Pirateria/ BSA strikes back. Via radio

Arriva un nuovo spot della divisione italiana dell'alleanza dei produttori del software. Per spiegare ancora una volta quali sono i rischi legati alla legge sul diritto d'autore. Sperando di non inciampare, come accadde con lo spot Tv

Roma - Si sente un computer tossire e lo spot prosegue: "Lo senti, il computer lo sa, copiare software per la tua azienda è un reato. Con la nuova legge, si rischiano fino a tre anni di reclusione". Questo il passaggio "forte" del nuovo spot antipirateria che la divisione italiana della Business Software Alliance sta cominciando a far circolare via radio.

Si tratta della seconda offensiva che la BSA conduce in Italia per annunciare a imprese e privati che c'è una legge sul diritto d'autore recentemente approvata e che questa legge è severa. Lo scorso novembre lo spot era televisivo, con immagini forti (vedi foto in questa pagina) e un testo che aveva fatto infuriare moltissimi sviluppatori e utenti di software, al punto che l'Autorità della concorrenza e del mercato lo aveva condannato sulla base di due denunce.

Ora l'alleanza dei grandi produttori di software ci riprova, nella convinzione che la legge italiana sul diritto d'autore non sia ancora abbastanza nota agli italiani, svolgendo in pieno il proprio ruolo ormai consolidato anche sul piano internazionale di "cybercop affiliato" alle forze di polizia dei paesi in cui opera.
Un ruolo ribadito ieri da Paolo Ardemagni, presidente di BSA Italia che Punto Informatico aveva a suo tempo intervistato a proposito delle polemiche sul primo spot, che ha spiegato: "La necessità di simili iniziative è evidenziata dai continui sequestri realizzati in Italia, anche grazie alla collaborazione di BSA".

Sul sito della BSA italiana, rimane peraltro disponibile lo spot televisivo condannato, spot che tra le altre cose non prendeva in considerazione l'esistenza dell'open source e del mondo del free software...

Va detto, comunque, che la legge sul diritto d'autore oggetto dello spot BSA non solo è molto severa ma appare anche in contrasto con la normativa europea, più permissiva, approvata due giorni fa dal Consiglio dei ministri dell'Unione Europea. Ma la BSA italiana non sembra preoccuparsene e lancia la campagna sui principali network radiofonici italiani.
11 Commenti alla Notizia Pirateria/ BSA strikes back. Via radio
Ordina
  • La BSA che suppongo essere fortemente guidata da microsoft sbaglia sopratutto nell'etica:
    E' voluta anche dal bill gates un po' di pirateria, in questo senso: 2 ne paghi, 4 ne pirati... è pubblicità gratuita, o meglio nei 2 pacchetti acquistati è incluso anche il costo dei 4 che andranno inesorabilmente copiati!
    La mia azienda che è perfettamente in regola ha risparmiato oltre 100.000.000 evitando di montare prodotti microsoft laddove possibile:
    Server di dominio(risolto con FreeBSD e samba)
    Server WEB (2)   (risolto con FreeBSD e apache)
    Server Database(2) (risolto con FreeBSD e mysql)
    Server della posta (2)(risolto con FreeBSD e sendmail + qpopper)
    Ms Office (risolto con StarOffice della SUN)
    Server Proxy + Firewall (3) (risolto con FreeBSD )

    Facciamo 2 conti:
    70 PC IBM con windows98 (fornito in bundle con le macchine)

    Server di dominio samba:
    risparmio £. 50.000(costo CAL microsoft x NT) x 70 = 3.500.000
    Server Web Apache:
    risparmio £ 50.000 (costo CAL x NT ) x 2 x 70 = 7.000.000
    Server Database :
    risparmio £ 200.000 (costo CAL x MsSQL server)x 2 x 70 = 28.000.000
    Server E-Mail :
    risparmio £ 200.000 (costo CAL x Exchange server) x 2 x 70 = 28.000.000
    Stazioni office :
    risparmio £ 500.000 (costo MsOFFICE Smallbusiness)x 70 = 35.000.000

    Server Proxyes + Firewall:
    risparmio: £ 50.000 (costo della sola CAL x NT non conoscendo i costi effettivi delle CAL relative ai prodotti analoghi) x 3 x 70
    = 10.500.000

    Facciamo due somme

    3.500.000
    7.000.000
    28.000.000
    28.000.000
    35.000.000
    10.500.000

    Totale
    112.000.000
    A fronte di un costo di circa 1000$ per acquistare i prodotti OpenSource in versione originale e le relative licenze ove richieste!

    Ammettendo anche di aver sbagliato in eccesso, cosa peraltro molto improbabile, avrei fatto spendere alla mia azienda uno sproposito per ottenere un prodotto qualitativamente inferiore e soggetto a maggiore vulnerabilità !!!

