Luca Annunziata

E alla fine arriva Nexus 7

Confermato tutto e anche di più. Il tablet di Google si lancia nella mischia con la leva poderosa del prezzo. La differenza, però, BigG la spera la facciano i contenuti

« Indietro
Foto 1 di 4

Roma - Un peso piuma o un peso massimo, difficile da distinguere: il nuovo Nexus 7 è il primo tablet ufficiale di Google, destinato a proseguire il discorso Nexus iniziato tra i cellulari. Cambia il partner, questa volta è Asus, ma resta il principio: a Mountain View vogliono fare le cose in grande e tentare di scardinare il regno di Apple e Amazon. Strappando alla prima l'appeal della piattaforma, alla seconda ogni vantaggio legato ai contenuti.


Le specifiche tecniche del nuovo Nexus 7 ricalcano quelle annunciate alla vigilia dalle indiscrezioni: Tegra 3 quad-core (Kai) da 1,3GHz, GPU 12-core e 1GB di RAM. La fotocamera è solo frontale, 1,2 megapixel, c'è il WiFi a bordo assieme a Bluetooth e NFC, ma niente modulo 3G. La batteria sul palco viene dichiarata capaca di 9 ore di autonomia, altrove il numero scende a 8: differenze da poco, da valutare comunque su strada, ma in linea con la concorrenza (4325mAh). Magnetometro, accelerometro, giroscopio, GPS. Sistema operativo Android 4.1 Jelly Bean (ora è ufficiale): codice rivisto, finalmente l'interfaccia non "scatterà" più. Il peso è senz'altro uno dei punti forti del prodotto: 340 grammi, quanto alcuni smartphone oversize.

Confrontato con i suoi potenziali concorrenti, Nexus 7 emerge come un potenziale primo della classe: quad-core, schermo IPS 1280x800 (16:9), il più leggero e il più sottile del lotto. Gli unici nei, forse, lo speaker mono e la presa micro-USB per l'alimentazione (questione di velocità di ricarica): ma tutto si perdona a un prodotto che costerà appena 199 dollari nella versione da 8GB, 249 in quella da 16GB.
Il prezzo è uno dei cavalli di battaglia di Google: il Nexus 7 si venderà attraverso lo store di BigG, e stando alle dichiarazioni di Andy Rubin il prezzo praticato è praticamente il minimo per coprire le spese. Asus, dal canto suo, fa sapere di aver fatto i salti mortali per accontentare le richieste di Mountain View in fatto di specifiche e tempi di consegna: ci sarebbero voluti solo quattro mesi per passare dall'idea al prodotto sugli scaffali a luglio (e nel pacco dono che BigG ha elargito agli sviluppatori di I/O, poi a metà luglio per i consumatori di USA, Canada, Australia e Regno Unito), e non sarebbero stati fatti compromessi nella qualità dei componenti. Uno sforzo evidentemente legato all'intenzione di Google di guadagnare quota in un mercato, quello dei tablet, che per il momento vede primeggiare incontrastato iPad.

Ma l'hardware non basta: lo dice ancora Rubin, che deve aver convinto i vertici del Googleplex a buttarsi in questa avventura sulla base di un principio controverso, ovvero la "morte delle specifiche". In altre parole: data una piattaforma potente abbastanza per fare di tutto, e sulla carta il Nexus 7 è in grado di esibirsi tranquillamente in videogiochi all'ultimo grido o qualsiasi altro task tipico delle tavolette, la differenza per i consumatori la fanno i contenuti disponibili. E, a sentire il responsabile Android per BigG, erano i contenuti a scarseggiare sui tablet di sua competenza.

Non è quindi un caso se in concomitanza con l'annuncio di Nexus 7 siano arrivate una pioggia di novità per riviste, film, libri, musica acquistabili e noleggiabili su Google Play. BigG ha anche messo nel piatto un'offerta-lancio comprendente film di cassetta (Transformer 3), un libro (The Bourne Dominion), un paio di riviste (Popular Science, Traveller Condè Nast ecc), qualche brano musicale mainstream e 25 dollari di credito per acquistare altro nel suo marketplace. E poi ancora Chrome lanciato per Android e le mappe offline.

