange in a way you have described. I think that is a given.

    RT: How is the news of Assange's looming extradition likely to be received in Sweden, judging by how the media there has been covering the proceedings so far?

    AB: All I have seen so far in the net is pretty consistent with what we have all along in the past eighteen months or so. And it is mainly hostile and negative attitude towards Julian Assange and his attempt to avoid extradition to Sweden.

    RT: Why do you think in the mainstream media, Assange has gone from celebrated truth-teller to a criminal? Was this a planned smear campaign or just an unfortunate coincidence?

    AB: Some attribute it to his personal difficulties in dealing with editors in "standard journalism." Myself, I think there is much of inferiority complex since WikiLeaks has shown the world how incompetent most of the mainstream news organizations are. I don’t think they like it.
    ‘Assange process sends totally wrong signal to whistleblowers’

    In the grand scheme of things, Assange’s court battle in the UK sends the “totally wrong message” to whistleblowers, says investigative journalist Tony Gosling.

    “Many people around the world making a tremendous amount of money out of the War on Terror would like to see Assange disappear,” the journalist told RT. “We see an attack on the most important people and most important website in the world, which journalists used when vital information could not be transmitted through mainstream media because of editorial considerations.”

    The fact that Assange is a radical publisher doing real investigative journalism is one of the reasons he is under attack, concludes Gosling.

    http://www.rt.com/news/sweden-prosecutor-convict-a.../
  • Vedo che ti piace riportare pari pari il pensiero altrui, in questo caso di rt.com, una testata web in inglese gestita dall'agenzia di stampa RIA Novosti, di proprietà dello Stato russo (il nome significa Russia Today).

    Vorrà dire che mi attrezzerò per tradurre il comunicato ufficiale in merito da parte dell'Iran e della Corea del Nord. Loro la sanno lunga, più lunga degli americani stessi. Come no.
    non+autenticato
  • Io avevo capito che il reato, probabilmente falso e pretestuoso per la nota scomodità del personaggio, che gli venne ascritto fosse aver costretto queste donne ad avere sesso con lui senza protezione, mi chiedevo a quel punto che rilevanza avesse la protezione, che al massimo poteva costituire una aggravante nel reato di stupro ma ora che so che il reato, esistente solo in svezia è stato quello di aver fatto sesso consenziente, nessuna costrizione, ma senza protezione, avendo fatto loro credere che il sesso fosse protetto, arriviamo al ridicolo, alla pretestuosità assurda ed incredibile, tanto più arrivare ad estradare per un reato nemmeno presente nel paese in cui sta agli arresti domiciliari, mi chiedo che modo hanno queste qui di provare un dettaglio così, fuori tempo massimo, una di loro è incinta, hanno fatto il test del Dna, a distanza di quanto tempo?
    Ma poi, mi chiedo se Julian non fosse al corrente che questo fosse un reato, e se lo fosse sarebbe stato così scemo da mettersi nei guai, mi chiedo poi come, facendo finta di essersi messo un preservativo, così, per dispetto, oppure fingendosi vasectomizzato.
    Quindi il centro del reato è questo? Dovrei essere più tranquillo ma visto il tempismo con cui le donne hanno denunciato una simile cosa, appare ancora più inquietante.
    non+autenticato
  • > ma ora che so che il reato, esistente solo
    > in svezia è stato quello di aver fatto sesso
    > consenziente, nessuna costrizione, ma senza
    > protezione, avendo fatto loro credere che il
    > sesso fosse protetto,

    Non proprio. Il reato esiste (forse) solo in Svezia come fattispecie a sé. Per analogia col reato di violenza sessuale, o di altri relativi alla condotta dei sieropositivi che hanno rapporti sessuali non protetti, potrebbe costituire reato nella maggior parte dei Paesi europei, in caso di querela di parte. Semplicemente, non è mai accaduto, che si sappia.



    > arriviamo al ridicolo, alla
    > pretestuosità assurda ed incredibile, tanto più
    > arrivare ad estradare per un reato nemmeno
    > presente nel paese in cui sta agli arresti
    > domiciliari,

    Fermo restando quando detto sopra, ti rispondo: "È la legge sull'estradizione, bellezza". Una legge ratificata da tutti i parlamenti dell'UE, compreso quello italiano, e ovviamente quello britannico, per alleggerire e semplificare le procedure. Infatti ora si chiamerebbe "mandato di arresto europeo".
    Nel testo di questa legge vi è una tabella, denominata "lista positiva", che contempla i reati per cui l'estradizione va concessa sempre , indipendentemente che la singola condotta sia considerata illecita nel Paese a cui viene richiesta l'estradizione o meno. E la violenza sessuale è in questa lista positiva. Inutile far finta che sia un'assurdità creata apposta. O meglio, lo è, ma la legge assurda già esisteva prima del caso Assange.



