Gaia Bottà

Foxconn, la lunga marcia

Fair Labor Association annuncia un passo importante per l'azienda cinese: le condizioni di lavoro del personale migliorano, gli orari diminuiscono. Entro il prossimo anno dovranno arrivare a 40 ore settimanali: senza tagli nei salari

Foxconn, la lunga marciaRoma - I riflettori dei media, anche quelli più deformanti, l'associazione che gli osservatori stabiliscono con Apple, di cui è una dei numerosi fornitori, il pressante monitoraggio da parte di attivisti e organizzazioni che si battono per la tutela dei diritti umani paiono giovare a Foxconn, e ai suoi dipendenti.

A dimostrarlo è un documento stilato da Fair Labor Association (FLA), una tappa intermedia del percorso che entro il 2013 dovrebbe condurre Foxconn verso la piena aderenza agli standard che tutelano la vita dei lavoratori in Cina. L'indagine, avviata a febbraio dopo che Apple aveva annunciato di voler aderire all'associazione, aveva rilevato una situazione preoccupante: orari lavorativi dilatati oltre le 60 ore (quando il limite stabilito dal quadro normativo cinese è fissato a 40), salari inadeguati, condizioni di lavoro carenti per quanto riguarda sicurezza e igiene. Le promesse formulate per dimostrare l'impegno a riportare l'azienda entro standard di vivibilità sono in parte già state onorate.

Gli stabilimenti di Chengdu, Guanlan e Longhua spiega FLA, hanno compiuto più progressi di quelli in programma a favore dei loro 178mila lavoratori: tutti gli obiettivi stabiliti per il 31 maggio sono stati portati a termine, e sono stati completati anche dei miglioramenti che erano stati programmati per il prossimo anno. Foxconn, spiega FLA, è al 79 per cento del proprio percorso, la cui verifica finale è fissata per la fine di luglio 2013.
Foxconn è riuscita a migliorarsi in diversi ambiti: in primo luogo sono stati garantiti ai lavoratori nuovi presidi di sicurezza, dagli equipaggiamenti al frazionamento del lavoro in pause più frequenti, passando per la formazione. L'azienda ha compiuto progressi significativi anche nell'ambito della rappresentanza sindacale presso i lavoratori, in precedenza nemmeno consapevoli della possibilità di associarsi per conoscere e far valere i propri diritti. Si tratta di un passo avanti che sarà probabilmente di supporto nelle negoziazioni per completare l'obiettivo della riduzione delle ore lavorative settimanali, che la normativa cinese limita a 40 con 9 ore di straordinari.

Foxconn ora può assicurare di mantenere i propri dipendenti sotto le 60 ore settimanali, straordinari inclusi, ma l'obiettivo, entro il prossimo luglio, è quello di rispettare le leggi locali senza per questo sforbiciare sugli stipendi. Fin da ora c'è chi, come China Labor Watch, sottolinea come la riduzione degli orari sia stata accompagnata dall'intensificazione del lavoro per il personale. "Si tratta di una sfida non da poco", spiega però un portavoce del CEO di Foxconn, che implicherà probabilmente maggiori investimenti nell'ambito dell'automazione.

Il report di FLA rende certo meno fosco il futuro dei lavoratori di Foxconn, riverberando luce sull'immagine di Apple. Ma non è che un tassello: altri fornitori che partecipano alla catena del valore di Cupertino, forse meno violentemente investiti dall'interesse mediatico, sfuggono ai controlli che ora si concentrano su Foxconn. Ma c'è chi spera che l'imponente operazione di corporate responsibility portata avanti con FLA possa innescare una competizione positiva con altre azienda nel mostrarsi sensibili alla qualità del lavoro presso gli impianti di produzione della faccia meno luminosa dell'industria IT.





Gaia Bottà
Notizie collegate
  • AttualitàSamsung, grattacapi cinesiNon solo Apple al centro delle derive più nere della globalizzazione. I fornitori della coreana collegati sono accusati di sfruttamento dei lavoratori. Minorenni compresi
  • AttualitàFoxconn, un altro suicidioUn operaio cinese che lavorava da un mese nello stabilimento Foxconn di Chengdu si è tolto la vita. E' il primo caso da quando l'azienda aveva promesso migliori condizioni di lavoro. Le autorità indagano
  • AttualitàApple spende per gli operai FoxconnLa polemica spinge Cupertino ad impegnarsi finanziariamente. Assieme all'appaltatore proverà a migliorare le condizioni di lavoro dei dipendenti cinesi
30 Commenti alla Notizia Foxconn, la lunga marcia
Ordina
  • Basta far pagare 50euro di più gli iPhone.
    Cambia niente.
  • - Scritto da: Dumah Brazorf
    > Basta far pagare 50euro di più gli iPhone.
    > Cambia niente.

    per dovere di imparzialità 50 euro in più
    anche per

    PlayStation 2, Playstation Vita, PlayStation 3[19][20][21], Wii[22], Nintendo 3DS, Xbox 360[23], Amazon Kindle[24], Televisori LCD Sony Bravia[25][26][27].

