Mauro Vecchio

Twitter, Paola Ferrari minaccia querela

La popolare conduttrice televisiva stanca dei cinguettii sul suo aspetto fisico. Decisa a chiedere un maxi risarcimento da devolvere ai terremotati dell'Emilia

Roma - Una dose eccessiva di epiteti offensivi, con "pesanti allusioni fisiche a presunti rifacimenti estetici". La popolare conduttrice RAI Paola Ferrari - volto di punta nella trasmissione Stadio Europa che ha accompagnato gli italiani nel corso dell'ultimo torneo di calcio in Polonia e Ucraina - ha deciso di querelare la piattaforma di microblogging Twitter per diffamazione.

I dettagli della causa sono attualmente vaghi. Non è chiaro se la conduttrice sportiva abbia denunciato i responsabili di Twitter o gli utenti che l'avrebbero offesa cinguettando. Così come non è stato quantificato il "maxi-risarcimento" che - se ottenuto - andrebbe devoluto totalmente alle famiglie delle vittime del terribile terremoto che ha devastato l'Emilia-Romagna.

"Lavoro nel giornalismo da più di 30 anni e da 20 in RAI - avrebbe detto Paola Ferrari a Klaus Davi nel suo programma YouTube Klauscondicio - e ho sempre accettato le critiche, anche quelle più dure e a mio avviso immotivate, ben sapendo che fanno parte del gioco. Tuttavia con questo atto voglio dire un no chiaro! Il web non può diventare solo una bacheca della diffamazione anonima, dell'insinuazione volgare e del razzismo solo perchè nel web c'è la libertà di espressione".
A far saltare i nervi alla conduttrice una valanga di tweet postati dagli utenti nel corso dell'ultima competizione calcistica europea. Con allusioni reiterate ai suoi ritocchi estetici che l'avrebbero resa "giovane come una Barbie". "Non è giusto usare la Rete e i social network per insultare le persone - ha continuato - senza la possibilità di un contraddittorio, e questo accade soprattutto con Twitter".

Sempre nel corso dell'intervista rilasciata a Klaus Davi, Paola Ferrari si è detta d'accordo con la norma di legge relativa all'obbligo di rettifica per i siti Web come previsto nel DL Intercettazioni. "La mia sarà una battaglia per una informazione più civile che si basa su una semplice regola: sì e sempre alla libertà di critica, ma no alla libertà d'insulto e di diffamazione vigliacca e, soprattutto, anonima".

Immediata la reazione degli stessi utenti di Twitter, che hanno varato l'hashtag #QuerelaConPaola per postare battute dissacranti. "Se alla fermata del tram scrivo col pennarello frasi contro di te quereli l'Atm?", si chiede a caldo un utente di Milano. "Pare che John Belushi in chiesa nei Blues Brothers non abbia visto la luce ma #PaolaFerrari alla prima comunione", scherza un altro iscritto al social network.

Nel delicato rapporto tra piattaforme digitali e volti dello spettacolo, casi del genere si contano a decine. Da Vasco Rossi e la sua pagina su Nonciclopedia al sindaco di Firenze Matteo Renzi, che aveva minacciato di querelare gli utenti Twitter per un presunto finanziamento ottenuto dal tesoriere della Margherita Luigi Lusi. Oltre ai casi internazionali degli attori Hugh Grant e Zhang Ziy.

Mauro Vecchio
Notizie collegate
58 Commenti alla Notizia Twitter, Paola Ferrari minaccia querela
Ordina
  • Quest'immagine sarà una bufala?


