Claudio Tamburrino

Google a dieta per l'estate

Mountain View continua a sfoltire i suoi servizi. Stavolta è il turno di iGoogle, Google Mini, Google Video e altri

Roma - Continuano i tagli di Google ai servizi meno rilevanti della sua ampia offerta.

iGoogle, il portale che permette agli utenti di personalizzare la propria homepage, sarà chiuso a novembre 2013: insieme ad esso dicono addio il servizio offerto alle piccole aziende Google Mini, Google Talk Chatback, Google Video (di fatto già eclissato da YouTube) e la sua app di ricerca per Symbian.

La lista dei servizi di Google dismessi perché considerati non più interessanti, o per mancanza di pubblico o nell'ottica di razionalizzazione dei suoi servizi, già vedeva chiusi in soffitta PicNik, Social Graph API, Urchin, Google Message Continuity, Needlebase, l'app per Android Sky Map, Google Labs, Buzz, Code Search, Jaiku, Google Gears, Friend Connect, Bookmarks List e altri servizi minori.
Matt Eichnet di Google ha sottolineato come si tratti di decisioni che servono soprattutto a focalizzarsi su tecnologie che aiutino a migliorare la vita delle persone.

Claudio Tamburrino
Notizie collegate
13 Commenti alla Notizia Google a dieta per l'estate
Ordina
  • Di fatto, se non sbaglio, da un pezzo non si possono più caricare filmati.

    Ma i filmati che ci sono che fine faranno? Saranno migrati su youtube? O spariranno?
    non+autenticato
  • Il fatto che non sia un servizio utile mi sembra una gran balla,

    tutto ciò viene fatto per far adottare a più utenti possibili chrome

    ecco il messaggio di google apparso da poco su igoogle:

    -----------------------------------------------------------
    Cosa succede ad iGoogle?

    iGoogle non sarà più attivo tra 16 mesi, dal 1 novembre 2013. La versione per cellulari verrà disattivata il 31 luglio 2012.

    Come si è arrivati a questa decisione?
    iGoogle è stato lanciato nel 2005 prima che si potesse anche solo immaginare le potenzialità web odierne delle applicazioni dei cellulari che consentono di personalizzare e rimanere informati in tempo reale con il semplice tocco delle dita. Poiché le moderne applicazioni vengono eseguite su piattaforme come Chrome e Android, non c'è più l'esigenza di ricorrere ad iGoogle. Pertanto iGoogle verrà disattivato il 1 novembre 2013 e avrai 16 mesi a disposizione per sistemare o esportare i tuoi dati iGoogle.

    Cosa accadrà ai dati memorizzati nei miei gadget?
    Tutti i tuoi dati personali memorizzati in altri prodotti Google continueranno a essere disponibili tramite questi prodotti, tra cui Gmail, Google Calendar, Google Finanza, Google Documenti (ora Google Drive), Google Segnalibri e Google Task. Altri gadget, come elenco di cose da fare, ti consente di esportare i tuoi dati. Cerca l'opzione “Scarica tutto” nel menu a discesa collegato al titolo dell'elenco. La maggior parte dei gadget iGoogle sono creati e mantenuti da sviluppatori di terze parti. Se vuoi esportare i tuoi dati, devi contattare direttamente l'autore del gadget.

    Mi trovo molto bene con iGoogle, non ci sono alternative a questa soluzione?
    Sul dispositivo mobile, Google Play ti offre applicazioni che comprendono giochi, newsreader e widget della schermata di avvio.

    Se sei un sostenitore di Google Chrome, il Chrome Web Store offre le stesse opzioni quali strumenti di produttività e applicazioni per controllare il meteo. Inoltre, proprio come in iGoogle, puoi personalizzare Chrome con un tema.

    ------------------------------------------------------------------
    -----------------------------------------------------------
    Modificato dall' autore il 04 luglio 2012 16.05
    -----------------------------------------------------------
  • Il problema è che loro da un punto di vista strategico non ci possono perdere niente.

    Sospenderanno un servizio usato da qualche milione di utenti, ma non ci perderanno niente né direttamente (non ci sono pubblicità su iGoogle), né indirettamente: per quanto qualche utente possa minacciare di abbandonare Google Search o Gmail per ripicca, è probabile che il cambio di abitudini duri al massimo qualche giorno, per poi tornare sui propri passi dato che ormai sono servizi irrinunciabili.

    In compenso, porterà qualche utente in più a Chrome, senza toglierne nessuno.