Ed è proprio questo il punto: Nexus 7, più che andare a mettersi in diretta competizione con iPad, cerca di regolare rapidamente i conti con l'eretico Kindle Fire (che monta una versione dialettale di Android). Prezzo inferiore, specifiche superiori, contenuti alla pari o quasi: se tutto andrà come sperano a Mountain View, questo prodotto si venderà bene e contribuirà ad aumentare l'interesse degli sviluppatori per Android declinato in salsa tablet. A oggi, inutile negarlo, la differenza tra iOS e i concorrenti è la indubbia maggiore quantità di App disponibili per tutti i prodotti basati sulla piattaforma. E sarà a quel punto che, forte di un parco applicazioni adeguato e di contenuti abbondanti, Google potrà tentare la scalata definitiva anche al predominio fin qui assoluto di Apple.

Amazon, Toshiba, HTC, Motorola, Samsung, la stessa Asus: sono loro a doversi preoccupare per la mossa di Google più di Apple, almeno per il momento. Le premesse sembrano buone per BigG, resta da vedere quanto rapidamente la produzione e la distribuzione del Nexus 7 scalerà per coprire una potenziale domanda consistente, e se ovviamente il pubblico premierà la strada scelta da BigG.




Luca Annunziata
Notizie collegate
  • TecnologiaGoogle Play, film in venditaLo store di BigG, oltre ai già esistenti servizi di noleggio, offrirà anche la possibilità di acquistare i titoli. Miglioramenti anche per applicazioni e YouTube, che scaricherà le clip in anticipo
  • AttualitàProject Glass, presentazione dal futuroParacadutisti e prototipi in anteprima pronti per il 2013: Google mostra con orgoglio i suoi occhiali dal futuro, diradando in parte una fitta nebbia di vaporware
  • TecnologiaGoogle Maps offline e in 3DLa nuova versione dell'app per Android consente di salvare mappe sul proprio device per la consultazione offline. E BigG rilascia anche un aggiornamento per Earth che consente la visualizzazione in tre dimensioni
90 Commenti alla Notizia E alla fine arriva Nexus 7
Ordina
  • Quelli che ho sempre sostenuto:

    1) sistema operativo inadeguato al touch
    codice rivisto, finalmente l'interfaccia non "scatterà" più.

    2) mancanza di contenuti
    la differenza per i consumatori la fanno i contenuti disponibili. E, a sentire il responsabile Android per BigG, erano i contenuti a scarseggiare sui tablet di sua competenza.

    3) mancanza di app.
    A oggi, inutile negarlo, la differenza tra iOS e i concorrenti è la indubbia maggiore quantità di App disponibili per tutti i prodotti basati sulla piattaforma.

    Ma soprattutto:
    Ma l'hardware non basta: lo dice ancora Rubin, che deve aver convinto i vertici del Googleplex a buttarsi in questa avventura sulla base di un principio controverso, ovvero la "morte delle specifiche".

    Naturalmente per i tipici frequentatori di questo forum è un concetto indigesto.

    Comunque lo sconquasso sta per arrivare:
    Amazon, Toshiba, HTC, Motorola, Samsung, la stessa Asus: sono loro a doversi preoccupare per la mossa di Google più di Apple, almeno per il momento.

    Microsoft e Google si stanno muovendo su un campo minato: sarebbero in grado, queste due grosse aziende, di gestirsi per contro proprio l'hardware nel caso in cui i partner, sentendosi traditi, gli voltassero le spalle?
    ruppolo
    33147
  • - Scritto da: ruppolo

