Sun lancia Linux e Java contro Windows

Il colosso dei server ha presentato la sua prima soluzione desktop basata su Linux e software open source con cui intende rilanciare la sfida al dominio di Microsoft sui desktop. Svelato il puzzle Java System

San Francisco (USA) - E' una sfida che ha radici lontane quella con cui Sun tenterà di penetrare nel primo feudo di Microsoft, il mercato desktop. Una sfida che Sun lanciò per la prima volta nel 1988, con il debutto della sua prima - e fallimentare - linea di PC desktop 386i basata su chip di Intel e software di emulazione DOS. Una sfida che oggi il colosso dei server ha scelto di combattere con quella stessa arma già brandita dai maggiori rivali di Microsoft: Linux.

Linux, ma non solo Linux. Nella ricetta Windows-killer che Sun ha ufficialmente presentato ieri presso la conferenza SunNetwork di San Francisco, ci sono alcuni fra i più noti applicativi open source e un sostanzioso condimento a base di Java. Ingredienti, questi, con cui Sun spera di fabbricare la "criptonite" anti-Microsoft. "Questi sono i componenti necessari per offrire agli utenti aziendali un desktop alternativo", ha affermato Ingrid Van Den Hoogen, senior director of strategic marketing di Sun.

La soluzione desktop di Sun, precedentemente nota con il nome in codice di Mad Hatter, verrà commercializzata come Java Desktop System (JDS) e costerà 100 dollari all'anno per PC. La suite di applicativi, che comprende il browser Web Mozilla, il pacchetto per l'ufficio StarOffice, il player multimediale RealONE, il Flash Player, il client e-mail e calendar Ximian Evolution, un visualizzatore di file PDF e il software di instant messaging Gaim, girerà su di una versione di Linux basata sulla distribuzione di SuSE (azienda con cui Sun ha di recente stipulato una partnership) e l'ambiente desktop Gnome.
Sun ha spiegato che JDS comprende anche una completa soluzione per la messaggistica e la collaborazione e gli strumenti necessari per consentire alle aziende di interfacciare i propri server ai più diffusi sistemi back-end, fra cui il diffuso mailserver Exchange di Microsoft.

Sebbene Sun abbia espresso l'intenzione di preinstallare JDS su di una sua futura linea di PC desktop, inizialmente questo software verrà introdotto sul mercato unicamente come pacchetto a sé stante da installare su PC con requisiti hardware simili a quelli richiesti da Office 2000.

Per promuovere la propria soluzione desktop Sun fa leva su tre punti in particolare: la compatibilità con MS Office ed Exchange, la sicurezza e il costo. Per quanto riguarda il fattore sicurezza, il colosso dei server sostiene in particolare l'inviolabilità della propria piattaforma ai worm che affliggono gli utenti di Windows e di Office. Per quel che riguarda invece il fattore costo, Sun afferma che con JDS le aziende possono risparmiare fino al 75% rispetto all'acquisto o all'aggiornamento di una soluzione equivalente basata sui prodotti di Microsoft.

Durante l'evento di San Francisco, Sun ha svelato anche i prezzi e i nuovi termini di licenza di Java Enterprise System (JES), una soluzione nota in precedenza come Orion che propone le versioni più aggiornate dei prodotti d'infrastruttura di Sun in una singola collezione di software tutti integrati fra loro ad un prezzo più competitivo rispetto al passato. La suite, di cui la società di Santa Clara ha pianificato il costante aggiornamento ogni quattro mesi, comprende directory, application server, Web server, metadirectory, portal server, clustering, messaggistica e collaborazione.

Sun offrirà JES con un modello di licenza più semplice rispetto al passato e basato sul numero di postazioni di lavoro che un'azienda possiede: il suo costo, uguale a quello di JDS, sarà di 100 dollari all'anno per singola installazione.

Fra le altre soluzioni basate su Java 2 che Sun ha intenzione di introdurre a breve sul mercato vi sono Java Studio, un insieme di strumenti di sviluppo per tutti i prodotti appartenenti alla piattaforma Java System; Java Mobility System, una soluzione indirizzata alle applicazioni mobile; Java Card System, un software basato sulla tecnologia di Sun per le smart card; e N1, un sistema di approvvigionamento dinamico per l'utility computing.
81 Commenti alla Notizia Sun lancia Linux e Java contro Windows
Ordina
  • In questo momento vi sto parlando non come utente MS, ma come simpatizzante di linux, per discutere con voi le falle che lentamente si stanno facendo vedere in linux.

