Alfonso Maruccia

WebOS, rilasciati altri componenti open

Il cammino di resurrezione dell'OS mobile di HP procede lento ma inesorabile, e la corporation rilascia ora un nuovo, essenziale componente di quella che sarà la versione finale e a codice aperto del sistema basato su Linux

Roma - Hewlett-Packard ha rilasciato il codice sorgente di un nuovo, fondamentale componente di Open webOS, progetto FOSS che ha l'obiettivo di far risorgere l'oramai defunto OS mobile che il colosso statunitense aveva acquisito assieme agli altri asset di Palm.

Il cammino è quello già tracciato, verso la release di webOS definita Community Edition, mentre il nuovo componente appena distribuito da HP è il system manager Luna (luna-sysmgr): l'archivio da 9 Megabyte segna una tappa importante per Open webOS, visto che ora è possibile mettere assieme una versione bootabile di webOS.

Grazie alla disponibilità del codice open source di Luna, dice HP, i possessori di tablet TouchPad possono modificare un gran numero di funzionalità presenti nell'esperienza utente propria del primo, sfortunato esemplare di tablet mai realizzato da HP.
Per quanto riguarda la pianificata prima (beta) release di Open webOS, invece, il codice dovrebbe divenire pubblico entro il prossimo settembre. A quel punto la Community Edition del sistema operativo dovrebbe contenere tecnologie quali lo stack Linux per il Bluetooth BlueZ, il framework multimediale GStreamer e altro ancora.

Alfonso Maruccia
Notizie collegate
  • TecnologiaWebOS, altri componenti liberatiHP pubblica un ulteriore pacchetto incentrato sul codice 3.0.5 di webOS. La "Community Edition" è slegata dal progetto open source, ma è complementare alla sua nascita
21 Commenti alla Notizia WebOS, rilasciati altri componenti open
Ordina
  • La cosa migliore di WebOS era il font di sistema. Prelude. Pulito ed elegante.

    Clicca per vedere le dimensioni originali

    Si sa se ora è opensource anche lui?
  • Mi rispondo da solo: no.
    Il copyright è del Font Bureau che l'ha fatto per Palm, e non lo possono distribuire.
    Solo che non esiste neanche in venditaTriste

    Spero ci facciano qualcosa.
  • - Scritto da: MacGeek
    > Mi rispondo da solo: no.
    > Il copyright è del Font Bureau che l'ha fatto per
    > Palm, e non lo possono
    > distribuire.
    > Solo che non esiste neanche in venditaTriste
    >
    > Spero ci facciano qualcosa.

    Per questo motivo e per molti altri, il copyright deve essere eliminato.
    Non esiste che qualcuno possa impedire l'utilizzo di qualcosa!

    In ogni caso vale il principio che se non e' in vendita, nessuno puo' lamentare un mancato guadagno se lo copiamo e lo usiamo lo stesso.
  • - Scritto da: panda rossa
    > In ogni caso vale il principio che se non e' in
    > vendita, nessuno puo' lamentare un mancato
    > guadagno se lo copiamo e lo usiamo lo
    > stesso.

    È pure difficile da trovare. Trovato qualcosa, ma non con tutti gli stili che funzionano.
  • - Scritto da: MacGeek
    > - Scritto da: panda rossa
    > > In ogni caso vale il principio che se non e'
    > in
    > > vendita, nessuno puo' lamentare un mancato
    > > guadagno se lo copiamo e lo usiamo lo
    > > stesso.
    >
    > È pure difficile da trovare. Trovato
    > qualcosa, ma non con tutti gli stili che
    > funzionano.

    Scusa, ma tu lo hai mai avuto un WebOS?
    E perche' non lo tiri fuori da li' quel font?

    La vedi l'importanza di conservare tutto e rendere tutto funzionale anche attraverso diversi sistemi?
    A me non sarebbe mai successo di vedermi sparire un font o qualcosa del genere tra una versione e l'altra.
    Io conservo tutto.
  • LunaSysMgr *non è* un pezzo di webOS Community Edition: *è* webOS Community Edition.
    E non ha nulla (o quasi) a che vedere con Open webOS: è semplicemente il LunaSysMgr di webOS 3.0.5 reso pubblico.

    E non è ancora possibile creare una versione bootabile di webOS. LunaSysMgr è semplicemente l'interfaccia (chiamiamolo Desktop Environment) di webOS. Sì, è la parte più importante. Ma un DE non fa un sistema operativo intero.
    non+autenticato
  • apple dovra' vedersela con un altro agguerritissmo concorrente opensource...linux sempre piu' in alto!!! e questa volta la vedo dura, per la socueta' della mela...sempre piu' accerchiata da prodotti frutto del sogno di liberta' di milioni di persone, non puo' che limitarsi a gettare la spugna o rilasciare sotto licenza open tutti i brevetti che ha accumolato...
    non+autenticato
  • - Scritto da: reptilo
    > apple dovra' vedersela con un altro
    > agguerritissmo concorrente opensource...linux
    > sempre piu' in alto!!! e questa volta la vedo
    > dura, per la socueta' della mela...sempre piu'
    > accerchiata da prodotti frutto del sogno di
    > liberta' di milioni di persone, non puo' che
    > limitarsi a gettare la spugna o rilasciare sotto
    > licenza open tutti i brevetti che ha
    > accumolato...