    > Microsoft e Google si stanno muovendo su un campo
    > minato: sarebbero in grado, queste due grosse
    > aziende, di gestirsi per contro proprio
    > l'hardware nel caso in cui i partner
    sicuramente gli mancano soldi ed esperienza...A bocca aperta
    non+autenticato
  • :DA bocca apertaA bocca aperta
    Ma anvedi 'sti scalcagnati con le pezze ai pad di Stroogle e Microzozz che si permettono di inserirsi in questo mercato... minimo dovranno chiedere un mutuo a Lehmans & Bro'sA bocca apertaA bocca aperta
    non+autenticato
  • - Scritto da: andro
    > - Scritto da: ruppolo
    >
    > > Microsoft e Google si stanno muovendo su un
    > campo
    > > minato: sarebbero in grado, queste due grosse
    > > aziende, di gestirsi per contro proprio
    > > l'hardware nel caso in cui i partner
    > sicuramente gli mancano soldi ed esperienza...A bocca aperta


    Vediamo... Zune e Kin da una parte, il Nexus dall'altra.... no hai ragione, l'esperienza non manca a questi signori, sfortunatamente per loro è stata fallimentare....

    Microsoft è ad un punto di svolta, entro 2 anni vedremo un Micrtosoft molto diversa da oggi, forse più forte, forse avviata al fallimento come RIM oggi.

    Per Google invece l'impressione è che seguano le regole di Sun Tzu:se sei attivo, fingi inattività, se sei inattivo, fingiti attivo.... ecco loro si fingono attivi in un mercato che oramai è tutto o quasi per l'iPad, IMHO....

    Fan AppleFan Linux
  • > Vediamo... Zune e Kin da una parte, il Nexus
    > dall'altra.... no hai ragione, l'esperienza non
    > manca a questi signori, sfortunatamente per loro
    > è stata
    > fallimentare...

    Xbox e nexus fallimentari?


    > [bla bla bla]


    > Fan AppleFan Linux
    Ah tu sei quello coerente

    P.s.:
    Finalcut X fa schifo
    non+autenticato
  • - Scritto da: federicco
    > > Vediamo... Zune e Kin da una parte, il Nexus
    > > dall'altra.... no hai ragione, l'esperienza
    > non
    > > manca a questi signori, sfortunatamente per
    > loro
    > > è stata
    > > fallimentare...
    >
    > Xbox e nexus fallimentari?

    Xbox no, ma è un settore diverso dove M$ non collabora con OEM (capire di cosa si parla no, eh?) Infatti io ho parlato di Zune e Kin, non ho parlato di Xbox.

    Nexus, si, è stato un fallimento.

    http://androidnews.altervista.org/tablet-di-google.../

    http://subitonews.com/2012/03/tablet-di-google-ci-.../

    http://www.appuntidigitali.it/11547/google-nexus-o.../

    Ti bastano?

    >
    >
    > > [bla bla bla]
    >
    >
    > > Fan AppleFan Linux
    > Ah tu sei quello coerente
    >
    > P.s.:
    > Finalcut X fa schifo

    Risibile.... l'altro giorno ho fatto staccare la mascella dallo stupore ad un mio amico che usa sistemi AVID da una vita e che derideva FCPX.

    Chi trova inadeguato FCPX è solo per una ragione: perché' non lo sa usare.
    Leggiti almeno le "Final words" e capirai che gran parte delle polemiche anti-FCPX sono nate tutte dal prezzo estremamente aggressivo e da un rilascio troppo prematuro da parte di Apple:
    http://www.pcmag.com/article2/0,2817,2388456,00.as...

    Thanks to both performance and ease-of-use features, pros may find that the same tasks take a fraction of the time they took in previous versions. [..] Final Cut Pro X is a delight to work in compared with other serious video editing software. [..] The speed gains (from 64-bit code and multicore support), the two-thirds price cut, and some nimble new tools in a fluid, highly usable and precise interface make Final Cut Pro X our Editors' Choice for high-end video editing .

    Se vuoi spendere 1.000 € per Adobe Premiere (per non parlare di AVID) e fare le stesse cose di FCPX che costa 239 € fai pure... ma prima leggiti bene cosa dicono di Premiere...
    http://www.pcmag.com/article2/0,2817,2365579,00.as...