    > mi chiedo che modo hanno queste qui
    > di provare un dettaglio così, fuori tempo
    > massimo, una di loro è incinta, hanno fatto il
    > test del Dna, a distanza di quanto
    > tempo?

    Questo vale per qualsiasi accusa di stupro, in Italia e all'estero, che discorsi. Le persone che hanno sporto querela in Svezia in ogni caso lo hanno fatto in tempi relativamente rapidi. Semplicemente Assange si era già trasferito altrove, nel frattempo, e la cosa ha allungato a dismisura i tempi.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Antome
    > Io avevo capito che il reato, probabilmente falso
    > e pretestuoso per la nota scomodità del
    > personaggio, che gli venne ascritto fosse aver
    > costretto queste donne ad avere sesso con lui
    > senza protezione, mi chiedevo a quel punto che
    > rilevanza avesse la protezione, che al massimo
    > poteva costituire una aggravante nel reato di
    > stupro ...

    Stai sbagliano l'accusa è di stupro o al massimi di presunto stupro, basta che leggi La Repubblica oppure La Stampa oppure Punto informatico, oppure Il Corriere, il sole 24 ore e ttutti i giornali nei mesi e anni scorsi, con google li trovi facilmente è tutto memorizzato:

    S*t*u*p*r*o

    Al massimo parlano di violenza carnale o altri termini equivalenti, non ci sono possibilità di fraintendimento.

    Poi il fatto che Assange sarà trasferito in Svezia oramai sicuramente cambia la prospettiva per cui tutti i giornali (tra cui PI) non mancheranno di informare che si si tratta di stupro ma con un ma che non hanno raccontato prima perché si sono distratti un attimo.

    Io nei commenti spesso ho precisato che non si trattava di stupro ma di sex by surprise, una legge speciale svedese ma i giornalisti non sono certo sensibili a queste cose.

    Adesso che Assange sarà estradato parleranno di sex by surprise in modo chiaro, tanto il risultato è stato raggiunto.

    > Quindi il centro del reato è questo? Dovrei
    > essere più tranquillo ma visto il tempismo con
    > cui le donne hanno denunciato una simile cosa,
    > appare ancora più
    > inquietante.
  • > Adesso che Assange sarà estradato parleranno di
    > sex by surprise in modo chiaro, tanto il
    > risultato è stato
    > raggiunto.

    Spiega meglio questo punto: detta così, sembra che i tre gradi di giudizio in Gran Bretagna siano stati influenzati da ciò che dicevano i giornali italiani. Se avessero scritto subito le cose come stavano, il risultato sarebbe stato diverso...Newbie, inesperto

    P.S.: No, l'accusa in lingua svedese, l'unica lingua ufficiale in Svezia, è "våldtäkt". Che significa proprio violenza sessuale (o stupro, se preferisci).
    non+autenticato
  • - Scritto da: Leguleio

    > Spiega meglio questo punto: detta così, sembra
    > che i tre gradi di giudizio in Gran Bretagna
    > siano stati influenzati da ciò che dicevano i
    > giornali italiani. Se avessero scritto subito le
    > cose come stavano, il risultato sarebbe stato
    > diverso...Newbie, inesperto
    >
    > P.S.: No, l'accusa in lingua svedese, l'unica
    > lingua ufficiale in Svezia, è
    > "våldtäkt". Che significa proprio
    > violenza sessuale (o stupro, se
    > preferisci).

    http://www.feministe.us/blog/archives/2010/12/06/s.../

    «There’s a lot going around in bloglandia and on the interwebs about WikiLeaks honcho Julian Assange’s sexual assault charge in Sweden; commentators are saying that Assange didn’t really rape anyone, and these are trumped-up charges of “sex by surprise,” which basically means that Assange didn’t wear a condom and so days later the women he slept with are claiming rape. Totally unfair, right?»