    La cosa grave è che proprio su una cosa tanto poco significativa, Google dimostra palesemente di tenere più ai propri interessi che a quelli degli utenti...
    non+autenticato
  • - Scritto da: Save iGoogle

    > La cosa grave è che proprio su una cosa tanto
    > poco significativa, Google dimostra palesemente
    > di tenere più ai propri interessi che a quelli
    > degli
    > utenti...

    Si peccato era un buon servizio e anche se non gli dava un introito sicuramente fidelizzava parecchi utenti, ma pazienza, se a loro non interessa di perdere qualche utente io non mi interesso a loro.

    TUTTO E' UTILE, NIENTE E' INDISPENSABILE

    Ormai è la mia filosofia

    La musica e i film costano troppo? Li scarico.
    Non riesco a scaricarli? Non li uso o uso materiale libero.

    Ormai non guardo neanche la televisione, una inutile spesa in meno.

    Non spendo più per giornali e riviste, con l'equivalente mi pago la connessione Internet e avanza.

    Non avrò iGoogle? Si, firmerò le varie inutili petizioni ma se non cambiano idea che si tengano pure anche Chrome. Non mi serve.

    Ho la tendenza alla repulsione per i bisogni indotti
    e vivo più sereno

    :)
    -----------------------------------------------------------
    Modificato dall' autore il 04 luglio 2012 19.42
    -----------------------------------------------------------
  • Peccato lo usavo veramente tanto igoogle.
    non+autenticato
  • Mah... francamente io non l'ho mai usato, ma capisco che trovarsi di punto in bianco senza questa possibilità sia scomodo.
    non+autenticato
  • Certe scelte non le capisco, era così utile! Triste
    non+autenticato
  • Magari molti di voi non hanno mai neanche pensato di usarlo, ma per me come per diversi altri è uno strumento utilissimo da anni.

    Se anche voi lo ritenete utile, sono già partite due petizioni per cercare di farsi sentire... purtroppo sono appunto due, ed entrambe con circa lo stesso numero di firme, quindi finché una delle due non prende il sopravvento... meglio firmarle entrambe!

    Tutte e due hanno comunque l'opzione di non mostrare il nome, e per nessuna delle due è necessario un indirizzo email autentico... fate quel che volete, tanto lo scopo è dimostrare che c'è interesse, non certo una raccolta firme autentica!

    http://www.gopetition.com/petitions/dont-kill-the-...

    http://www.change.org/petitions/google-don-t-kill-...
    non+autenticato
  • - Scritto da: Save iGoogle
    > Magari molti di voi non hanno mai neanche pensato
    > di usarlo, ma per me come per diversi altri è uno
    > strumento utilissimo da
    > anni.
    >
    > Se anche voi lo ritenete utile, sono già partite
    > due petizioni per cercare di farsi sentire...
    Le petizioni sono totalmente inutili.
    Se Google decide di chiudere un servizio, è perché non viene usato.
    E chi, meglio di Google, sa se un servizio Google è usato o no?

    Lasciate perdere le petizioni di questo genere, sono una perdita di tempo.
    non+autenticato
  • Concordo che lo siano quando spacciate per raccolte firme da presentare a soggetti esterni, tanto più governi o aziende che non hanno niente a che fare con l'IT.

    Ma visto che in questo caso si tratta di un'azienda che dovrebbe comunque tenere conto del parere dell'utente Internet medio, se dovesse raggiungere grossi numeri acquisirebbe comunque una valenza di sondaggio alla quale Google potrebbe anche prestare attenzione.

    Ovvio che se si dovesse rimanere sulle poche centinaia o migliaia di firme non servirebbe a niente.

    E poi, so che vale anche per mille altre rotture che cercano di propinarci, ma firmarle non costa niente...

    - Scritto da: Dodge
    > Lasciate perdere le petizioni di questo genere,
    > sono una perdita di tempo.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Dodge
    > Se Google decide di chiudere un servizio, è
    > perché non viene
    > usato.

    Questo tendo a escluderlo. Personalmente non conosco nessuno che non abbia iGoogle come pagina iniziale del browser, tra familiari e amici.
    Penso piuttosto che abbiano altri motivi: la fruizione tramite iGoogle di internet non fornisce pubblicità e introiti alla casa madre.

    Che la petizione serva a poco lo credo anche io, ma non è detto che sia inutile.
    non+autenticato
  • Petizioni firmate.

    iGoogle da quando è uscito è sempre stata la pagina predefinita in tutti i miei browser.

    Ma anche di tutte le persone che conosco! Possibile che non sia più di interesse?

    Mi sembra anche una mossa un po' suicida, se lo tolgono io cercherò qualcun'altro che mi dia un servizio analogo.

    by by google...
  • Firmato. Chissà se servirà. A bocca storta
    non+autenticato