Mauro Vecchio

Anonymous, la rabbia dopo il marchio

La furia del collettivo hacker sulla societÓ francese E-Flicker, che ha chiesto il controllo del simbolo dell'uomo senza testa oltre che dello slogan minaccioso dello stesso gruppo. Promesso un DDoS in un video su YouTube

Roma - Nell'era digitale, scherzare con il collettivo Anonymous è rischioso come giocare col fuoco. Un semplice inchino al cosiddetto establishment e ci si ritrova sotto una tempesta DDoS. ╚ la minaccia contenuta in un recente video apparso tra i vasti meandri di YouTube, nell'ambito dell'ennesima Operation del gruppo che ha già messo KO il Bureau statunitense e il Vaticano.


Early Flicker - o semplicemente E-Flicker - è una società parigina specializzata nella distribuzione online di magliette stravaganti. Alcuni dei suoi modelli hanno sfruttato il noto simbolo del completo nero senza testa, accompagnato da uno degli slogan preferiti dal collettivo hacker: "Siamo gli Anonymous, noi non dimentichiamo, non perdoniamo. Stiamo arrivando".

Cosa ha scatenato l'ira del gruppo? Nel febbraio scorso, i vertici di E-Flicker hanno presentato al Institut National De La Propriété Industrielle (INPI) francese i documenti necessari per ottenere il controllo del marchio degli anonimi. Dall'uomo senza testa allo slogan minaccioso. Simboli che la società transalpina ha già sfruttato per gli oggetti più disparati, dalle t-shirt agli utensili da cucina.
Come al solito, la reazione del collettivo - che ha appreso la notizia della richiesta di E-Flicker su Twitter - è stata veemente. Il gruppo ha iniziato a pianificare un attacco DDoS contro la piattaforma gestita dal distributore parigino, attualmente online senza problema alcuno. "Le idee non sono in vendita - si può ascoltare nel video di Anonymous - il nostro nome non si vende".

Mauro Vecchio
Notizie collegate
  • AttualitàSe all'attivismo non piace la satiraDopo il fenomeno virale Kony 2012, l'associazione statunitense Invisible Children si scaglia contro un sito satirico. I gestori di Kickstriker sono stati accusati di violazione della proprietÓ intellettuale. E' scontro sul fair use
  • AttualitàAnonymous, operazione PedoChatGli hacktivisti pensano ai bambini. Come incastrare coloro che commettono abusi? Pubblicando con disinvoltura una lista di email e indirizzi IP associati ai siti a sfondo pedopornografico, senza troppo curarsi di chi si celi dietro a questi dati
8 Commenti alla Notizia Anonymous, la rabbia dopo il marchio
Ordina