    «Well, no, I’m not sure it’s that straightforward. ...»
  • > > Spiega meglio questo punto: detta così,
    > sembra
    > > che i tre gradi di giudizio in Gran Bretagna
    > > siano stati influenzati da ciò che dicevano i
    > > giornali italiani. Se avessero scritto
    > subito
    > le
    > > cose come stavano, il risultato sarebbe stato
    > > diverso...Newbie, inesperto

    > http://www.feministe.us/blog/archives/2010/12/06/s
    >
    > «There’s a lot going around in bloglandia
    > and on the interwebs about WikiLeaks honcho
    > Julian Assange’s sexual assault charge in Sweden;
    > commentators are saying that Assange didn’t
    > really rape anyone, and these are trumped-up
    > charges of “sex by surprise,” which basically
    > means that Assange didn’t wear a condom and so
    > days later the women he slept with are claiming
    > rape. Totally unfair,
    > right?»
    >
    > «Well, no, I’m not sure it’s that
    > straightforward.
    > ...»

    No, ti ho chiesto di spiegarlo con parole tue; se vuoi appoggiati agli atti giudiziari, una parte è stata resa nota, ma attieniti ai fatti, non alle interpretazioni (di altri).
    Dei pettegolezzi della blogosfera non mi curo.
    non+autenticato
  • distratte le "signore"....
    non+autenticato
  • - Scritto da: Antome
    > Io avevo capito che il reato, probabilmente falso
    > e pretestuoso per la nota scomodità del
    > personaggio, che gli venne ascritto fosse aver
    > costretto queste donne ad avere sesso con lui
    > senza protezione, mi chiedevo a quel punto che
    > rilevanza avesse la protezione, che al massimo
    > poteva costituire una aggravante nel reato di
    > stupro ma ora che so che il reato, esistente solo
    > in svezia è stato quello di aver fatto sesso
    > consenziente, nessuna costrizione, ma senza
    > protezione, avendo fatto loro credere che il
    > sesso fosse protetto, arriviamo al ridicolo, alla
    > pretestuosità assurda ed incredibile,

    E non solo, vai a dare un'occhiata chi sono le due signorine... Ho sentito parlare di militari...


    > Quindi il centro del reato è questo? Dovrei
    > essere più tranquillo ma visto il tempismo con
    > cui le donne hanno denunciato una simile cosa,
    > appare ancora più inquietante.

    Io quando lessi chi fossero le tipe mi sono inquietato ancora di piu'.
    krane
    22528
  • > Io quando lessi chi fossero le tipe mi sono
    > inquietato ancora di
    > piu'.

    Insomma, un tempo per sostenere l'innocenza dell'imputato si diceva che la donna era di facili costumi, o addirittura, se c'erano prove, che di professione fosse una prostituta. Come se una prostituta non fosse una donna, e non potesse essere vittima di violenza sessuale come tutte le altre.

    Questa scusa ora non si usa quasi più, almeno in Italia. Niente paura, c'è già una torma di avvocati di ufficio di Assange che come argomento usa la professione delle donne che hanno sporto querela, che sarebbero personale militare.

    Cambiano i tempi e le stagioni, ma il maschio latino rimane sempre sé stesso. Un porco.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Leguleio
    > > Io quando lessi chi fossero le tipe mi sono
    > > inquietato ancora di
    > > piu'.
    >
    > Insomma, un tempo per sostenere l'innocenza
    > dell'imputato si diceva che la donna era di
    > facili costumi, o addirittura, se c'erano prove,
    > che di professione fosse una prostituta. Come se
    > una prostituta non fosse una donna, e non potesse
    > essere vittima di violenza sessuale come tutte le
    > altre.
    >
    > Questa scusa ora non si usa quasi più, almeno in
    > Italia. Niente paura, c'è già una torma di
    > avvocati di ufficio di Assange che come argomento
    > usa la professione delle donne che hanno sporto
    > querela, che sarebbero personale militare.
    >
    >
    > Cambiano i tempi e le stagioni, ma il maschio
    > latino rimane sempre sé stesso. Un porco.

    Eh ? Ma conosci la legge che ha infranto ? Me la citeresti ?

    Inoltre che c'entra il maschio latino ?
    krane
    22528
  • > > Cambiano i tempi e le stagioni, ma il maschio
    > > latino rimane sempre sé stesso. Un porco.
    >
    > Eh ? Ma conosci la legge che ha infranto ? Me la
    > citeresti
    > ?