    Non sono sicuro al 100% di quello che dico percio' vorrei tanto che voi, mi aiutiate a chiarire alcune cose che non mi cuadrano.

    1. Un grosso problema che ritengo che linux abbia e' quello che dipende ancora da grandi societa', infatti mentre Ms ha approfittato di ibm per essere lanciata, e subito dopo e' riuscita a farsi le ossa da solo, linux ha il problema cha e' di tutti e allo stesso tempo non e' di nessuno (certo escluso il suo creatore) in poche parole per quando libera sia, ho come l'impressione che siano grandi societa' come IBM e HP che fanno il bello e il brutto tempo decidendo quale e' la migliore suite e quale no, cerco di spiegarmi meglio.

    In questo momento Sun sta' approfittando del lavoro di altri, che non e' stato certamente una banalita', per poter fare soldi, senza dover niente a nessuno dopo tutto e' gratis, insomma massimo profitto col minimo sforzo, e ditemi se nel caso questa siute diventasse famosa, che vantaggio ne trarebbe la libera comunita', se non un bel nulla visto che sun prendera' tutti i suoi bei soldoni,e al resto non dara' niente.

    Nel caso questa siute diventasse piu' famosa delle altre ditemi che fine faranno tutte le altre relase. Alla fine ragazzi miei se facciamo bene i conti ne rimmarra' veramente solo una ma non sto' parlando di win, almeno per adesso ma di linux, in poche parole sono sicuro che le grandi case si metteranno a fare una guerra senza quartiere, per far predominare la propia si tutte le altre. e questo alla fine cosa vorra dire, che sara' lei a decidere tutto, anche il presso di cio' che chiamiamo free, certo magari qualcuno potra rispondere a questa idea che ci saranno sempre dei pogrammatori che porteranno avanti il progetto o meglio il modo di essere linux. Ma credetemi contro il biznez non c'e' niente che regga.

    2. ci sono troppe distribuzioni di linux, e molte volte ci sono anche troppe versioni di una sola versione, il che rende un po' difficile la scelta della versione, visto che magari in una una determinata applicazione puo' girare ed in un'altrno, e si deve cambiare il tipo di applicazione.

    3. Linux e sicuro solo perche' gli sciacalli si stanno aventando su di un boccone piu' appetitoso, aspettate che linux cresca e vedrete che fine fara'.
    Molti dicono che i virus su linux non arriveranno mai e che e' ultra sicuro, rispetto allo scolapasta di windows, ma da un precedente articolo di punto-informatico, si viene a sapere che la piattaforma piu' bucata e proprio linux, spero che questo vi faccia pensare, ed inoltre conosco una piattaforma piu' sicura di linux, avete mai provato il BEos, Non c'e' la quasi nessuno e quasi nessuno lo attacca.

    Staremmo a vedere cio' che accadra, anche se ritengo la mossa di sun azzardata perche' non solo sta combattendo contro win ma allo stesso tempo sta sfidando linux stesso.




  • - Scritto da: diegoitaliait
    ....
    > 1. Un grosso problema che ritengo che linux
    > abbia e' quello che dipende ancora da grandi
    > societa', infatti mentre Ms ha approfittato

    Veramente è il contrario: solo da poco c'è un certo interesse da parte di alcune grandi società.

    .....
    > il problema cha e' di tutti e allo stesso
    > tempo non e' di nessuno (certo escluso il
    > suo creatore) in poche parole per quando

    I suoi creatori.... sono moltissimi...

    .....
    > Nel caso questa siute diventasse piu' famosa
    > delle altre ditemi che fine faranno tutte le
    > altre relase. Alla fine ragazzi miei se
    ......

    > 2. ci sono troppe distribuzioni di linux, e
    > molte volte ci sono anche troppe versioni di
    > una sola versione, il che rende un po'
    > difficile la scelta della versione, visto

    Ti rendi conto che i due punti sono un po' in contrasto fra loro ? Prima ti lamenti che si rischia che spariscano molte distribuzioni, poi ti lamenti che le distribuzioni sono troppe...

