Claudio Tamburrino

Kno, libri per l'infanzia

Offerta di titoli per le scuole primarie: per alleggerire gli zaini e per educare al formato digitale fin da piccoli

Roma - Kno ha deciso di estendere la sua offerta di libri di testo anche alle scuole primarie.

Nato come progetto hardware per sviluppare tablet con doppio schermo dedicati allo studio soprattutto universitario, Kno aveva per il momento accantonato l'ambizioso traguardo per concentrarsi su software e serviti legati alla formazione, per il momento limitata ai college.

Per estendere la sua offerta Kno ha ora sottoscritto un accordo, i cui dettagli finanziari rimangono riservati, con l'editore Houghton Mifflin Harcourt grazie al quale porterà su iPad, sui reader Windows 7 e sul web la possibilità di prendere in affitto per un prezzo inferiore ai 10 dollari libri di testo per la scuola primaria.
Anche se spesso tali testi sono distribuiti gratuitamente dalle scuole, il servizio punta ad aiutare a diminuire il peso delle cartelle degli studenti più piccoli ed evitare così loro problemi di schiena.
I suoi volumi sono inoltre arricchiti di contenuti multimediali.

Nel frattempo, d'altronde, il fondatore e CEO di Kno, Osman Rashid, deve vedersela nelle scuole superiori e con la sua altra azienda Chegg, servizio di affitto di libri di testo, con un nuovo agguerrito concorrente: Amazon, che ha deciso in tempo per il nuovo anno scolastico di offrire l'affitto di libri di testo cartacei per un periodo di 130 giorni.

Claudio Tamburrino
Notizie collegate
11 Commenti alla Notizia Kno, libri per l'infanzia
Ordina
  • Nessuna offerta, i libri scolari devono essere GRATIS e DIGITALI, ai bambini ed agli studenti gli REGALIAMO il lettore ebook od un tablet ed un nome utente e password per scaricarli da un database centrale. I libri per la scuola vanno fatti riscrivere ai professori/resse, SENZA COPYRIGHT.
    non+autenticato
  • - Scritto da: ABOLIRE TUTTO
    > Nessuna offerta, i libri scolari devono essere
    > GRATIS e DIGITALI, ai bambini ed agli studenti
    > gli REGALIAMO il lettore ebook od un tablet ed un
    > nome utente e password per scaricarli da un
    > database centrale. I libri per la scuola vanno
    > fatti riscrivere ai professori/resse, SENZA
    > COPYRIGHT.

    A che serve nome utente e password? A profilarli fin da piccoli?
    No no! Niente di tutto questo.
    I files devono essere resi disponibili su un repository pubblico con accesso senza bisogno di inutili e farraginose autenticazioni.
  • - Scritto da: ABOLIRE TUTTO
    > ed un nome utente e password per scaricarli
    > da un database centrale.

    Quoto il resto, ma perche' vuoi impedire ad adulti interessati o stranieri di scaricarsi i libri ?
    krane
    22544
  • e una via di mezzo?
    non tanto tra copy si e copy no, ma tra cartaceo e digitale?

    http://www.bookinprogress.it/ (ad esempio)

    In questo modo si ottiene un sacco di valore, oltre al
    risparmio vero e proprio, nel senso che la prima cosa
    che succede è che i docenti devono imparare a lavorare
    insieme, che guadagnano un po' di autostima e visibilità
    presso i genitori e la comunità locale di riferimento.
    Ultimo ma non ultimo, IMHO, per ora si studia molto meglio
    su carta, e su digitale si "integra" ma non molto di più.
    La chiave, sempre per il sottoscritto, non è infatti fruire
    di un prodotto "diverso", ma produrre davvero qualcosa, sin
    dalle scuole elementari, anzi, volendo anche prima! Il giornalino
    di classe, sin dalle prime teorizzazioni e solo per fare un
    esempio, riferiva esattamente a questo già a inizi '900 e
    visto che ci siamo persi sia quel giro (la stampa) e quello
    dopo (televisione, sorvolando sul potenziale della radio) con
    le conseguenze che possiamo facilmente constatare a livello di
    potere dei media e di sviluppo delle menti, farei attenzione a
    non buttare il solito bambino con la solita acqua sporca.
    non+autenticato
  • ...possibilità di prendere in affitto...

    Il concetto di affittare un bene digitale è una vera idiozia.

    Applicano le leggi del mondo materiale al mondo immateriale, ma l'informazione, una volta copiata, è copiata per sempre e non ha alcun senso cancellarla per mere questioni di lurido lucro.

    ABOLIRE IL COPYRIGHT

    Pirata
    non+autenticato
  • - Scritto da: ABOLIRE IL COPYRIGHT
    > Applicano le leggi del mondo materiale al mondo
    > immateriale, ma l'informazione, una volta
    > copiata, è copiata per sempre e non ha alcun
    > senso cancellarla per mere questioni di
    > lurido
    > lucro.
    >
    > ABOLIRE IL COPYRIGHT

    Beh, il copyright è giusto quando si tratta di proteggere una creazione inedita, per la quale è stato speso tempo e denaro. Anche se si tratta di qualcosa di digitale.

    Casomai deve essere punito l'abuso di copyright. Un esempio è proprio quello dei libri di testo, che a parte casi di nicchia sono in tutto e per tutto contenuti consolidati. Senza contare che vengono ristampati ogni anno leggermente diversi, solo per impedire che vengano passati di mano e quindi obbligare all'acquisto.
  • - Scritto da: bradipao
    > - Scritto da: ABOLIRE IL COPYRIGHT
    > > Applicano le leggi del mondo materiale al mondo
    > > immateriale, ma l'informazione, una volta
    > > copiata, è copiata per sempre e non ha alcun
    > > senso cancellarla per mere questioni di
    > > lurido
    > > lucro.
    > >
    > > ABOLIRE IL COPYRIGHT
    >
    > Beh, il copyright è giusto quando si tratta di
    > proteggere una creazione inedita, per la quale è
    > stato speso tempo e denaro. Anche se si tratta di
    > qualcosa di
    > digitale.

    No.
    E' giusto proteggere la paternita' dell'opera.
    Ma non e' giusto impedire la copia di tale opera.

    L'autore se vuole, venda il suo manoscritto autografo.
    Per le copie basta pagare il servizio di copia, o farsi le copie da se'.
  • - Scritto da: panda rossa
    .
    >
    > L'autore se vuole, venda il suo manoscritto
    > autografo.

    E chi lo comprerebbe, di grazia, visto che nel tuo utopistico mondo è lecito copiare?
  • - Scritto da: James Kirk
    > - Scritto da: panda rossa
    > .
    > >
    > > L'autore se vuole, venda il suo manoscritto
    > > autografo.
    >
    > E chi lo comprerebbe, di grazia, visto che nel
    > tuo utopistico mondo è lecito
    > copiare?


    http://www.harryweb.net/modules.php?name=News&op=N...
  • > > ABOLIRE IL COPYRIGHT
    >
    > Beh, il copyright è giusto quando si tratta di
    > proteggere una creazione inedita, per la quale è
    > stato speso tempo e denaro.

    Appena la creazione viene pubblicata non è più inedita.
    E finchè è inedita, l'unica copia è in mano all'autore e quindi non c'è nessun bisogno di copyright.
    non+autenticato