    Certo che te la cito: il reato di violenza sessuale è contenuto nei primi due paragrafi del 6° capitolo (dal titolo "Om sexualbrott", sui reati sessuali) del Codice penale svedese ("Brottsbalken"):


    § 1 Den som genom misshandel eller annars med våld eller genom hot om brottslig gärning tvingar en person till samlag eller till att företa eller tåla en annan sexuell handling som med hänsyn till kränkningens art och omständigheterna i övrigt är jämförlig med samlag, döms för våldtäkt till fängelse i lägst två och högst sex år.

    Detsamma gäller den som med en person genomför ett samlag eller en sexuell handling som enligt första stycket är jämförlig med samlag genom att otillbörligt utnyttja att personen på grund av medvetslöshet, sömn, berusning eller annan drogpåverkan, sjukdom, kroppsskada eller psykisk störning eller annars med hänsyn till omständigheterna befinner sig i ett hjälplöst tillstånd.

    Är ett brott som avses i första eller andra stycket med hänsyn till omständigheterna vid brottet att anse som mindre grovt, döms för våldtäkt till fängelse i högst fyra år.

    Är brott som avses i första eller andra stycket att anse som grovt, döms för grov våldtäkt till fängelse i lägst fyra och högst tio år. Vid bedömande av om brottet är grovt skall särskilt beaktas, om våldet eller hotet varit av särskilt allvarlig art eller om fler än en förgripit sig på offret eller på annat sätt deltagit i övergreppet eller om gärningsmannen med hänsyn till tillvägagångssättet eller annars visat särskild hänsynslöshet eller råhet.
        


    § 2 Den som, i annat fall än som avses i 1 § första stycket, genom olaga tvång förmår en person att företa eller tåla en sexuell handling, döms för sexuellt tvång till fängelse i högst två år.

    Detsamma gäller den som genomför en annan sexuell handling än som avses i 1 § andra stycket med en person under de förutsättningar i övrigt som anges där.

    Är brott som avses i första eller andra stycket att anse som grovt, döms för grovt sexuellt tvång till fängelse i lägst sex månader och högst sex år. Vid bedömande av om brottet är grovt skall särskilt beaktas om fler än en förgripit sig på offret eller på annat sätt deltagit i övergreppet eller om gärningsmannen annars visat särskild hänsynslöshet eller råhet.



    Non conosco lo svedese così bene da fare una traduzione affidabile (so il danese, che è simile, e quindi in qualche modo lo leggo). Ti consiglio Google traduttore. Deluso


    >
    > Inoltre che c'entra il maschio latino ?

    I commenti compaiono su un forum in lingua italiana. Se preferisci "maschio mediterraneo", per non ingenerare confusione con i sudamericani, userò "maschio mediterraneo". Non cambia nulla.

    Guarda un po', sono rimasti solo nell'Europa del sud a fare commenti sulle vittime e sul loro passato quando si parla di certi reati (ma non altri). E, come è noto, si sente dire: "La signora Zani è stata borseggiata da due motociclisti, ha perso soldi e documenti e s'è sbucciata un ginocchio cadendo: ma chissà che cosa faceva di lavoro, meglio non dire...".

    Capito il concetto?!?
    non+autenticato
  • Da quanto ho capito, è colpevole.
    Ha avuto un rapporto che è terminato in modo diverso da come era stato accordato.
    Cioè, come dice l'articolo:
    quello di cui è accusato Assange, che oggi non era in aula, non è uno stupro come viene inteso comunemente, bensì un atto sessuale consenziente con tuttavia dei particolari "non concordati" che rientrano nella sfera degli abusi secondo la legge del paese scandinavo
    O per dirla meglio: la donna voleva un rapporto protetto con il preservativo, ma alla fine del rapporto il preservativo era sparito(!)
    Praticamente è come se avessero avuto un rapporto non protetto (cosa che è rischiosissima... in quanto è stato un rapporto occasionale).
    La donna si sarà giustamente spaventata per quanto successo, ed è giusto che Assange paghi almeno una multa per il suo comportamento scorretto... e che non faccia la vittima perchè se la donna vuole un rapporto protetto e tu dici che va bene e poi cambi idea allora smetti di fare sesso. Se continui (come ha fatto lui) commetti un abuso.
    Semmai, il tentativo di Assange di scappare alla giustizia, sarebbe l'occasione per arrestarlo e a lungo.
    Assange non è un eroe. Ha compiuto un crimine comune e non politico, ed è giusto che paghi per questo. Poi potrà tornare a fare il rivoluzionario e qualsiasi cosa voglia.
    non+autenticato
  • Vabbè, ci deve essere sempre qualcuno che vuole fare il giudice senza aver letto le carte. Aspettiamo che si svolga il processo, no?! Ciò che è stato reso pubblico finora, in traduzioni affrettate dallo svedese di cui non mi fido molto, è solo una parte degli atti.