    Il fatto che alcune distribuzioni sono più diffuse non vuol dire che non ci sia spazio per altre. Tanto per fare un esempio una delle distribuzioni più apprezzate è Debian, anche non essendo di certo fra le più diffuse, ma in questo paga per la sua scelta di privilegiare la stabilità e la sicurezza alla facilità e immediatezza d'uso. E Debian è tutto tranne che commerciale...

    > che magari in una una determinata
    > applicazione puo' girare ed in un'altrno, e
    > si deve cambiare il tipo di applicazione.

    Beh... questo in genere non succede, e quando succede si può risolvere.

    > 3. Linux e sicuro solo perche' gli sciacalli
    > si stanno aventando su di un boccone piu'
    > appetitoso, aspettate che linux cresca e
    > vedrete che fine fara'.

    Ci sta già provando SCO....

    > Molti dicono che i virus su linux non
    > arriveranno mai e che e' ultra sicuro,

    Ultra-sicuro in informatica non esiste ma....

    > rispetto allo scolapasta di windows, ma da

    ....ma rispetto ad un certo scolapasta tutti i s.o. sono più sicuri....

    Il discorso che Linux è più sicuro perchè meno diffuso lascia secondo me il tempo che trova, visto che ha già raggiunto una certa diffusione.

    In ogni caso conoscendo sia Linux che Windows ti accorgi che Linux è pensato per essere sicuro tanto quanto Windows è pensato per essere facile, e le due cose sono spesso in contrasto....

    > un precedente articolo di punto-informatico,
    > si viene a sapere che la piattaforma piu'
    > bucata e proprio linux, spero che questo vi
    > faccia pensare, ed inoltre conosco una

    Mah... certi scoop ricchi di conclusioni sensazionalistiche ma poveri di dettagli e di riscontri tecnici francamente da tempo ho imparato a ignorarli.... in qualsiasi direzione vadano....

    > piattaforma piu' sicura di linux, avete mai
    > provato il BEos, Non c'e' la quasi nessuno e
    > quasi nessuno lo attacca.

    Beh... in questo caso penso che il discorso della sicurezza basata sulla scarsa diffusione sia valido... anche perchè BeOS non ha la gestione dei permessi utente...
    TeX
    957

  • - Scritto da: TeX
    >
    > Il discorso che Linux è più sicuro perchè
    > meno diffuso lascia secondo me il tempo che
    > trova, visto che ha già raggiunto una certa
    > diffusione.

    si,... lo 0,6% dei client... ahaha aha aha ahaha ah... mi fai ridere.... aha aha aha aha ahahaah
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    >
    > - Scritto da: TeX
    > >
    > > Il discorso che Linux è più sicuro perchè
    > > meno diffuso lascia secondo me il tempo
    > che
    > > trova, visto che ha già raggiunto una
    > certa
    > > diffusione.
    >
    > si,... lo 0,6% dei client... ahaha aha aha
    > ahaha ah... mi fai ridere.... aha aha aha
    > aha ahahaah

    Si ma il 30/40% dei server! E poi i client non vengono considerati sulla sicurezza... se si dovessero contare tutti i client Windows insicuri si può dire che il 99,99% dei computer con windows è bacato... il restante è spento! Sorride

  • - Scritto da: Anonimo
    >
    > - Scritto da: TeX
    > >
    > > Il discorso che Linux è più sicuro perchè
    > > meno diffuso lascia secondo me il tempo
    > che
    > > trova, visto che ha già raggiunto una
    > certa
    > > diffusione.
    >
    > si,... lo 0,6% dei client... ahaha aha aha
    > ahaha ah... mi fai ridere.... aha aha aha
    > aha ahahaah

    Vedo che ti hanno già risposto.... e forse ti sei già reso conto che fai ridere tu...
    TeX
    957

  • - Scritto da: diegoitaliait
    > In questo momento vi sto parlando non come
    > utente MS, ma come simpatizzante di linux,
    > per discutere con voi le falle che
    > lentamente si stanno facendo vedere in
    > linux.