    (http://it.wikipedia.org/wiki/Foxconn)

    e in generale tutti i prodotti di

    Acer Inc. (Taiwan)[40]
    Amazon.com (United States)[7]
    Apple Inc. (United States)[41]
    Cisco (United States)[42]
    Dell (United States)[43]
    Hewlett-Packard (United States)[44]
    Intel (United States)[45]
    Microsoft (United States)[9]
    Motorola Mobility (United States)[43]
    Nintendo (Japan)[46]
    Nokia (Finland)[41]
    Samsung Electronics (South Korea)[47]
    Sony (Japan)[8]
    Toshiba (Japan) [48]
    Vizio (United States)[49]

    (http://en.wikipedia.org/wiki/Foxconn)
    non+autenticato
  • - Scritto da: non fumo non bevo e non dico parolacce
    > - Scritto da: Dumah Brazorf
    > > Basta far pagare 50euro di più gli iPhone.
    > > Cambia niente.
    >
    > per dovere di imparzialità 50 euro in più
    > anche per
    >
    > PlayStation 2, Playstation Vita, PlayStation
    > 3[19][20][21], Wii[22], Nintendo 3DS, Xbox
    > 360[23], Amazon Kindle[24], Televisori LCD Sony
    > Bravia[25][26][27].
    >
    > (http://it.wikipedia.org/wiki/Foxconn)
    >
    > e in generale tutti i prodotti di
    >
    > Acer Inc. (Taiwan)[40]
    > Amazon.com (United States)[7]
    > Apple Inc. (United States)[41]
    > Cisco (United States)[42]
    > Dell (United States)[43]
    > Hewlett-Packard (United States)[44]
    > Intel (United States)[45]
    > Microsoft (United States)[9]
    > Motorola Mobility (United States)[43]
    > Nintendo (Japan)[46]
    > Nokia (Finland)[41]
    > Samsung Electronics (South Korea)[47]
    > Sony (Japan)[8]
    > Toshiba (Japan) [48]
    > Vizio (United States)[49]
    >
    > (http://en.wikipedia.org/wiki/Foxconn)

    Gli altri produttori pagano foxconn già di più. Gli faarei uno sconto di 5 euro...
    non+autenticato
  • contenuto non disponibile
  • - Scritto da: unaDuraLezione
    > - Scritto da: non fumo non bevo e non dico
    > parolacce
    >
    > > e in generale tutti i prodotti di
    >
    > > Amazon.com (United States)[7]
    >
    >
    > sì certo, anche i libri cartacei...
    > ROTFL

    No, il Kindle.

    LOL
    non+autenticato
  • contenuto non disponibile
  • si ma del piano del cfo Terry Gou di sostituire un milione di lavoratori con droni entro il 2014? ci siamo dimenticati forse che i droni non si scrivono al sindacato, non si ammalano, hanno la settimana di 365 giorni, e manco si buttano dalla finestra... non scherzo. E' la cultura della morte che avanza.
    non+autenticato
  • Se una cosa può essere fatta allo stesso modo da un uomo o da una macchina è meglio che la faccia la macchina!

    Non sto dicendo che la cosa sia positiva col sistema attuale (porterebbe solo ad un aumento della disoccupazione), sto dicendo che è positiva a livello teorico. A livello teorico se si riesce a produrre la stessa quantità (o maggiore) con un minor impiego di manodopera è meglio perché bisogna lavorare di meno. Però il sistema economico così per com'è incasina tutto in quanto l'aumento della produttività non viene ridistribuito sulla popolazione. Ma tanto presto (in termini storici) bisognerà cambiare sistema dato che la manodopera diventerà sempre meno necessaria!
    G%2cG
    339
  • ... e l'uomo con che mangia?... hai risposto in modo così sicuro che sono certo che mi sta sfuggendo qualcosa: non mi dirai che farà un lavoro migliore perchè altrimenti lo farebbe già adesso. Aiutami a capire per favore.
    non+autenticato
  • - Scritto da: crimar
    > ... e l'uomo con che mangia?...

    Le messi prodotte dai robot, perche' ?

    > hai risposto in modo così sicuro che sono
    > certo che mi sta sfuggendo qualcosa: non
    > mi dirai che farà un lavoro migliore
    > perchè altrimenti lo farebbe già
    > adesso. Aiutami a capire per favore.

