Mauro Vecchio

New York, lo scrutare di tremila occhi

Adottato il sistema DAS, sviluppato da Microsoft con la collaborazione del NYPD. Migliaia di CCTV, grandi schermi e un ricco database di informazioni anti-crimine

Roma - L'attuale sindaco di New York Michael Bloomberg alla cerimonia inaugurale di un ambizioso progetto anti-crimine, un vasto sistema di sorveglianza in tempo reale. Tra flussi video e sconfinati database, la Grande Mela si prepara alla sua personale fantascienza metropolitana.

Si chiama Domain Awareness System (DAS), il sistema sviluppato dal colosso Microsoft con i tecnici del New York Police Department (NYPD). Il grande occhio veglierà senza sosta sulla città che non dorme mai, coordinando migliaia di telecamere a circuito chiuso (CCTV) per il bene della sicurezza nella metropoli statunitense.

Gli agenti di polizia saranno così in grado di visualizzare in pochi secondi i flussi provenienti dalle telecamere, leggendo targhe automobilistiche oltre che gestendo le chiamate in arrivo al numero d'emergenza 911. Le informazioni immagazzinate dal DAS potranno essere disposte in ordine cronologico, in modo da intervenire più tempestivamente in caso di crimini.
Tra mappe interattive e grandi schermi, la polizia newyorchese assomiglierà molto all'unità pre-crimine di Minority Report. L'accesso al ricco database del sistema permetterà agli agenti di far corrispondere eventuali attività sospette con una specifica lista di criminali o comunque di soggetti con precedenti.

"È un grande esempio di come il settore pubblico e privato possano collaborare per migliorare l'esistenza delle persone - ha spiegato il sindaco Bloomberg - E forse possiamo anche farci qualche soldo". Stando agli accordi intrapresi con Microsoft, il sistema DAS potrà essere venduto in altre città degli Stati Uniti e del mondo.

L'amministrazione della Grande Mela tratterrà il 30 per cento di tutti i profitti derivanti dalla vendita del sistema a livello nazionale o planetario. Più di qualche soldo, per citare nuovamente Bloomberg. Nelle previsioni della polizia newyorchese, il sistema verrà esteso dalle 3mila CCTV di Manhattan ai quartieri periferici della metropoli sull'Atlantico.

Mauro Vecchio
Notizie collegate
  • AttualitàCISPA, bocciatura in SenatoNon raggiunto il quorum necessario per il passaggio del disegno di legge sulla cybersicurezza. I repubblicani non sono convinti della bontà del sistema volontario che trasformerebbe le net company in delatori per il governo
  • AttualitàFacebook dentro le chat, contro il crimineLe conversazioni monitorate in cerca di parole chiave e comportamenti sospetti. Se scatta l'allarme parte la segnalazione dei profili alla polizia. La precrimine del social network?
  • AttualitàUSA, il tecnocontrollo è mobileIn totale, gli operatori mobile hanno ricevuto 1,3 milioni di richieste per il rilascio dei dati relativi agli abbonati. Le agenzie federali vogliono informazioni relative alle comunicazioni, alla posizione. Con e senza mandato
3 Commenti alla Notizia New York, lo scrutare di tremila occhi
Ordina