    MEDITATECISorride)))))))))


    non+autenticato


  • - Scritto da: bsd
    > La BSA che suppongo essere fortemente
    > guidata da microsoft sbaglia sopratutto
    > nell'etica:
    > E' voluta anche dal bill gates un po' di
    > pirateria, in questo senso: 2 ne paghi, 4 ne
    > pirati... è pubblicità gratuita, o meglio
    > nei 2 pacchetti acquistati è incluso anche
    > il costo dei 4 che andranno inesorabilmente
    > copiati!
    > La mia azienda che è perfettamente in regola
    > ha risparmiato oltre 100.000.000 evitando di
    > montare prodotti microsoft laddove
    > possibile:
    > Server di dominio(risolto con FreeBSD e
    > samba)
    > Server WEB (2)   (risolto con FreeBSD e
    > apache)
    > Server Database(2) (risolto con FreeBSD e
    > mysql)
    > Server della posta (2)(risolto con FreeBSD e
    > sendmail + qpopper)
    > Ms Office (risolto con StarOffice della SUN)
    > Server Proxy + Firewall (3) (risolto con
    > FreeBSD )
    >
    > Facciamo 2 conti:
    > 70 PC IBM con windows98 (fornito in bundle
    > con le macchine)
    >
    > Server di dominio samba:
    > risparmio £. 50.000(costo CAL microsoft x
    > NT) x 70 = 3.500.000
    > Server Web Apache:
    > risparmio £ 50.000 (costo CAL x NT ) x 2 x
    > 70 = 7.000.000
    > Server Database :
    > risparmio £ 200.000 (costo CAL x MsSQL
    > server)x 2 x 70 = 28.000.000
    > Server E-Mail :
    > risparmio £ 200.000 (costo CAL x Exchange
    > server) x 2 x 70 = 28.000.000
    > Stazioni office :
    > risparmio £ 500.000 (costo MsOFFICE
    > Smallbusiness)x 70 = 35.000.000
    >
    > Server Proxyes + Firewall:
    > risparmio: £ 50.000 (costo della sola CAL x
    > NT non conoscendo i costi effettivi delle
    > CAL relative ai prodotti analoghi) x 3 x 70
    > = 10.500.000
    >
    > Facciamo due somme
    >
    > 3.500.000
    > 7.000.000
    > 28.000.000
    > 28.000.000
    > 35.000.000
    > 10.500.000
    >
    > Totale
    > 112.000.000
    > A fronte di un costo di circa 1000$ per
    > acquistare i prodotti OpenSource in versione
    > originale e le relative licenze ove
    > richieste!
    >
    > Ammettendo anche di aver sbagliato in
    > eccesso, cosa peraltro molto improbabile,
    > avrei fatto spendere alla mia azienda uno
    > sproposito per ottenere un prodotto
    > qualitativamente inferiore e soggetto a
    > maggiore vulnerabilità !!!
    >
    > MEDITATECISorride)))))))))

    Ciao, sono Alien.
    C'è poco da meditare, mi domando solo come mai gli "esperti" "AMMINISTARTORI DI SISTEMA" continuano a prendere in considerazione sempre e solo MICROSOFT che continuamente DRAGA LE SACCOCCE delle Aziende in cui operano. MAHHHH, NON LO CAPISCO.......... C'è qualcuno che me lo sa spiegare?????

    >
    non+autenticato
  • ...che schifo, SPAZZIAMOLI VIA CON UNA SCORREGGIA.
    non+autenticato
  • .....più volte al giorno questi PRETORIANI delle MULTINAZIONALI si fanno sentire col loro spot cafono e minaccioso.
    Che palle e che indecenza per questi PRETORIANI, manco fossimo in una dittatura che concede tutto a questi SIGNORI DEL COPYRIGHT.
    Ma chi cazzo sono?!!!!
    non+autenticato
  • Ci sono molti modi di stroncare un comportamento illegale, e quello intrapreso dalla legge italiana mi sembra il più clamoroso ma il meno efficace. Come tutte le persone che hanno un pc anche io sono un pirata riguardo alcuni software. Daltronde non posso comprare un pc a 3 milioni e poi spenderne 5 per comprarmi il software! Invece di preoccuparsi di diminuire i prezzi (o almeno renderli competitivi), preferiscono mantenere i profitti alzando i prezzi al pubblico. Questa protesta è rivolta a case di produzione di software, ma guardiamo anche alle case discografiche che si stanno muovendo allo stesso modo. Qunidi se continuano così preferisco ancor più la pirateria come strumento di protesta!
    non+autenticato
  • parola di BAFFONE
    verrà il giorno del giudizio... multinazionali come la BSA BSE BSU e chi più ne ha più ne metta, almeno da noi finiranno di campare, nel vero senso della parola.
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 10 discussioni)