    Potrebbe progettare robot, fare manutenzione o fare qualcosa che i robot ancora non possono fare per 20 ore la settimana.
    krane
    22544
  • - Scritto da: crimar
    > ... e l'uomo con che mangia?... hai risposto in
    > modo così sicuro che sono certo che mi sta
    > sfuggendo qualcosa: non mi dirai che farà un
    > lavoro migliore perchè altrimenti lo farebbe già
    > adesso. Aiutami a capire per
    > favore.

    La cosa strana è che in teoria un lavoro è qualcosa di necessario per ottenere un obiettivo...
    Esempio: io faccio il muratore per costruire la casa e qualcuno ci vivrà dentro.

    Ora invece funziona cosi':
    Io costruisco la casa, non me ne frega niente se serva a qualcuno o se rimarrà li' per anni a rovinare l'intera zona, l'importante è che io abbia lavorato.

    Questo è profondamente sbagliato perchè poi si vengono a creare tutta quella serie di assunzioni che non servono a nulla se non a poter dire "io ho un lavoro" (io non ho mai detto Comune! Chi è stato??Arrabbiato).

    Il lavoro deve nascere in caso di necessità e se non c'è necessità non si lavora. PUNTO.
    Le ricchezze dovranno essere ridistribuite ovviamente... perchè ora il sistema le dà in base a quanto lavori... ma questo è un problema successivo, intanto va abolito il sistema attuale... e l'automazione dei processi ci stà dando una grande mano in tal propositoSorride
  • contenuto non disponibile
  • - Scritto da: crimar
    > ... e l'uomo con che mangia?... hai risposto in
    > modo così sicuro che sono certo che mi sta
    > sfuggendo qualcosa: non mi dirai che farà un
    > lavoro migliore perchè altrimenti lo farebbe già
    > adesso. Aiutami a capire per
    > favore.

    "la resistenza è inutile, verrete assimilati"

    Occhiolino
  • Certo che ti rispondo!

    Però facendo una cosa all'opposto di quello che fanno gli economisti normalmente, cioè anziché prendere una cosa complicata, farci dei giri e renderla più complicata, la prendo complicata e cerco di renderla semplice.

    Ti faccio un esempio, immagina di far parte di un gruppo di persone vissuto nella preistoria. Ogni giorno noi ci alziamo e andiamo a coltivare la terra, sono necessarie 10h al giorno per colmare i nostri bisogni alimentari. Un giorno ad un componente del gruppo viene l'idea di legare un pezzo di legno a un bue e usare la forza del bue per arare la terra. Da quel momento la collettività riesce ad essere impegnata meno ore per la terra, oppure a fare le stesse ore e ottenere un raccolto più abbondante o ancora a fare entrambe. Secondo te in quel caso ci sarebbe qualcuno che direbbe e se ora non dobbiamo più zappare dalla mattina alla sera che mangiamo?
    Facendo un opera di astrazione all'esempio precedente abbiamo:
    Una capacità produttiva iniziale, che viene innalzata tramite un evoluzione tecnica. Abbiamo quindi che dopo l'evoluzione le stesse persone riescono a produrre la stessa quantità di risorse con meno lavoro, il che chiaramente è un bene per la collettività.
    La versione astratta si può applicare al caso dell'impiego dei droni per la produzione industriale? Si ovviamente, ogni astrazione ha una corrispondenza con un evento reale.
    Qual'è la differenza allora?
    E perché questa cosa nella realtà viene percepita come negativa (o peggio è realmente negativa)?

    La differenza è che nell'esempio di prima a beneficiare del miglioramento della tecnica eravamo tutti. Nella società attuale non sarebbe così, in parte ciò è dovuto al fatto che parliamo di situazioni molto più ampie e complesse (ormai il mondo è un unico grande mercato) e in parte al fatto che la (ri)-distribuzione è veramente pessima.

    Sono stato un po' troppo prolisso ma spero così di aver spiegato bene il concetto.
    G%2cG
    339
  • contenuto non disponibile
  • intanto grazie.
    ho serie difficoltà a vederlo come un progresso. la macchina deve aiutare l'uomo non sostituirlo. il modello teorico potrebbe anche girare ma la sostituzione rappresenta secondo me un corto circuito teso non tanto ad ottenere il massimo risultato con il minimo sforzo, quanto a ad avere forse gli stessi ricavi ma riducendo i costi, quindi maggiore utile per pochi a fronte di troppi che non possono riconvertirsi... boh non mi sento ottimista davanti a questa prospettiva, secondo me non è bene per la vita, e se l'oggi è la testimonianza di ciò che è stato ottimizzato dalla rivoluzione industriale in poi... non vedo tanta felicità in giro. comunque grazie.
    non+autenticato
  • - Scritto da: crimar
    > intanto grazie.
    > ho serie difficoltà a vederlo come un progresso.
    > la macchina deve aiutare l'uomo non sostituirlo.
    > il modello teorico potrebbe anche girare ma la
    > sostituzione rappresenta secondo me un corto
    > circuito teso non tanto ad ottenere il massimo
    > risultato con il minimo sforzo, quanto a ad avere
    > forse gli stessi ricavi ma riducendo i costi,
    > quindi maggiore utile per pochi a fronte di
    > troppi che non possono riconvertirsi... boh non
    > mi sento ottimista davanti a questa prospettiva,
    > secondo me non è bene per la vita, e se l'oggi è
    > la testimonianza di ciò che è stato ottimizzato
    > dalla rivoluzione industriale in poi... non vedo
    > tanta felicità in giro. comunque grazie.

