Claudio Tamburrino

Lodsys, la denuncia di Oracle

Chi di brevetto ferisce di brevetto perisce: il patent troll anti-sviluppatori iOS si ritrova sul banco degli imputati e rischia di veder annullati i suoi titoli

Roma - Oracle ha denunciato Lodsys, azienda texana finora contraddistintasi per l'aggressività sul fronte brevettuale.

Da molti ritenuta un patent troll, Lodsys è un'azienda detentrice di diversi titoli brevettuali, salita recentemente agli onori della cronaca per la denuncia depositata nei confronti di diversi sviluppatori iOS e alcuni Android, rei, a suo parere, di aver violato un suo brevetto relativo all'aggiornamento in-app alla versione a pagamento, tecnologia da essa stessa peraltro già licenziata ad Apple.

Recentemente, poi, aveva deciso di agire in giudizio contro alcuni clienti Oracle per l'utilizzo di una funzione di webchat ritenuta in violazione del suo brevetto numero 5999908.
Ritenendo i suoi comportamenti abusi dell'istituto della proprietà intellettuale, l'azienda di Larry Ellison ha chiesto ad un giudice di invalidare i quattro brevetti con cui Lodsys ha agito.

Così, Oracle si è ora unita a Cupertino e Mountain View, intervenuti contro Lodsys in difesa degli sviluppatori delle rispettive piattaforme mobile, e ha apostrofato l'azienda texana apertamente come patent troll: "Non ha inventato la tecnologia che rivendica nelle sue cause", dice l'accusa spiegando che si tratta di "un'azienda detentrice di brevetti che non mette in pratica nulla in alcun modo, limitandosi a cercare di ottenere introiti derivanti da licenze legate alle rivendicazioni contenute in tali titoli".

Claudio Tamburrino
Notizie collegate
4 Commenti alla Notizia Lodsys, la denuncia di Oracle
Ordina
  • - il nemico del mio nemico e' mio amico (google+oracle vs lodsys)
    - il bue che da del cornuto all'asino (oracle che denuncia altri di fare i patent troll, dimenticando di averlo fatto sino a ieri)
    non+autenticato
  • La verità è che questo sistema di brevetti software, per dirla con Fantozzi, è una cagata pazzesca.
    Punto.
    non+autenticato
  • Ok, e' una pratica che puo' essere considerata fastidiosa, anche sleale, ma non mi pare per niente fondata come accusa quella di "rivendicare diritti su tecnologie non sviluppate da loro" ... cioe', e' la base della teoria del brevetto, cioe' la possibilita' di rendere "commerciale" un'idea per poterla sfruttare o venderla.
    non+autenticato
  • "un'azienda detentrice di brevetti che non mette in pratica nulla in alcun modo, limitandosi a cercare di ottenere introiti derivanti da licenze legate alle rivendicazioni contenute in tali titoli"

    ovvero ha brevettati concetti generali tipo "dispositivo di materializzazione e smaterializzazione della materia e trasporto della stessa su grandi distanze"

    si ok, ma il teletrasporto dov'è? il problema è che oggi si possono brevettare idee campate in aria senza minimamente descriverne il funzionamento

    l'inventore è colui che inventa, cioè crea un processo che va dall'inizio e alla fine e realizza un'azione

    questi qui descrivono nei brevetti solo la fine e tutto il resto? è facile brevettare il teletrasporto così e aspettare che qualcuno, che si è fatto il ****, lo inventi davvero e poi denunciarlo
    non+autenticato