Alfonso Maruccia

Oracle contro Google, la trasparenza è relativa

Il giudice ha chiesto chiarimenti su "rapporti retribuiti" con giornalisti e blogger nel periodo del processo sulle API Java. Oracle fa un paio di nomi, Google chiede un chiarimento sul chiarimento

Roma - Il giudice William Alsup aveva chiesto chiarimenti in merito ai giornalisti e blogger sul libro paga di Oracle e Google, e alla fine le due aziende hanno risposto all'ordine della corte secondo modalità piuttosto differenti. E che nel caso di Google richiedono ulteriore assistenza proprio al succitato Alsup.

Nel comunicare i suoi rapporti a pagamento (o "connessioni finanziarie" che dir si voglia) con la stampa e gli esperti di settore, Oracle ha integrato quanto già era noto sin qui: c'è Florian Mueller, autore del blog FOSS Patents e "consulente" della società, e poi viene fatto il nome del professore della Stanford University Paul Goldstein che ha assistito la società legale che ha curato gli interessi di Oracle nel processo sulle API di Java.

Nel caso di Google, invece, i potenziali "influencer" del clima generale in cui si è svolto il processo sarebbero pari a zero. Mountain View non ha pagato direttamente giornalisti, blogger, commentatori o chiunque altro, dice la corporation, né c'è stato uno scambio o un "quid pro quo" per la copertura della questione da parte di esperti di settore.
Laddove la posizione di Google si fa più sfumata è nella possibile estensione dell'ordine di trasparenza imposto dal giudice Alsup, in particolare laddove indica possibili "connessioni finanziarie sporadiche o indirette".

La corte dovrebbe rendere più chiara la propria posizione a riguardo, dice Google, mentre Oracle si frega le mani e parla di "network di influenze" foraggiato dal suo concorrente allo scopo di "plasmare le percezioni del pubblico" durante quello che è stato già soprannominato "il processo tecnologico del secolo".

Alfonso Maruccia
Notizie collegate
6 Commenti alla Notizia Oracle contro Google, la trasparenza è relativa
Ordina
  • p)
    parla oracle che chiude open solaris ...e frena sul rilascio dei sorgenti di codici open source utilizzati...non contesto il fatto che si appelli a cavilli offerti dall'open...ma occhio ad accusare gli altri.Occhiolino
  • si dice: Laddove la posizione di Google si fa più sfumata è nella possibile estensione dell'ordine di trasparenza imposto dal giudice Alsup, in particolare laddove indica possibili "connessioni finanziarie sporadiche o indirette".
    La corte dovrebbe rendere più chiara la propria posizione a riguardo, dice Google, ...


    sembra invece (forse l'estensore dell'articolo non ha letto o compreso bene le fonti) che il giudice non la veda proprio così... e che sia un pochino "incazzato" con G...

    questa la posizione del giudice [1]:
    "In a order filed today [2], Alsup flatly states that "Google has failed to comply"
    [1] http://www.theverge.com/2012/8/20/3255703/judge-go...
    [2] http://assets.sbnation.com/assets/1306195/Google_v...


    per chi non lo avesse ancora capito... G è come gli altri, e peggio di molti altri...
    non+autenticato
  • "Please simply do your best but the impossible is not required,"

    non mi pare proprio che questo significhi essere incazzati

    inoltre il processo è chiuso e la lista non influenzerà il verdetto ( che è già stato emesso )

    il punto è che è difficile credere che una multinazionale non abbia pagato nessuno, ma è possibile e le colpe vanno dimostrate non dedotte in base a simpatie fanboystiche
    non+autenticato
  • - Scritto da: collione
    > "Please simply do your best but the impossible is
    > not required,"
    >
    > non mi pare proprio che questo significhi essere
    > incazzati

    mah... io leggo una ordinanza di un giudice in cui si intima:
    In the Court’s view, Google has failed to comply with the August 7 order. Google is directed to do so by FRIDAY, AUGUST 24 AT NOON

    mi pare proprio che NON si possa negare che il giudice sia quantomeno un pochino "contrariato" dal comportamento "omertoso" di G...

    > inoltre il processo è chiuso e la lista non
    > influenzerà il verdetto ( che è già stato emesso )

    il che non cambia minimamente quanto sopra

    > il punto è che è difficile credere che una
    > multinazionale non abbia pagato nessuno,

    appunto...

    > ma è
    > possibile e le colpe vanno dimostrate non dedotte

    dal punto di vista legale è così
    e se le colpe fossero state dimostrate il giudice non si sarebbe limitato a quella ordinanza, ma avrebbe perseguito G per il suo comportamento... quantomeno per cose tipo oltraggio alla corte ecc.

    > in base a simpatie fanboystiche

    di che parli?
    vuoi dire che il giudice è un fanboy anti-google? o pro-oracle?
    non+autenticato
  • Qualcuno forse si chiederà perchè viene fatta una simile richiesta, se il processo ormai è concluso: nessun colpo di scena, il giudice Alsup ha esplicitamente detto che le risposte a questa domanda potranno essere utili in un eventuale appello.