Virgin, la musica online si vende così

Parte il jukebox della multinazionale britannica che lascia da parte abbonamenti e canoni lanciandosi invece sul paghi-solo-quello-che-compri. Per 30 sterline 50 singoli da masterizzare

Londra - Soffre ancora di diversi problemi tecnici e non è gratuito ma certo solleva notevole interesse il jukebox per la distribuzione legale di musica in Internet varato da Virgin, multinazionale e big della discografia internazionale.

Al grido di "salviamo il singolo", i dirigenti dei negozi Virgin Megastores hanno raggiunto un accordo con la OD2 per lanciare un servizio che ha in catalogo circa 200mila brani che possono essere acquistati singolarmente in pacchetti dal prezzo variabile.

L'idea di fondo è far pagare solo quello che si scarica e offrire ampi sconti a chi compra parecchio. Condendo poi il tutto con la possibilità di ascoltare la musica in streaming o di masterizzarla su CD oppure, ancora, di riversarla su un player portatile.
Pete GabrielAi soli utenti britannici, limitazione dovuta al complesso scacchiere dei diritti d'autore, Virgin offrirà brani a 99 pence, con prezzi che possono scendere a 60 pence per singolo quando se ne comprano tutti insieme almeno 50, scegliendoli liberamente dal catalogo disponibile. Per un pence, invece, è possibile ascoltare in streaming qualsiasi pezzo offerto da Virgin.

Richard Branson, chairman e mente creativa della Virgin, ha sostenuto che questo servizio contribuirà a rimettere il singolo "sulla via del recupero". "Vogliamo che sia semplice - ha aggiunto - e poco costoso".

Come noto, OD2 ("on-demand distribution"), fondata dal celebre musicista Peter Gabriel (nella foto), è l'azienda che ha stretto importanti accordi con i discografici per la gestione dei cataloghi nonché sviluppato tecnologie di distribuzione. Molti gli accordi stretti in diversi paesi e anche in Italia, dove vi sono partnership in essere con MTV e con Tiscali.
7 Commenti alla Notizia Virgin, la musica online si vende così
Ordina
  • Non ho letto il contratto della Vergin, ma quello offerto ai clienti Italiani da Tiscali e MTV non mi piace:

    Dalle loro FAQ

    «La licenza rimarrà in vigore per tutto il tempo in cui tu sei abbonato a un servizio attivo. In ogni caso, se non rimani iscritto la licenza scadrà dopo un certo numero di giorni e non sarà più possibile ascoltare i file scaricati. »

    Al solito, non acquisto il brano, ma solo il permesso di ascotarlo.
    Io voglio acquistare una licenza senza limiti di tempo, queste canzoni a tempo se le possono tenere!
    non+autenticato
  • > Al solito, non acquisto il brano, ma solo il
    > permesso di ascotarlo.
    > Io voglio acquistare una licenza senza
    > limiti di tempo, queste canzoni a tempo se
    > le possono tenere!

    Come abbonato da mesi al servizio di MTV , ti rispondo che devi distinguere fra 2 diversi tipi di scaricamento!
    C'è il pezzo "in affitto", che viene una misera (circa 0,15 euro) e il pezzo "comprato" vero e proprio. In questo caso la licenza è illimitata e puoi inciderlo su CD.
    Di questo tipo di acquisto parla l'articolo. Quindi limiti non ce ne sono.

  • - Scritto da: Ekleptical
    > > Al solito, non acquisto il brano, ma solo
    > il
    > > permesso di ascotarlo.
    > > Io voglio acquistare una licenza senza
    > > limiti di tempo, queste canzoni a tempo se
    > > le possono tenere!
    >
    > Come abbonato da mesi al servizio di MTV ,
    > ti rispondo che devi distinguere fra 2
    > diversi tipi di scaricamento!
    > C'è il pezzo "in affitto", che viene una
    > misera (circa 0,15 euro) e il pezzo
    > "comprato" vero e proprio. In questo caso la
    > licenza è illimitata e puoi inciderlo su CD.
    > Di questo tipo di acquisto parla l'articolo.
    > Quindi limiti non ce ne sono.
    E questo comincia ad essere interessante, fino ad adesso se aquistare un album equivale ad un vero e proprio furto (si parla di 15 30 euro) aquistare un singolo equivale ad un furto a mano armata (6/7 euro per una o 2 canzoni euna copertina di carta).
    Questa iniziativa mi sembra degna di nota, sono solo perplesso sul formato e sulle eventuali restrizioni per la copia
  • Costa poco meno di quello che si paga per averli su cd, con jewel box e libretto. E vale quanto lopster... cui prodest?
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > Costa poco meno di quello che si paga per
    > averli su cd, con jewel box e libretto. E
    > vale quanto lopster... cui prodest?

    Su CD, con jewel box e libretto ti devi sorbire a forza anche gli altri 9 (o più) brani di cui non ti frega niente e che hai comunque pagato.
    E' così difficile da capire?Occhiolino
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    >
    > - Scritto da: Anonimo
    > > Costa poco meno di quello che si paga per
    > > averli su cd, con jewel box e libretto. E
    > > vale quanto lopster... cui prodest?
    >
    > Su CD, con jewel box e libretto ti devi
    > sorbire a forza anche gli altri 9 (o più)
    > brani di cui non ti frega niente e che hai
    > comunque pagato.
    > E' così difficile da capire?Occhiolino


    Si è difficile da capire, sopratutto per uno che non sa neanche la differenza tra pence e cent.
    Il costo di un brano preso da Virgin è 99 pence, altro che 1800 lire......
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    >
    > - Scritto da: Anonimo
    > >
    > > - Scritto da: Anonimo
    > > > Costa poco meno di quello che si paga
    > per
    > > > averli su cd, con jewel box e
    > libretto. E
    > > > vale quanto lopster... cui prodest?
    > >
    > > Su CD, con jewel box e libretto ti devi
    > > sorbire a forza anche gli altri 9 (o più)
    > > brani di cui non ti frega niente e che hai
    > > comunque pagato.
    > > E' così difficile da capire?Occhiolino
    >
    >
    > Si è difficile da capire, sopratutto per uno
    > che non sa neanche la differenza tra pence e
    > cent.
    > Il costo di un brano preso da Virgin è 99
    > pence, altro che 1800 lire......

    si ma ne se ne prendi 50 ha ragione lui.. 1800 lire cadauno Occhiolino

    non+autenticato