    Clicca per vedere le dimensioni originali
    non+autenticato
  • Haha.. stendendo un velo pietoso sull'inspiegabile cambio di fisionomia avete notato la luminosità e la saturazione sui toni caldi delle scene dove la inquadrano sempre sparate a mille, oltre a un qualche filtro di softening dell'immagine, tipo la calza di nylon del Cavaliere nel '94?
    Ho sempre trovato la cosa esilarante, da quanto è esagerata e caricaturale.
    Chissà se è una scelta del regista o una imposizione di questa tizia..
    non+autenticato
  • Qualcuno puo' spiegare che cos'e' internet a televisionari e politici?
    Gli potete spiegare che mentre sui giornali stampati non c'e' possibilita' di replica su twitter chiunque si puo' registrare e far fare la figura degli idioti a chi dice cazzate? Che su youtube esistono videorepliche commenti e tag? Qualcuno puo' spiegare che su un mezzo interattivo parlare di diffamazione e' come parlare di diffamazione durante una discussione telefonica? Qualcuno puo' spiegare ai televisionari ed ai politici che la liberta' di espressione e di anonimato non appartiene solo ai giornalisti ai politici ai cinesi ed agli iraniani ma anche ai cittadini occidentali e che e' un diritto costituzionale? Qualche magistrato di buona volonta' puo' per favore chiarire a queste persone a questi querelanti che il concetto di diffamazione non puo' avere alcun fondamento su un mezzo per natura interattivo? Qualche magistrato di buona volonta' puo' per favore chiarire a questi signori che in un paese occidentale i cittadini hanno il diritto di critica sui personaggi pubblici e che questo diritto non puo' essere soffocato ogni volta con il pretesto della diffamazione?
    Qualcuno puo' spiegare agli ignoranti televisionari e politici che la responsabilita' di quello che si scrive e' personale su un social network interattivo dove partecipano alla discussione milioni di persone?
    Qualcuno puo' spiegare per favore a questi ignoranti che i nickname fanno parte della cultura telematica esattamente come il Colosseo fa parte della cultura italiana? Qualcuno puo' spiegare che i pensieri devono essere liberi e che non siamo in una dittatura politico-mediatica-televisiva dove quello che uno puo' o non puo' scrivere lo decidono politici e giornalisti? Una sentenza di chiarificazione sarebbe fortemente gradita da noi internauti...confido nel buon senso della magistratura... grazie in anticipo...
    non+autenticato
  • Dunque, ieri sera ho sentito alla zanzara la Ferrari che ha ribadito di voler denunciare twitter ma ha anche specificato che non si tratta solo di apprezzamenti sul fatto se si sia rifatta il seno o meno, ma di veri e propri insulti rivolti alla sua persona, cosa per altro confermata anche da cruciani il quale dissentiva sul denunciare twitter.
    DuDe
    896
  • - Scritto da: DuDe
    > Dunque, ieri sera ho sentito alla zanzara la
    > Ferrari che ha ribadito di voler denunciare
    > twitter ma ha anche specificato che non si tratta
    > solo di apprezzamenti sul fatto se si sia rifatta
    > il seno o meno, ma di veri e propri insulti
    > rivolti alla sua persona, cosa per altro
    > confermata anche da cruciani il quale dissentiva
    > sul denunciare
    > twitter.

    Cruciani? La zanzara? Allora siamo già ad un livello di alto giornalismo e di autorevoli disserzioni. Se fossi nei tizi di Twitter non ci dormirei.
    non+autenticato
  • Guarda che non sono favorevole a cio' che dice la ferrari, la responsabilita' penale e' personale, quindi che vada da un giudice e chieda i nominativi di chi l'ha insultata, e' una stronzata voler denunciare la fiat perche' qualcuno c'ha sdraiato una vecchietta sulle strisce.
    DuDe
    896
  • - Scritto da: DuDe
    > Dunque, ieri sera ho sentito alla zanzara la
    > Ferrari che ha ribadito di voler denunciare
    > twitter ma ha anche specificato che non si tratta
    > solo di apprezzamenti sul fatto se si sia rifatta
    > il seno o meno, ma di veri e propri insulti
    > rivolti alla sua persona, cosa per altro
    > confermata anche da cruciani il quale dissentiva
    > sul denunciare
    > twitter.

    La Zanzara? Una trasmissione posata, condotta da un autorevole giornalista, intelligente e dall'analisi acuta e profonda. Un faro, nell'attuale panorama radiofonico italiano.
    non+autenticato
  • - Scritto da: DuDe
    > Dunque, ieri sera ho sentito alla zanzara la
    > Ferrari che ha ribadito di voler denunciare
    > twitter....


    Prima la dichiarazione a Klaus Davi, che però sul canale Youtube Klauscondicio non si trova. Ora un intervento a "la zanzara". Di male in peggio, quanto ad attendibilità!
    Manca solo lo zoo di 105, e poi avremo la prova regina che è tutto un polverone per far parlare di sé sotto gli ombrelloni (d'estate, si sa, le notizie scarseggiano...).
    non+autenticato
  • - Scritto da: DuDe
    > Dunque, ieri sera ho sentito alla zanzara la
    > Ferrari che ha ribadito di voler denunciare
    > twitter ma ha anche specificato che non si tratta
    > solo di apprezzamenti sul fatto se si sia rifatta
    > il seno o meno, ma di veri e propri insulti
    > rivolti alla sua persona, cosa per altro
    > confermata anche da cruciani il quale dissentiva
    > sul denunciare
    > twitter.

    Programma molto interessante la zanzara. Invidio la tua profonda cultura... Rotola dal ridereRotola dal ridereRotola dal ridere
    non+autenticato
  • - Scritto da: eDuD
    > - Scritto da: DuDe
    > > Dunque, ieri sera ho sentito alla zanzara la
    > > Ferrari che ha ribadito di voler denunciare
    > > twitter ma ha anche specificato che non si
    > tratta
    > > solo di apprezzamenti sul fatto se si sia
    > rifatta
    > > il seno o meno, ma di veri e propri insulti
    > > rivolti alla sua persona, cosa per altro
    > > confermata anche da cruciani il quale dissentiva
    > > sul denunciare
    > > twitter.
    >
    > Programma molto interessante la zanzara. Invidio
    > la tua profonda cultura...
    > Rotola dal ridereRotola dal ridereRotola dal ridere
    :D a me fa' ridere
    DuDe
    896
  • - Scritto da: eDuD
    > - Scritto da: DuDe
    > > Dunque, ieri sera ho sentito alla zanzara la
    > > Ferrari che ha ribadito di voler denunciare
    > > twitter ma ha anche specificato che non si
    > tratta
    > > solo di apprezzamenti sul fatto se si sia
    > rifatta
    > > il seno o meno, ma di veri e propri insulti
    > > rivolti alla sua persona, cosa per altro
    > > confermata anche da cruciani il quale dissentiva
    > > sul denunciare
    > > twitter.
    >
    > Programma molto interessante la zanzara. Invidio
    > la tua profonda cultura...
    > Rotola dal ridereRotola dal ridereRotola dal ridere