    Ti ricordo che se il reato è fra quelli che permettono l'estradizione all'interno della UE la pena prevista è ben più severa di una multa! Non è possibile richiedere l'estradizione per reati che prevedono nel massimo solo pene pecuniarie.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Leguleio
    > Vabbè, ci deve essere sempre qualcuno che vuole
    > fare il giudice senza aver letto le carte.
    > Aspettiamo che si svolga il processo, no?! Ciò
    > che è stato reso pubblico finora, in traduzioni
    > affrettate dallo svedese di cui non mi fido
    > molto, è solo una parte degli
    > atti.
    >
    > Ti ricordo che se il reato è fra quelli che
    > permettono l'estradizione all'interno della UE la
    > pena prevista è ben più severa di una multa! Non
    > è possibile richiedere l'estradizione per reati
    > che prevedono nel massimo solo pene
    > pecuniarie.

    almeno che tu non sia il fondatore di wikileaksA bocca aperta
    Sgabbio
    26178
  • > > Ti ricordo che se il reato è fra quelli che
    > > permettono l'estradizione all'interno della UE
    > la
    > > pena prevista è ben più severa di una multa! Non
    > > è possibile richiedere l'estradizione per reati
    > > che prevedono nel massimo solo pene
    > > pecuniarie.
    >
    > almeno che tu non sia il fondatore di wikileaksA bocca aperta


    Ma no, quanta paranoia inutile. Julian Assange è accusato di violenza sessuale, una fattispecie un po' particolare ma il reato quello è. Ed è punibile col carcere sia in Svezia sia in Gran Bretagna.
    non+autenticato
  • > Ti ricordo che se il reato è fra quelli che
    > permettono l'estradizione all'interno della UE la
    > pena prevista è ben più severa di una multa! Non
    > è possibile richiedere l'estradizione per reati
    > che prevedono nel massimo solo pene
    > pecuniarie.

    Si è vero. Ma in Svezia si converte tutto in multa e in ore per servizi sociali.
    Assange sapeva che tutto quello che rischiava, era di perderci la reputazione e prenderci una multa; ma vuole che sembri tutto un attacco ad-hoc contro di lui.... a causa Wikileaks.
    Se poi finisce dentro è solo perchè c'è il pericolo di fuga.
    Per i casi come quello di Assange uno stà dentro per max tre giorni, poi non ci ritorna più in cella.
    non+autenticato
  • > Si è vero. Ma in Svezia si converte tutto in
    > multa e in ore per servizi
    > sociali.


    Questa poi...
    So che gli italiani hanno una visione distorta del sistema giudiziario americano, a causa dei film polizieschi per nulla realistici. Ora scopro che in Svezia le carceri son lì per bellezza, vuote, perché tutto si converte in ammende.

    > Assange sapeva che tutto quello che rischiava,
    > era di perderci la reputazione e prenderci una
    > multa; ma vuole che sembri tutto un attacco
    > ad-hoc contro di lui.... a causa
    > Wikileaks.


    Non escludo che, se il giudice riterrà il fatto o i fatti compiuti di modesta gravità, la pena sarà un'ammenda. Ma il punto è che se l'accusa spiccata contro di lui è violenza sessuale, in svedese våldtäkt, la pena massima prevista è ben oltre l'ammenda.


    > Se poi finisce dentro è solo perchè c'è il
    > pericolo di
    > fuga.

    Ehm ehm, sei un po' distratto. Assange è già "dentro". Ora non ricordo se è agli arresti domiciliari o in libertà su cauzione, ma la sostanza è che su di lui pende un ordine restrittivo, e che in Svezia il processo si svolgerà con Assange in carcere (o, di nuovo, ai domiciliari).


    > Per i casi come quello di Assange uno stà dentro
    > per max tre giorni, poi non ci ritorna più in
    > cella.

