Cristiano Vaccarella

Blizzard contro i bari di Diablo III

L'azienda annuncia misure di tolleranza zero contro i giocatori colpevoli di violare i regolamenti. I cheater saranno esclusi per sempre dal popolare videogioco

Roma - Imbrogliare e utilizzare software automatici per giocare a Diablo III può costare molto caro. Lo ha reso noto Blizzard Entertainment sui forum dedicati al popolare videogame, con una nota dal titolo Cheating in Diablo III in cui si affronta la questione degli utenti che barano.

"Blizzard Entertainment - si legge nel comunicato - considera molto seriamente il problema dei cheater nei suoi giochi, e Diablo III non costituisce un'eccezione alla regola. Qualora un giocatore imbrogliasse o tentasse di recare danno agli altri concorrenti utilizzando software elettronico (hack, bot...) o creando difficoltà nella connessione, verrà escluso definitivamente e in misura permanente dal gioco. Ciò significa che non potrà più accedere e giocare col suo account. Se si vuole giocare a Diablo III bisogna farlo secondo le regole e non modificando in alcun modo il client e i parametri di gioco. Farlo costituirebbe una violazione del regolamento e andrebbe contro lo spirito del fair-play su cui si basano tutti i nostri giochi. Pertanto, comportamenti volti ad alterare lo spirito di Diablo III non saranno assolutamente tollerati".

A quanto pare, le prime contromisure e i primi ban sarebbero già stati attuati. (C.V.)
7 Commenti alla Notizia Blizzard contro i bari di Diablo III
Ordina