    Possibile che non conosci la zanzara? La zanzara la cugina della Vespa!!!
    Non mi dire che non conosci manco il calabrone!!! E nemmeno Cristoforo Vespa lo scopritore del "far Web"?
    No...no...siamo messi male...consiglio...un anno di tg4...2 mesi di porta a porta.... tre mesi di grande fratello...e almeno una settimana di isola dei famosi per incrementare la tua cultura...Se no come fai a sapere che Assange e' un venditore di aspirapolveri e che stupra i preservativi bucati... e che gli uomini nascono brutti e cattivi geneticamente e le donne perfette e sante? No...no... amico mio...ti occorre la cultura della televisione governativa ...per capire queste cose...

    mi spieghi come fai a sapere che un'anzianicidio-maschicidio-stranierocidio e' meno grave di un giovanecidio-femminocidio-italianicidio
    senza la cultura della televisione di stato?
    Se non guardi la televisione di stato potresti arrivare alla conclusione che perdita di una vita umana e' grave sia nel caso che si tratti di una donna che di un uomo.... sia che si tratti di uno straniero che di un italiano... e questo e' un rischio che non possiamo correre...
    ti occorre la cultura della tv di stato..
    non+autenticato
  • - Scritto da: DuDe
    > Dunque, ieri sera ho sentito alla zanzara la
    > Ferrari che ha ribadito di voler denunciare
    > twitter ma ha anche specificato che non si tratta
    > solo di apprezzamenti sul fatto se si sia rifatta
    > il seno o meno, ma di veri e propri insulti
    > rivolti alla sua persona, cosa per altro
    > confermata anche da cruciani il quale dissentiva
    > sul denunciare
    > twitter.

    Personalmente non me la prendo con Cruciani che personalmente ritengo molto più capace di tanti altri giornalisti.

    Casomai la Ferrari se denuncia Twitter poi per corenza dovrebbe denunciare ...

    Il gestore Internet che le dà la linea.
    La Telecom che fa passare il cavo.
    Magari gli Hosting che ospitano Twitter.
    Poi i DNS e i motori di ricerca che ci puntano e così via.

    Se vuole denunci pure chi scrive cavolate ma impari a distinguere le persone responsabili dei propri atti dagli strumenti.
  • "Aoh, anvedi, secondo me s'è rifatta quest'e quest'altro"
    "io la denuncio!"
    "ah, e che devo fà?"
    "ritiri subito! lei NON PENSA che io mi sia rifatta questo e quest'altro, non è che solo perché c'è libertà d'espressione allora si è liberi di esprimersi!"
    "ah me scusi tanto signò: secondo me NON s'è rifatta quest'e quest'altro!"
    "bravo"
    "grazie"
    non+autenticato
  • - Scritto da: Massimo Nono
    > "Aoh, anvedi, secondo me s'è rifatta quest'e
    > quest'altro"
    > "io la denuncio!"
    > "ah, e che devo fà?"
    >

    lei non ha il diritto di pensare chiaro? Come si permette di pensare e di ritenere? Dove crede di essere? In un paese democratico forse dove si puo' pensare e ritenere? Lei vive in ItaCina ed e' vietato sia pensare che ritenere che criticare,comprende? Se lei vuole continuare a pensare
    ed ad esprimere le proprie opinioni mi vedro' costretta a fare rapporto al governo centrale... ed a querelarla per diffamazione...ed esercizio abusivo del diritto di critica senza le necessarie autorizzazioni politiche-governative-televisive... degli illustrissimi onerevolissimi...

    > "ritiri subito! lei NON PENSA che io mi sia
    > rifatta questo e quest'altro, non è che solo
    > perché c'è libertà d'espressione allora si è
    > liberi di
    > esprimersi!"
    > "ah me scusi tanto signò: secondo me NON s'è
    > rifatta quest'e
    > quest'altro!"
    > "bravo"
    > "grazie"

    vedo che lei finalmente inizia ad esprimersi in maniera sincera onesta e spontanea... e per questo che io amo l'Italia per i suoi cittadini sempre liberi di esprimersi con il cuore...non come negli altri paesi dove la sincerita' e la spontaneita' non sanno cosa sia....grazie...
    non+autenticato
  • Io devolverei il ricavato per correggere i disastri innaturali prodotti dai ritocchi estetici.
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
1 | 2 | 3 | Successiva
(pagina 1/3 - 11 discussioni)