    Voglio aggiungere anch'io qualcosa. GNU/Linux attualmente ha un kernel monolitico. Windows (da 2000 in poi) ha un microkernel. Non so chi la vincerà, ma tutti gli ultimi studi sui sistemi operativi convincono sempre più che il futuro vicino sarà solo microkernel (vedi Tanenbaum e affini).

    Il microkernel per GNU è Hurd ed è seguito da Stallman. Quello che io non capisco è perchè non si concentrino le forze su Hurd anzichè sul kernel Linux. Capisco che oggi funziona bene, ma domani?

    Altra cosa che mi sembra nessuno noti e la seguente. M$ si sta spostando sotto l'architettura .NET portando ogni sua applicazione sopra la macchina virtuale di .NET.
    In sostanza, alla lunga, i programmi per Windows non gireranno più agendo direttamente sulle API del SO ma su quelle della macchina virtuale.
    Inoltre la compilazione dei moderni jitter aumenta le performance del compilato finale che va in esecuzione, rispetto al codice C++ nativo (sia per gli algoritmi più semplici da implementare, che per questioni di allocazione della memoria ,che per questioni di ottimizzazione fornite dal jitter nei confronti della macchina fisica specifica). Famosa in ambito MS è System.Xml (in C#), molto più veloce di MSXML 4 (in C++).

    Mi sembra che la faccenda stia sfuggendo a molti.
    Applicazione che girano su .NET saranno implicitamente più sicure.
    Infatti Longhorn, prossima versione di windows, ha API managed!
    non+autenticato

  • > Applicazione che girano su .NET saranno
    > implicitamente più sicure.
    Lo crederò quando lo vedrò, al momento winzoz è ultra insicuro, e non venitemi a raccontare degli studi finanziati da M$ da dove risulta che GNU/Linux è più bucato di winz, solo a pensarci un micro secondo si capisce l'assurdità

    > Infatti Longhorn, prossima versione di
    > windows, ha API managed!

    Bella fregatura !!! Con longhorn sarà come dare le chiavi di casa direttamente a zio Bill e alla BSA & affini
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    >
    > > Applicazione che girano su .NET saranno
    > > implicitamente più sicure.
    > Lo crederò quando lo vedrò, al momento
    > winzoz è ultra insicuro, e non venitemi a
    > raccontare degli studi finanziati da M$ da
    > dove risulta che GNU/Linux è più bucato di
    > winz, solo a pensarci un micro secondo si
    > capisce l'assurdità
    >
    > > Infatti Longhorn, prossima versione di
    > > windows, ha API managed!
    >
    > Bella fregatura !!! Con longhorn sarà come
    > dare le chiavi di casa direttamente a zio
    > Bill e alla BSA & affini

    Volevo impostare una discussione tecnologicamente seria, ma vedo che siamo approdati alle solite frase fatte. Peccato.
    Tifo x Linux, ma M$ sta impostando una politica di progettazione a lungo termine. E questo sfugge a molti.
    non+autenticato
  • > Voglio aggiungere anch'io qualcosa.
    > GNU/Linux attualmente ha un kernel
    > monolitico. Windows (da 2000 in poi) ha un
    > microkernel. Non so chi la vincerà,
    > ma tutti gli ultimi studi sui sistemi
    > operativi convincono sempre più che
    > il futuro vicino sarà solo
    > microkernel (vedi Tanenbaum e affini).

    Mah... alle prospettive su quali possano essere le soluzioni migliori nel futuro, in campo it, credo poco. Anche perche' quelle che alla fine risultano vincenti sul mercato non sempre sono quelle tecnicamente migliori.
    Ogni soluzione ha i suoi pro ed i suoi contro. Secondo me e' giusto che ognuno segua quello che crede, e che eventualmente si sia pronti a passare da l'una all'altra quando ce ne sara' bisogno.
    Microsoft ha scelto la sua, come vent'anni fa ha abbandonato un proprio sistema operativo basato su unix per concentrarsi sul dos...

    > Mi sembra che la faccenda stia sfuggendo a
    > molti.
    > Applicazione che girano su .NET saranno
    > implicitamente più sicure.