    There's no denying that Premiere Pro CS6 can do everything the professional video editor needs. [..] But when you compare it with the most recent version of Final Cut Pro X , which adds powerful multicam support and other feature pros need, Apple's product just feels more modern, fluid, and usable, earning it our Editor's Choice for professional video editing software . Of course, if you're locked into a Premiere Pro workflow , you'll still want Premiere Pro CS6: It's definitely a worthwhile upgrade.


    Te lo devo tradurre o capisci l'inglese?

    Fan AppleFan Linux

    PS:Infine (tanto per capire) il mio Nick non si riferisce a FCP bensì ad n modo di dire in uso al cinema che troll come te non sanno... (a cui anche Apple si è rifatta)
    http://en.wikipedia.org/wiki/Final_cut_privilege
    -----------------------------------------------------------
    Modificato dall' autore il 30 giugno 2012 11.39
    -----------------------------------------------------------
  • nexus è stato un fallimento solo per quelli che credevano che google volesse vendere hardware in proprio

    mai fatto caso che si fanno millemila pubblicità del galaxy s III e nemmeno una del galaxy nexus?

    sarà un caso? no, è che per google quei terminali sono dei reference per gli sviluppatori e nulla più

    stesso discorso vale per il nexus 7

    google non ha nessun interesse a mettersi contro gli oem, senza i quali non andrebbe da nessuna parte ( windows phone docet!!! )
    non+autenticato
  • > Nexus, si, è stato un fallimento.
    >

    Solo sotto alcuni aspetti.

    > http://androidnews.altervista.org/tablet-di-google
    >
    > http://subitonews.com/2012/03/tablet-di-google-ci-
    >
    > http://www.appuntidigitali.it/11547/google-nexus-o
    >
    > Ti bastano?

    Non smentiscono quanto ho scritto sopra.
    Aleb
    429
  • Mi ero scordato che avevo scritto anche qui, scusa se ti leggo solo ora.

    - Scritto da: FinalCut
    > - Scritto da: federicco
    > > > Vediamo... Zune e Kin da una parte, il
    > Nexus
    > > > dall'altra.... no hai ragione,
    > l'esperienza
    > > non
    > > > manca a questi signori, sfortunatamente
    > per
    > > loro
    > > > è stata
    > > > fallimentare...
    > >
    > > Xbox e nexus fallimentari?
    >
    > Xbox no, ma è un settore diverso dove M$ non
    > collabora con OEM (capire di cosa si parla no,
    > eh?) Infatti io ho parlato di Zune e Kin, non ho
    > parlato di
    > Xbox.

    Ovvio, sei un bravo troll.
    Cerchi solo gli esempi che soddisfino le tue pseudo teorie.


    > Nexus, si, è stato un fallimento.
    >
    > http://androidnews.altervista.org/tablet-di-google
    > http://subitonews.com/2012/03/tablet-di-google-ci-
    > http://www.appuntidigitali.it/11547/google-nexus-o
    >
    > Ti bastano?

    Mi posti articoli del 2010?
    sono usciti altri due nexus dopo quello...
    mah......


    > > > [bla bla bla]
    > >
    > >
    > > > Fan AppleFan Linux
    > > Ah tu sei quello coerente
    > >
    > > P.s.:
    > > Finalcut X fa schifo
    >
    > Risibile.... l'altro giorno ho fatto staccare la
    > mascella dallo stupore ad un mio amico che usa
    > sistemi AVID da una vita e che derideva
    > FCPX.

    Guarda, lavoro con avid dal 1995, negli anni ho usato anche premiere, vegas e finalcut. Anche se ora mi occupo di 3d conosco bene tutti i sistemi, con me caschi male.


    > [bla bla bla}

    >
    > Te lo devo tradurre o capisci l'inglese?


    :D
    sai com'e'... lavoro a londra da 4 anni, so leggere l'inglese e me ne sbatto delle recensioni delle tue riviste specializzate.
    La realta' e' ben diversa.
    Finalcut X e' servito solo ad allontanare i professionisti.
    Forse per montare video di matrimoni va ancora bene, per carita', ma non conosco l'ambiente.


