Con lo smartphone al polso

Oltre all'ora, sullo schermo dell'orologio trovano posto le notifiche relative a chiamate, email, social network

Quante volte squilla il telefono e si vorrebbe sapere chi è prima di rispondere, ma il cellulare si trova in una tasca della borsa o dei pantaloni ed è difficile da raggiungere? E magari si sta anche guidando, oppure si sta correndo o si è intenti in un'altra attività da cui quindi bisogna distrarsi. Si inizia così una spasmodica ricerca del dispositivo, quando a un certo punto tutto tace. Poteva essere però una chiamata importante. Pazienza. Peccato solo che dopo pochi minuti arriva un SMS e poi per chissà quale altro motivo il cellulare vibra o suona ancora: uno strazio. Si dovrebbe sempre avere il telefonino nel palmo della mano oppure al polso, come un orologio! Ed è proprio con un orologio, lo SmartWatch, che Sony ha pensato di risolvere tutte quelle situazioni in cui recuperare lo smartphone per visionarne lo schermo e le sue notifiche risulta impossibile.

smartwatch


Così, è sufficiente mettersi al polso lo SmartWatch per avere il cellulare sempre a portata di braccio. Lo SmartWatch, infatti, non è altro che un'evoluzione dei tradizionali orologi digitali. Il suo schermo touchscreen è capace di connettersi via Bluetooth a qualsiasi smartphone Android, anche non marchiato Sony, mostrando notizie, aggiornamenti, notifiche di SMS e chiamate, tweet e tanto altro ancora senza dover recuperare il cellulare dalla tasca.
Tutta la tecnologia è quindi racchiusa nel piccolo schermo che ha una dimensione di 3,6 x 3,6 x 0,8 cm, un peso di 15 grammi e una diagonale di 1,3 pollici per una risoluzione pari a 128x128 pixel. La tecnologia multitouch consente di usare i movimenti delle dita, come il pinch-to-zoom, per passare da un'applicazione all'altra e l'installazione delle app avviene tramite lo smartphone. Infatti, le app non risiedono direttamente sullo SmartWatch, ma sul cellulare Android a cui l'orologio Sony è collegato.

Tramite il LiveView Manager installato sullo smartphone è possibile scaricare direttamente dal Play Store di Google tutte le app di cui si necessita per usarle poi direttamente sullo SmartWatch. Lo SmartWatch, quindi, si comporta come un'estensione del display dello smartphone a cui è collegato.
Così, se squilla il cellulare, sullo SmartWatch si può vedere subito chi è e decidere se accettare o rifiutare la chiamata. Se arrivano un SMS o un'email è possibile consultarli subito. Sempre dal polso, è possibile far partire chiamate dalla rubrica o dal registro delle conversazioni, come è anche possibile consultare le informazioni meteo, i feed RSS, le notifiche Facebook e Twitter o controllare la riproduzione musicale dello smartphone.

Con un doppio tap sullo schermo oppure con lo scossone del braccio è possibile visionare l'ora, mentre con lo scorrimento del dito si accede alla schermata delle app e ai widget configurabili.

Insomma, con lo SmartWatch lo smartphone Android trasloca dai tradizionali schermi fino al polso. Per chi proprio non resiste alla tentazione di catapultarsi nel futuro, il costo del dispositivo è anche abbastanza abbordabile, aggirandosi intorno alle cento euro, moneta più, moneta meno.





(via The Verge)
TAG: gadget
8 Commenti alla Notizia Con lo smartphone al polso
Ordina
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 6 discussioni)