    L'OpenSource se non c'è qualcuno grosso dietro che lo supporta e finanzia conta come il 2 di picche. WebOs farà la fine dei cloni di AmigaOS, BeOS e simili. Progetti per appassionati ma con zero market.
  • - Scritto da: MacGeek

    > picche. WebOs farà la fine dei cloni di AmigaOS,
    > BeOS e simili. Progetti per appassionati ma con


    ma si i cloni hanno fatto più strada degli originali

    haiku ha un'utenza che è 3 volte quella di beos

    aros è più conosciuto ed usato dell'attuale amigaos 4
    non+autenticato
  • - Scritto da: collione
    > - Scritto da: MacGeek
    >
    > > picche. WebOs farà la fine dei cloni di AmigaOS,
    > > BeOS e simili. Progetti per appassionati ma con
    >
    >
    > ma si i cloni hanno fatto più strada degli
    > originali
    >
    > haiku ha un'utenza che è 3 volte quella di beos
    >
    > aros è più conosciuto ed usato dell'attuale
    > amigaos
    > 4
    Haiku OS ha uno sviluppo mooolto lento peròA bocca aperta
    Sgabbio
    26177
  • - Scritto da: collione
    > ma si i cloni hanno fatto più strada degli
    > originali
    >
    > haiku ha un'utenza che è 3 volte quella di beos

    Non pensavo così tanto, ma sarà solo gente che l'ha installato per provare e poi è tornato per le cose serie a Mac/Win/Linux.
  • - Scritto da: collione

    > aros è più conosciuto ed usato dell'attuale
    > amigaos 4

    Qualche giorno fa ho visto un tizio che continuava a fare le fatture con un Amiga.

    Un bel tuffo nel passato vedere sullo schermo le finestre che si disegnavano.
    FDG
    10946
  • - Scritto da: MacGeek
    > - Scritto da: reptilo
    > > apple dovra' vedersela con un altro
    > > agguerritissmo concorrente opensource...linux
    > > sempre piu' in alto!!! e questa volta la vedo
    > > dura, per la socueta' della mela...sempre piu'
    > > accerchiata da prodotti frutto del sogno di
    > > liberta' di milioni di persone, non puo' che
    > > limitarsi a gettare la spugna o rilasciare sotto
    > > licenza open tutti i brevetti che ha
    > > accumolato...
    >
    > L'OpenSource se non c'è qualcuno grosso dietro
    > che lo supporta e finanzia conta come il 2 di
    > picche. WebOs farà la fine dei cloni di AmigaOS,
    > BeOS e simili. Progetti per appassionati ma con
    > zero
    > market.

    Chissenefrega del market.
    Un violino stradivari ha zero market, eppure e' il migliore strumento che esista, perche' fatto da appassionati per appassionati.

    Tu accontentati pure di uno strumento cinese, che ha molto piu' market.
  • - Scritto da: panda rossa
    > Chissenefrega del market.
    > Un violino stradivari ha zero market, eppure e'
    > il migliore strumento che esista, perche' fatto
    > da appassionati per
    > appassionati.

    Non troppo vero: http://www.guardian.co.uk/music/musicblog/2012/jan...

    Le cose vecchie sono romantiche, ma quelle nuove di solito sono miglioriOcchiolino

    > Tu accontentati pure di uno strumento cinese, che
    > ha molto piu' market.

    Qui se c'è uno che si accontenta sei tu, con i tuoi cassoni del paleolitico in cantina e i notebook attaccati con il velcro sul cruscotto dell'auto...
  • - Scritto da: MacGeek
    > - Scritto da: panda rossa
    > > Chissenefrega del market.
    > > Un violino stradivari ha zero market, eppure
    > e'
    > > il migliore strumento che esista, perche'
    > fatto
    > > da appassionati per
    > > appassionati.
    >
    > Non troppo vero:
    > http://www.guardian.co.uk/music/musicblog/2012/jan
    >
    > Le cose vecchie sono romantiche, ma quelle nuove
    > di solito sono migliori
    >Occhiolino
    >
    > > Tu accontentati pure di uno strumento
    > cinese,
    > che
    > > ha molto piu' market.
    >
    > Qui se c'è uno che si accontenta sei tu, con i
    > tuoi cassoni del paleolitico in cantina e i
    > notebook attaccati con il velcro sul cruscotto
    > dell'auto...

    FAIL....Triste
    Sgabbio
    26177
  • > Le cose vecchie sono romantiche, ma quelle nuove
    > di solito sono migliori
    >Occhiolino

    Sei andato un po' OT, ma colgo la provocazione e rilancio: non c'è paragone tra la qualità dei vinili e quella dei CDSorride Anzi, a dirla tutta, alcune cose (come i piatti) si sentono mille volte meglio anche in cassetta che su cd...

    Ma riconosco che c'è un grosso vantaggio nel cd: negli album fatti in tempi recenti, è fondamentale poter dire "visto che questo pezzo fa schifo salto al prossimo"A bocca aperta


    > Qui se c'è uno che si accontenta sei tu, con i
    > tuoi cassoni del paleolitico in cantina e i
    > notebook attaccati con il velcro sul cruscotto
    > dell'auto...

    Qui nel contenuto sono d'accordo con te, ma... fammi capire, ti ha costretto a mangiare il tuo gatto????
    non+autenticato
  • - Scritto da: uno nessuno
    > > Le cose vecchie sono romantiche, ma quelle nuove
    > > di solito sono migliori
    > >Occhiolino
    >
    > Sei andato un po' OT, ma colgo la provocazione e
    > rilancio: non c'è paragone tra la qualità dei
    > vinili e quella dei CDSorride Anzi, a dirla tutta,
    > alcune cose (come i piatti) si sentono mille
    > volte meglio anche in cassetta che su
    > cd...
    >
    > Ma riconosco che c'è un grosso vantaggio nel cd:
    > negli album fatti in tempi recenti, è
    > fondamentale poter dire "visto che questo pezzo
    > fa schifo salto al prossimo"
    Anche con le cassette si poteva fare.
    non+autenticato