    > Fan AppleFan Linux
    >
    > PS:Infine (tanto per capire) il mio Nick non si
    > riferisce a FCP bensì ad n modo di dire in uso al
    > cinema che troll come te non sanno... (a cui
    > anche Apple si è
    > rifatta)
    > http://en.wikipedia.org/wiki/Final_cut_privilege

    Lavoro nel cinema so bene cosa significaSorride
    se ci lavorassi anche tu sapresti che si usa anche per indicare qualcuno che fa montaggi per i matrimoni.
    Mi aveva fatto ridere che il tuo nick fosse proprio finalcut, tutto qua.
    Ciao.
    non+autenticato
  • Sai che stai parlando al più grande montatore di filmini del mondo?
    :D

    Dovresti proprio proprio informarti! Lui è un registrone! Addirittura pensa: è così regista che.... fa anche i montaggi Rotola dal ridere.
    non+autenticato
  • - Scritto da: hermanhesse
    > Sai che stai parlando al più grande montatore di
    > filmini del
    > mondo?
    >A bocca aperta
    >
    > Dovresti proprio proprio informarti! Lui è un
    > registrone! Addirittura pensa: è così regista
    > che.... fa anche i montaggi
    > Rotola dal ridere.

    Mi dispiace, lo conosco soltanto come esperto di telefonia!

    Vorrei precisare che quando usiamo la parola "finalcut" per indicare qualcuno "meno bravo" che dovrebbe andare a montare matrimoni invece di lavorare nel cinema non e' per mancare rispetto alla categoria.

    Conosco fotografi in italia che fanno montaggi di matrimoni usando FCP che sono bravissimi, dei veri artisti.
    Mi dispiacerebbe aver offeso qualcuno di loro con il mio post.
    non+autenticato
  • Three inches for the mobile phones under the sky,
    Seven inches for the mini Google pads in their halls of stone,
    Nine inches for Mortal Apple doomed to die,
    One Surface for the MS Lord on his tiled throne
    In the Land of Microsoftor where the Windows lie.
    One Surface to rule them all, One Surface to find them,
    One Surface to bring them all and in the darkness bind them
    In the Land of Microsoftor where the Windows lie.
    non+autenticato
  • Complimenti! e il finale sarà lo stesso del libro
  • Può essereSorride
    ma nel frattempo li aveva fracassati già tutti, vediamo quale sarà il Mount Doom di SurfaceA bocca aperta
    non+autenticato
  • surface? nemmeno partirà

    nokia parla già di piano B, segno che c'è rimasta solo la possibilità di chiedere l'amministrazione controllataA bocca aperta
    non+autenticato
  • A Nokia non resta che rivolgersi a quelle aziende cinesi che fabbricano copie di nokia da vendere a due soldi sulle bancarelle dei mercatini cinesi, stanno pensando di introdurli negli store ufficiali e spacciarli per veri (magari la loro qualità è pure superiore)
    non+autenticato
  • alla fine la gente si accorgerà che è troppo piccolo e il nexus tab 2 avrà lo schermo a 11.6 pollici... e tutti a ricomprare...
    non+autenticato
  • No, io voglio un tablet da 7.
    Ho già un tablet da 7, e continuo a volere un tablet da 7.
    non+autenticato
  • io l'ho da 8" e mi trovo davvero benissimo!
    anche se guardare un filmato sul 10 non è sicuramente male!
    non+autenticato
  • Non esiste la misura "giusta" per tutti, è ovvio.
    Ho avuto il Galaxy Tab da 7" ed era assolutamente fenomenale per leggerezza (potevi tenerlo in mano un'ora senza rischiare anchilosi) e portabilità (ci stava nella tasca interna della giacca).
    Adesso ho un iPad ed è uno spettacolo per godersi foto, filmati e pagine web. Dipende quello che cerchi da un tablet...
    non+autenticato
  • - Scritto da: AlessioC
    > Non esiste la misura "giusta" per tutti, è ovvio.
    Come disse cicciolinaImbarazzato
    non+autenticato
  • Sembra scimmiottare l'ipad perchè non avendo uno slot per micro sd, dove l'user può liberamente caricarvi i propri contenuti, deve per forza usare lo store.
    Penso di rivolgermi altrove pe un VERO tablet.
    non+autenticato
  • Di questo si stanno lamentando tutti! non capisco come mai non l'abbiano inserita! ha almeno un USB host?
    non+autenticato
  • mi rispondo da solo NO....hmm che strane scelte hanno applicato!!! oppure avendo avuto poco tempo per svilupparlo all'Asus se ne sono dimenticati?

