In un chippetto l'evoluzione del GPRS

Intel ha presentato quello che definisce il primo processore al mondo su singolo chip ad implementare la tecnologia wireless GSM/EDGE per le reti mobili ad alta velocità

Santa Clara - Con l'imminente arrivo in Italia dello standard EDGE (Enhanced Data Rates for GSM Evolution), un'evoluzione delle attuali reti GSM/GPRS che promette velocità fino a tre volte superiori, assume particolare interesse lo sviluppo, da parte di Intel, di un nuovo processore che integra la tecnologia EDGE su di un solo chip.

Il nuovo processore per telefoni cellulari di Intel, denominato PXA800EF, si basa su di una versione avanzata dell'architettura Wireless Internet on a Chip del big di Santa Clara. In questo modo combina i principali componenti degli attuali telefoni mobili e computer palmari su un unico microchip per favorire, secondo quanto spiegato da Intel, l?integrazione di nuove funzionalità per l'elaborazione dei dati, una maggiore durata della batteria e la costruzione di telefonini ancora più compatti e leggeri.

"Il processore Intel PXA800EF dimostra che la tecnologia Intel Wireless Internet on a Chip è in grado di supportare più reti cellulari su un unico componente in silicio", ha affermato Hans Geyer, vice president di Intel e general manager del PCA Components Group. "In questo modo i produttori di telefoni possono sviluppare una vasta gamma di cellulari utilizzando un'unica piattaforma, offrendo livelli superiori di prestazioni e connettività per tutti i tipi di rete, dalle GSM/GPRS entry level fino alle più veloci reti cellulari EDGE".
Il chip PXA800EF integra un processore XScale con frequenza di clock compresa fra i 104 e i 312 MHz: nella sua versione più veloce questo chip è in grado, secondo Intel, di soddisfare le esigenze di chi sviluppa telefoni cellulari EDGE in grado di far girare applicazioni multimediali evolute che sfruttino appieno la larghezza di banda messa a disposizione dalla nuova tecnologia wireless.

Il PXA800EF comprende poi 4 MB di memoria flash, 512 KB di memoria SRAM e un DSP a 156 MHz basato sulla tecnologia Micro Signal Architecture sviluppata dal chipmaker.

In Italia il primo - e con tutta probabilità anche unico - operatore che abbraccerà lo standard EDGE sarà TIM, che prevede di lanciare i primi servizi basati sulla nuova tecnologia wireless a cavallo fra l'anno corrente e il 2004. Per TIM la tecnologia EDGE rappresenta l'opportunità non solo di stendere un ponte fra le attuali reti GSM/GPRS e le reti 3G, ma anche di offrire fuori dalle grandi città quella stessa base di servizi a larga banda che lancerà in occasione del debutto, il prossimo anno, della propria rete UMTS.
3 Commenti alla Notizia In un chippetto l'evoluzione del GPRS
Ordina