    Mah... su questo si dovra' vedere...
    Per quanto riguarda .NET con Mono si sta gia' proponendo un framework funzionante anche in Linux.
  • > Voglio aggiungere anch'io qualcosa. GNU/Linux
    > attualmente ha un kernel monolitico. Windows (da
    > 2000 in poi) ha un microkernel. Non so chi la
    > vincerà, ma tutti gli ultimi studi sui sistemi
    > operativi convincono sempre più che il futuro
    > vicino sarà solo microkernel (vedi Tanenbaum e
    > affini).

    hai dei dati riguardanti questo?

    > Infatti Longhorn, prossima versione di windows,
    > ha API managed!

    cosa si intende per API managed?
    non+autenticato

  • - Scritto da: diegoitaliait

    > 1. Un grosso problema che ritengo che linux
    > abbia e' quello che dipende ancora da grandi
    > societa',

    Oddio, direi proprio il contrario. SuSE non e' un mostro, redHat e' grandicella ma non un peso massimo e DebianSorride ...

    > ho come l'impressione che siano
    > grandi societa' come IBM e HP che fanno il
    > bello e il brutto tempo decidendo quale e'
    > la migliore suite e quale no, cerco di
    > spiegarmi meglio.

    No, non credo, sono gli utenti che decidono. Mi pare che ai tempi RedHat punto' su Gnome e SuSE su KDE (O il contrario ?), ma ora KDE e' chiaramente il Desktop piu' usato.

    > In questo momento Sun sta' approfittando del
    > lavoro di altri, che non e' stato certamente
    > una banalita', per poter fare soldi, senza
    > dover niente a nessuno dopo tutto e' gratis,
    > insomma massimo profitto col minimo sforzo,
    > e ditemi se nel caso questa siute diventasse
    > famosa, che vantaggio ne trarebbe la libera
    > comunita', se non un bel nulla visto che sun
    > prendera' tutti i suoi bei soldoni,e al
    > resto non dara' niente.

    la comunita' e' cosciente di questo, non preoccuparti.

    > Nel caso questa siute diventasse piu' famosa
    > delle altre ditemi che fine faranno tutte le
    > altre relase.

    Non credo moriranno. Debian e' diversa da gentoo che e' diversa da slackware. Ognuna ha la sua communita' di "afecionados" e sopravvivera'. Questo perche' ognuno e' libero di crearsi la propria distribuzione.

    > 3. Linux e sicuro solo perche' gli sciacalli
    > si stanno aventando su di un boccone piu'
    > appetitoso, aspettate che linux cresca e
    > vedrete che fine fara'.

    Che fine ? Consci la licenza GPL ?

    > Molti dicono che i virus su linux non
    > arriveranno mai e che e' ultra sicuro,
    > rispetto allo scolapasta di windows, ma da
    > un precedente articolo di punto-informatico,
    > si viene a sapere che la piattaforma piu'
    > bucata e proprio linux,

    Quella e' una ricerca-farsa, se ben ti ricordi il mese scorso ci sono state mezzo milione di macchine Windows bucate dall'ennesimo Worm, ma nella ricerca neppure la traccia.
    La ditta in questione, inoltre, e' conosciuta per essere poco seria (Per non parlare dei metodi statistici usati, da far accaponare i ... capelli Sorride).

    > Staremmo a vedere cio' che accadra, anche se
    > ritengo la mossa di sun azzardata perche'
    > non solo sta combattendo contro win ma allo
    > stesso tempo sta sfidando linux stesso.

    Sun e' libera di provare quel che vuole, speriamo che la sua fortuna o la sua sfortuna sara' decretata dai consumatori e non da pratiche monopolistiche.
    11237
  • Ciao a Tutti,
    inevitabilmente la gente si trovera` di fronte ad una scelta non piu` tra un SoftWare Open Source di non si sa chi, ma di un SoftWare di qualcuno che ne sa di Informatica.
    La Sun non e` la prima volta che si lancia contro Windows, ora, sara` la gente a scegliere, quello che so e` che a molti Linuxiani convinti che conosco,a la Distro SuSe non piace.
    Quello che e` certo e` che dei due sistemi, ne sopravvivera` uno solo, per adesso, tra Suse e Windows XP, beh, non c'e` dubbio, XP per me e` nettamente migliore, lo definisco tranquillamente il miglior Sistema Operativo lanciato da Microsoft, sara` una sfida ad armi pari questa volta... si vedra`
    DISTINTI SALUTI
    Crazy
    1945