    hahahahahahahaha
    non+autenticato
  • ho letto che ce l'ha invece
    non+autenticato
  • no, mi sa di no, invece.
    peccato.
    non+autenticato
  • è difficile che lo mettano nelle specifiche

    android 4 supporta questa funzionalità e una porta microusb ( unica porta ) è da pazzi non fornirla del supporto per l'usb host

    su un tablet poi
    non+autenticato
  • Ti sei risposto male, android dalla versione 4 supporta nativamente l'USB host
  • usb host è nativo in Android 4; forse però jacopo voleva dire una porta usb ... che invece credo proprio non ci sia ... servirà un adattatore micro usb to usb ...
    -----------------------------------------------------------
    Modificato dall' autore il 28 giugno 2012 17.27
    -----------------------------------------------------------
  • si si intendevo un USB vera! comunque anche con la micro alla fine non è male! però nell'articolo si parla solo di ricarica! non vorrei l'avessero castrata (cosa che ritengo impossibile)

    L'unica pecca è che se perdi il cavetto poi è una rottura prenderne uno nuovo! (ho lo stesso maccanisco sul mio pad e tengo il cavetto come l'oro)
    non+autenticato
  • Dovrebbe avere l'USB Host. E per 200$ manca solo la fettina di cu1o
    non+autenticato
  • - Scritto da: tucumcari
    >
    > i bordi arrotondati!
    > A bocca aperta

    bravissimo, questa è proprio la dimostrazione (ennesima?) che è possibile fare un tablet senza incombere in denunce per plagio.

    basta non arrivare a questi livelli

    Clicca per vedere le dimensioni originali
  • Cavolo, questa foto non l'avevo mai vista, in effetti è un po grottesca, sembra di avere per le mani un clone cinese!Sorpresa
    --
    JackRackham
    non+autenticato
  • É un clone cinese.
    MeX
    16897
  • Penso si riferisse all'iPhone...
    non+autenticato
  • - Scritto da: MeX
    > É un clone cinese.

    La stessa apple ormai producendo solo in cina fa le cinesate.
    krane
    22544
  • - Scritto da: MeX
    > É un clone cinese.
    Lo sapevamo già che apple si fa fare e vende i cloni cinesi della fpxconn grazie!
    Le poche cose (componenti) non cinesi le compra da samsung...
    A bocca aperta
    non+autenticato
  • Vero che i tablet sono rettangolari, ma non è impossibile creare un design unico e diverso da Apple. In questo caso la Samsung ha davvero esagerato.
  • - Scritto da: Francesco_Holy87
    > Vero che i tablet sono rettangolari, ma non è
    > impossibile creare un design unico e diverso da
    > Apple. In questo caso la Samsung ha davvero
    > esagerato.
    Veramente pure il rettangolo coi bordi arrotondati non è proprio apple!
    non+autenticato
  • E chissa l'apple dove avra' copiato? Forse da una Bauer tedesca?

    - Scritto da: bertuccia
    > - Scritto da: tucumcari
    > >
    > > i bordi arrotondati!
    > > A bocca aperta
    >
    > bravissimo, questa è proprio la dimostrazione
    > (ennesima?) che è possibile fare un tablet senza
    > incombere in denunce per
    > plagio.
    >
    > basta non arrivare a questi livelli
    >
    > [img]http://www.blogcdn.com/www.tuaw.com/media/201
    non+autenticato
  • Con tutte le forme geometriche che esistono
    vanno a fare propio un rettangolo.
    Ma pensa te che tizi che sono questi di Google! Ficoso
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 8 discussioni)