Claudio Tamburrino

LCD, Toshiba multata per i prezzi

Secondo le autoritÓ statunitensi l'azienda, in combutta con altri produttori, avrebbe mantenuto artificiosamente alti i prezzi dei display

Roma - Il produttore giapponese Toshiba è stato multato per 87 milioni di dollari per aver artificiosamente mantenuto fissi i prezzi degli schermi LCD negli Stati Uniti.

Secondo l'accusa Toshiba avrebbe tenuto riunioni con altri produttori LCD, tra cui LG Electronics e Samsung, per mantenere alti i pressi degli schermi LCD: queste si sarebbero accordate perché preoccupate per un eccesso di produzione che avrebbe fatto calare i prezzi fino al 40 per cento.

Toshiba continua a dirsi innocente e ha già dichiarato di voler ricorrere in appello.
Per la stessa accusa è già stata multata negli Stati Uniti AU Optronics, il secondo produttore taiwanese di pannelli LCD e il quarto a livello mondiale per quanto riguarda il mercato di computer e televisori.

LG Display, Chunghwa Picture Tubes, Chi Mei Optoelectronic e Sharp hanno poi già deciso di patteggiare e pagare una multa complessiva pari a 890 milioni di dollari e diversi dirigenti si sono dichiarati colpevoli di violazione di regole antitrust.

A dare il via alla causa l'accusa di Nokia depositata nel 2009 contro i principali operatori del settore, tra cui Seiko, Philips, Samsung e, appunto, Toshiba.

Claudio Tamburrino
Notizie collegate
  • BusinessCartello LCD, cade anche AU OptronicsCondannati due dirigenti del colosso taiwanese. La societÓ aveva tentato di dimostrare la propria innocenza. Ora potrebbe pagare una super-multa da 1 miliardo di dollari
  • AttualitàNokia contro il cartello LCDLa finlandese fa causa a otto produttori di display accusati di aver alzato artificiosamente i prezzi. Segue un'investigazione federale statunitense conclusasi con una multa da centinaia di milioni di dollari
3 Commenti alla Notizia LCD, Toshiba multata per i prezzi
Ordina
  • Lungi da me difendere una multinazionale, ma quanto meno Toshiba
    fa ottimi prodotti, e investe parecchio in ricerca.
    Sospetto che banche e assicurazioni facciano cartello anche
    loro: in fondo basta un giro di mail (magari criptate) fra dirigenti, per tenere alti i prezzi e minimi i servizi, RC auto e conti correnti in
    italia sono esempi lampanti.
    non+autenticato
  • Tipicamente un pretesto per fare cassa.
    Una volta i prezzi sono troppo bassi, una volta sono troppo alti ma la morale é sempre che i produttori esteri vengono stangati e l'ormai incapace ed improduttiva nazione americana incassa
    non+autenticato
  • nel novembre 2006 un 17" lcd acer al1751 true bright (ottima luminosità) DVI col cavo dvi incluso, lo pagai 240 euro era davvero un prezzo altissimo, e ancora funziona bene. speriamo duri altri 10 anni. ha sicuramente superato le 33 mila ore, la stima di durata è 50 mila ore, c'è scritto nel manuale..
    mtbf 50mila hours or more.
    bene.
    e pensare che oggi in realtà vale 60 euro, forse mi hanno truffato coi cartelli già allora nel 2006.
    -----------------------------------------------------------
    Modificato dall' autore il 04 luglio 2012 18.34
    -----------------------------------------------------------
    user_
    1073