    Basta linciare i "pochi" e poi dividere gli utili.
    krane
    22544
  • Perchè un'azienda dovrebbe farsi tanta pubblicità in questo campo ?

    Se vuol fare qualcosa,la fa e basta,anche lontano dai riflettori e invece è meglio che la notizia circoli per il mondo...sempre ammesso che non sia un modo per far distogliere lo sguardo su di essa.
    non+autenticato
  • - Scritto da: EType
    > Perchè un'azienda dovrebbe farsi tanta pubblicità
    > in questo campo
    > ?

    Di quale azienda parli?

    > Se vuol fare qualcosa,la fa e basta,anche lontano
    > dai riflettori e invece

    E invece?

    > è meglio che la notizia
    > circoli per il mondo...sempre ammesso che non sia
    > un modo per far distogliere lo sguardo su di
    > essa.

    Distogliere lo sguardo da chi?
    ruppolo
    33147
  • - Scritto da: ruppolo

    > Di quale azienda parli?

    di quelle citate nell'articolo....

    > E invece?

    perchè far trapelare notizie del genere per far credere di essere migliori degli altri.

    > Distogliere lo sguardo da chi?
    quelle aziende imputate di non rispettare i diritti umani,che ora invece dicono di aver trovato la soluzione al problema ...
    non+autenticato
  • i costi di produzione aumenterebbero del 30% a parità di condizioni, questo non lo fa nemmeno il Vaticano con i suoi dipendenti (lo sto scrivendo con cognizione di causa per i soliti trolletti). Forse il motivo sarà:

    1. Spegnimento dell'attenzione mediatica sull'azienda e relativo spostamento della produzione in siti che formalmente non si chiamano Foxconn, non è bello lavorare con i riflettori accesi.

    2. Previsione di un forte calo delle vendite dei prodotti realizzati in Foxconn

    3. Epidemia di un virus sconosciuto che trasforma i polli/macachi da spennare in esseri umani ricadendo quindi al punto 2. (Questo 3° punto l'avete vinto grazie agli sproloqui di ruppoloA bocca aperta )

    In Cina risolvono tutto con l'esercito, i sindacati valgono meno che in Italia ... ed è tutto dire. Se fosse vera la favoletta dei sindati che contano qualcosa potrebbero andare in sud africa nelle miniere d'oro sarebbero considerati al pari di nostro Signore.
    non+autenticato
  • E comunque più che una lunga marcia potrebbe essere definitaa una "lenta marcia"
    non+autenticato
  • - Scritto da: prova123
    > i costi di produzione aumenterebbero del 30% a

    Il 30% del costo di produzione è ancora mooooooolto poco non ti preoccupare.

    Se pensi che alle prime proteste nate in Foxcon le richieste di aumento avrebbero fatto si che il costo dell'hardware incidesse dal 3,5% al 4,5% sul costo di vendita finale.

    Su un altro articolo inerente al caso di Samsung vs Apple è saltato fuori anche quali sono i margini che le due aziende hanno nella vendita del loro prodotto sotto inchiesta. Apple aveva margini di 560 dollari mentre Samsung 450 se onn ricordo male.
    non+autenticato
  • E' vero, ma all'ingordigia umana purtroppo non c'è limite.
    non+autenticato
  • Si. Però nel contyempo istituiranno anche la settimana corta di 4 gorni!
    non+autenticato
  • - Scritto da: AxAx
    > Si. Però nel contyempo istituiranno anche la
    > settimana corta di 4
    > gorni!

    LOL
    Ma almeno sono solo 4 giorni
  • - Scritto da: AxAx
    > Si. Però nel contyempo istituiranno anche la
    > settimana corta di 4
    > gorni!

    Ed elimineranno il weekend.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Nome e cognome
    > - Scritto da: AxAx
    > > Si. Però nel contyempo istituiranno anche la
    > > settimana corta di 4
    > > gorni!
    >
    > Ed elimineranno il weekend.

    azz