Claudio Tamburrino

Lavoro minorile, Samsung investiga in Cina

Dirigenti coreani si recheranno nelle fabbriche cinesi per verificare di persona le condizioni dei lavoratori impiegati e l'eventuale presenza di minorenni

Roma - Dopo le accuse mosse da China Labor Watch (CLW), Samsung ha deciso di muoversi per verificare le condizioni di lavoro garantite dai fornitori dei suoi componenti cinesi ai propri dipendenti.

La coreana non poteva fare altrimenti: lo studio dell'organizzazione non profit ha messo in luce, tra l'altro, l'impiego di lavoratori minorenni all'interno delle fabbriche del suo partner cinese HEG.

Invece di inviare una società terza ad effettuare i controlli, come fatto finora, stavolta Samsung se ne occuperà direttamente inviando propri rappresentanti che potranno anche, in caso di necessità, adottare le necessarie contromisure. (C.T.)
Notizie collegate
  • AttualitàSamsung, grattacapi cinesiNon solo Apple al centro delle derive pių nere della globalizzazione. I fornitori della coreana collegati sono accusati di sfruttamento dei lavoratori. Minorenni compresi
8 Commenti alla Notizia Lavoro minorile, Samsung investiga in Cina
Ordina