Claudio Tamburrino

RIM, risparmio brevettuale

Sentenza ribaltata nel caso tra RIM e Mformation: la canadese (per ora) non deve pagare i 147 milioni di dollari

Roma - Research In Motion (RIM) non deve più pagare la multa milionaria che le era stata inflitta nel caso che la vede contrapposta a Mformation: il giudice James Ware è tornato sui suoi passi e ha ritenuto i dispositivi non in violazione del brevetto contestato.

La canadese era stata condannata a pagare 147,2 milioni di dollari per la violazione del brevetto numero 6,970,917, ottenuto nel 2001 dalla piccola azienda del New Jersey Mformation a tutela del suo "sistema di gestione e controllo remoto di dispositivi senza filo".

Secondo la prima sentenza californiana RIM avrebbe indebitamente impiegato tale tecnologia nel BlackBerry Enterprise Server con cui permette alle aziende clienti di gestire in remoto i dispositivi offerti ai propri dipendenti: in appello, invece, il giudice ha ribaltato la sentenza non rilevando le prove di un'infrazione brevettuale.
Mformation può ricorrere in appello contro la nuova decisione e, qualora la sua richiesta fosse accolta, si avvierebbe un nuovo procedimento.

Claudio Tamburrino
Notizie collegate
  • BusinessRIM, la stangata del brevettoL'azienda canadese dovrÓ risarcire Mformation per lo sfruttamento indebito di una tecnologia per la gestione in remoto dei BlackBerry in dotazione aziendale. 8 dollari a dispositivo, per un totale di quasi 150 milioni
  • BusinessSmartphone, tutti contro tuttiMentre FTC raccomanda di limitare le richieste di bando delle importazioni, Apple fa cadere l'accusa contro Motorola ma rilancia contro Galaxy SIII e HTC. Ma allo stesso modo Samsung la trascina ancora davanti all'ITC
1 Commenti alla Notizia RIM, risparmio brevettuale
Ordina