  • - Scritto da: Crazy
    > Ciao a Tutti,

    mr. Crazy, credo che il tuo amore per la "solitudine" dei sistemi renda ben chiaro come intendi l'informatica: il monopolio è bello

    per coloro che hanno un'idea pluiralistica e multiforme dell'informatica, progongo di provare linux. Provate a tirarvi giù una distribuzione come knoppix, ad esempio

    http://www.knoppix.org

    e guardate qua quante distribuzioni possibili esistono

    http://www.linuxiso.org

    e non date retta a chi dice che "ne resterà uno solo".

    Già ora quell'unico che si è ritagliato un monopolio ha i suoi guai col mondo

    non+autenticato
  • E` proprio quello un problema, il mare di distribuzuioni in cui uno ci si perde, una va bene per una cosa, una per un'altra, a volte andrebbero fuse... insomma, un Bel Windwos XP pro ed un Windows Server 2003 risolvono in un attimo l'eventuale scelta
    Crazy
    1945

  • - Scritto da: Crazy
    > E` proprio quello un problema, il mare di
    > distribuzuioni in cui uno ci si perde, una
    > va bene per una cosa, una per un'altra, a
    > volte andrebbero fuse... insomma, un Bel
    > Windwos XP pro ed un Windows Server 2003
    > risolvono in un attimo l'eventuale scelta

    Certo. Vuol dire che qualcuno ha scelto per te.

    Che ne diresti se esistesse una sola automobile ?
    Una sola TV ?
    Un solo cellulare ?
    Una sola marca di abbigliamento ?

    Sai quante scelte in meno dovremmo compiere ?

    Non so a te, ma a me la liberta' di poter scegliere quello che fa piu' a l caso mio piace.

    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    >
    > - Scritto da: Crazy
    > > E` proprio quello un problema, il mare di
    > > distribuzuioni in cui uno ci si perde, una
    > > va bene per una cosa, una per un'altra, a
    > > volte andrebbero fuse... insomma, un Bel
    > > Windwos XP pro ed un Windows Server 2003
    > > risolvono in un attimo l'eventuale scelta
    >
    > Certo. Vuol dire che qualcuno ha scelto per
    > te.
    >
    > Che ne diresti se esistesse una sola
    > automobile ?
    > Una sola TV ?
    > Un solo cellulare ?
    > Una sola marca di abbigliamento ?
    >
    > Sai quante scelte in meno dovremmo compiere ?
    >
    > Non so a te, ma a me la liberta' di poter
    > scegliere quello che fa piu' a l caso mio
    > piace.
    >

    Non solo, la libertà di scegliere tra prodotti diversi realizzati da diversi produttori significa che esiste competizione nel mercato, un ingrediente fondamentale per la ricetta dell'innovazione tecnologica.
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    >
    > - Scritto da: Crazy
    > > E` proprio quello un problema, il mare di
    > > distribuzuioni in cui uno ci si perde, una
    > > va bene per una cosa, una per un'altra, a
    > > volte andrebbero fuse... insomma, un Bel
    > > Windwos XP pro ed un Windows Server 2003
    > > risolvono in un attimo l'eventuale scelta
    >
    > Certo. Vuol dire che qualcuno ha scelto per
    > te.
    >
    > Che ne diresti se esistesse una sola
    > automobile ?
    > Una sola TV ?
    > Un solo cellulare ?
    > Una sola marca di abbigliamento ?
    >
    > Sai quante scelte in meno dovremmo compiere ?
    >
    > Non so a te, ma a me la liberta' di poter
    > scegliere quello che fa piu' a l caso mio
    > piace.
    >

    nell'informatica le regole sono ben diverse... e il caos delle distribuzioni di linux non giova affatto... in ogni modo, quello che conta sono le applicazioni installate e non il kernel... di quest'ultimo non gliene frega niente a nessuno...

    ...peraltro il kernel NT è anni luce più avanti di quel colabrodo del torvald...
    non+autenticato
  • > ...peraltro il kernel NT è anni luce più
    > avanti di quel colabrodo del torvald...

    boom!Sorride
    che sparata!
    IPV6? USB2? Firewire? Plug&Play? Supporto a filesystem diversi da fat e ntfs? E mi fermo qui per pietà!