    Sono stupito dalla tua profonda conoscenza del diritto penale svedese. Tieni anche lezioni all'università?
    non+autenticato
  • > Aspettiamo che si svolga il processo, no?!
    Non ci sarà processo. In Svezia lo aspetta una richiesta di estradizione da parte degli USA, per un'incriminazione più grave. Possono anche assolverlo o archiviare il caso di "stupro" non appena toccherà il suolo svedese, perché è chiaro a tutti che la destinazione finale non è Stoccolma, ma Guantanamo. O un caffè avvelenato.
    non+autenticato
  • Ma non era l'UK il grande amico degli USA?
    Se gli USA avessero voluto prendere Assange, lo avrebbero chiesto direttamente ai fedeli amici inglesi.

    Gli USA in realtà se ne fregano di Assange. Chi volgiono davvero è la fonte di Assange... che tra l'altro hanno già preso da un pezzo.
    non+autenticato
  • > Gli USA in realtà se ne fregano di Assange. Chi
    > volgiono davvero è la fonte di Assange... che tra
    > l'altro hanno già preso da un
    > pezzo.

    Aggiungo che avrebbero seri problemi a formalizzare un atto d'accusa contro Assange, che non è cittadino americano. Se lo fosse, potrebbero tentare con l'Alto tradimento. Ma lui è australiano. Accusarlo di aver diffuso materiale riservato sarebbe contrario a un principio tenuto molto in considerazione, la libertà di informazione, si rischia l'effetto boomerang.

    L'unica sarebbe farlo processare da una corte militare, come i prigionieri a Guantanamo. Ma queste sono cose che faceva George W. Bush, Obama sembra voglia cambiar pagina.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Paolo T.

    > > Aspettiamo che si svolga il processo, no?!
    > Non ci sarà processo. In Svezia lo aspetta una
    > richiesta di estradizione da parte degli USA, per
    > un'incriminazione più grave.


    Questo lo vanno ripetendo fin dal primo giorno in cui si parlava dell'accusa, ma sono pure teorie di complotto. Non si capisce perché gli Usa, la più grande potenza mondiale, abbiano problemi a chiedere (e ottenere) l'estradizione alla Gran Bretagna, ma non ne abbiano invece con la Svezia.
    Cos'è, hanno paura di ferire i sentimenti della regina?


    > Possono anche
    > assolverlo o archiviare il caso di "stupro" non
    > appena toccherà il suolo svedese, perché è chiaro
    > a tutti che la destinazione finale non è
    > Stoccolma, ma Guantanamo. O un caffè
    > avvelenato.

    No. È chiaro a tutti i paranoici amanti delle dietrologie. A me, e a molti altri, non è chiaro per nulla, anzi, mi piacerebbe mandare una lettera aperta a tutti quelli come te, e sono molti, per chiedere di rimangiarvi le parole, una volta che le cose saranno andate diversamente.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Leguleio
    > - Scritto da: Paolo T.
    >
    > > > Aspettiamo che si svolga il processo,
    > no?!
    > > Non ci sarà processo. In Svezia lo aspetta
    > una
    > > richiesta di estradizione da parte degli
    > USA,
    > per
    > > un'incriminazione più grave.
    >
    >
    > Questo lo vanno ripetendo fin dal primo giorno in
    > cui si parlava dell'accusa, ma sono pure teorie
    > di complotto. Non si capisce perché gli Usa, la
    > più grande potenza mondiale, abbiano problemi a
    > chiedere (e ottenere) l'estradizione alla Gran
    > Bretagna, ma non ne abbiano invece con la Svezia.

    magari hanno accordi di estradizione diversi? o dall'alto della tua profonda conoscenza degli accordi bilaterali tra stati sei sicuro che possono chiederla anche all'UK?

    >
    > Cos'è, hanno paura di ferire i sentimenti della
    > regina?
    >
    >
    > > Possono anche
    > > assolverlo o archiviare il caso di "stupro"
    > non
    > > appena toccherà il suolo svedese, perché è
    > chiaro
    > > a tutti che la destinazione finale non è
    > > Stoccolma, ma Guantanamo. O un caffè
    > > avvelenato.
    >
    > No. È chiaro a tutti i paranoici amanti
    > delle dietrologie. A me, e a molti altri, non è
    > chiaro per nulla, anzi, mi piacerebbe mandare una
    > lettera aperta a tutti quelli come te, e sono
    > molti, per chiedere di rimangiarvi le parole, una
    > volta che le cose saranno andate
    > diversamente.
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 9 discussioni)