    NT è rimasto indietro di anni... e a Micros~1 non interessa un figo di aggiornarlo... vedi te!
    non+autenticato
  • - Scritto da: Anonimo
    > > ...peraltro il kernel NT è anni luce più
    > > avanti di quel colabrodo del torvald...

    > boom!Sorride
    > che sparata!
    > IPV6? USB2? Firewire? Plug&Play? Supporto a
    > filesystem diversi da fat e ntfs? E mi fermo qui
    > per pietà!

    Dimentichi a favolosa feature che ti impone di riavviare la macchina quando la fai entrare in un dominio A bocca aperta

    > NT è rimasto indietro di anni... e a Micros~1 non
    > interessa un figo di aggiornarlo... vedi te!
    non+autenticato

  • - Scritto da: Crazy
    > E` proprio quello un problema, il mare di
    > distribuzuioni in cui uno ci si perde, una
    > va bene per una cosa, una per un'altra, a
    > volte andrebbero fuse... insomma, un Bel
    > Windwos XP pro ed un Windows Server 2003
    > risolvono in un attimo l'eventuale scelta

    Certo che ce n'e' di gente che parla senza sapere quello che dice.

    Di distro ce ne sono tante, e tutte possono fare quello che fanno le altre, le uniche differenze sono nel lato configurazione, chi piu' orientato agli amministratori e chi piu' orientato agli utonti,
    Fatto sta che se prendi: debian,redhat,mandrake,suse, ci fai con tutte le stesse identiche cose, i pacchetti sono ormai interscambiabili e compatibili.
    Altre distro un po' piu' particolari, tipo quelle da floppy , live cd e poche altre, sono si per scopi determinati, ma per il 99% dei casi non vengono prese in considerazione proprio perche' hanno scopi specifici, tipo: un server in un floppy, e allora puoi capire che winzoz non ci puo' proprio arrivare e che certe distro sono fuori dalle scelte di valutazioni su quali distro scegliere.

    beata ignoranza, vai vai ad usare le scelte che altri han fatto per te, domani cosa ti faranno fare da bravo automa ?
    non+autenticato

  • - Scritto da: Crazy

    > E` proprio quello un problema, il mare di
    > distribuzuioni in cui uno ci si perde, una
    > va bene per una cosa, una per un'altra,

    La pizza margherita e quella 4 stagioni e quella marinara ...
    E la Fiat, la BMW e la Volkswagen ...
    E il Nokia e l'Ericson e il Motorola ...

    Un solo telefonino, una sola auto, e una sola pizza !
    Votate per Crazy !
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    >
    > - Scritto da: Crazy


    > Un solo telefonino, una sola auto, e una
    > sola pizza !
    > Votate per Crazy !


    AHAHAHA

    non posso ! è trollo scemo
    (cioè... troPPo scemo)


    non+autenticato
  • Già unico feudo che ha crato microsoft, e sarà la sua tomba xchè lo perderà nonostante i suoi monopoli.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Anonimo
    > Già unico feudo che ha crato microsoft, e
    > sarà la sua tomba xchè lo perderà nonostante
    > i suoi monopoli.

    Wow... adesso ha addirittura I MONOPOLI?!
    Avrà inglobato pure la Parker per averli?Ficoso

    Zeross
    1303
  • Non c'e' niente di scandaloso in tutto cio', Linux e' gia' l'alternativa O/S a windows ma non potra' mai diventare l'alternativa (e basta) se non diventa commerciale e con alle spalle un nome di una societa' conosciuta e apprezzata come Sun. Se non siete d'accordo vi invito a prendere una distribuzione Linux e ad andare a piazzarla nelle aziende.. fate le demo, probabilmente piacera' moltissimo a tutti e vorranno comprarlo, quando direte che il software e i programmi sono gratuiti vi sbatteranno la porta in faccia (provare per credere)! Per le aziende e' importante spendere per risparmiare sulle tasse ma anche per avere il supporto e sapere contro chi bestemmiare per i problemi quotidiani. Poi dalle aziende agli utonti il passo e' breve. Gli scafati continueranno ad usare linux gratuitamente
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 9 discussioni)