Luca Annunziata

Archos Gen10 XS, tablet magnetico

La nuova generazione di tavolette Android francesi puntano sul design e sugli accessori. Senza tralasciare hardware da primi della classe

« Indietro
Foto 1 di 11

Roma - Sottile, veloce e "tutto incluso". Il primo nato della linea Gen10 di Archos è il modello da 10 pollici, il 101 XS, verrà distribuito a settembre a un prezzo interessante e con tanto di tastiera e software di produttività a bordo: una scelta originale (ma non troppo, visto che comunque il Transformer di Asus utilizza un approccio simile da tempo), con un design e soluzioni tecniche fin qui poco battute nel settore.

Sul piano delle specifiche il 101 XS è un pezzo grosso che si farà rispettare: processore A9 multi-core (non si capisce se dual o quad) da 1,5GHz (OMAP 4470, quindi dual-core), 1GB di RAM, GPU PowerVR SGX544, 16GB di spazio di archiviazione, schermo 10.1 pollici (1280x800), slot microSD, porte micro-USB e mini-HDMI. Completano il quadro WiFi e Bluetooth (4.0), GPS e magnetometro, speaker integrato e una fotocamera anteriore con risoluzione 720p. Il sistema operativo è Android Ice Cream Sandwich (4.0), ma è già previsto l'upgrade a Jelly Bean (4.1) entro l'autunno.

È però il fattore di forma la novità più interessante dell'Archos: il tablet è spesso 8mm, un ottimo risultato, e include una cover rigida che si aggancia magneticamente spessa altro mezzo centimetro (5mm). Quando è in posizione la cover protegge completamente lo schermo dell'unità: per rimoverla basta ruotarla leggermente e disallineare i magneti che la tengono ancorata per rivelare il contenuto, e una volta capovolta si scopre che (un po' come Surface di Microsoft) è in grado di fungere da tastiera QWERTY completamente predisposta per l'utilizzo con Android.
C'è di più: la cover è predisposta per fare da sostegno allo schermo, al tablet vero e proprio, che una volta bloccato da un altro sistema magnetico inizia ad alimentare il funzionamento della tastiera. Se si desidera, infine, alla tastiera si può collegare l'alimentatore di ricarica: in questo caso sarà il tablet a venire alimentato dalla corrente che fluisce attraverso la cover/tastiera, rendendo di fatto l'utilizzo dell'unità pressoché infinito in modalità "desktop". In mobilità, invece, l'autonomia è sui valori tipici di questa classe: 10 ore in navigazione Internet, 7 guardando un video.

A bordo, oltre la normale dotazione di Android (Google Mobile: Gmail, Gtalk, Maps, Drive ecc), Archos aggiunge anche il suo player multimediale (Media Center) che è in grado di scaricare cover, locandine e sottotitoli per i video inseriti nel device, e una versione completa di OfficeSuite Pro 6, ovvero una suite di produttività classica (Word, Excel, Powerpoint) compatibile con le principali piattaforme di archiviazione cloud (Box, Dropbox ecc) e in generale piuttosto apprezzata dal pubblico.

Il prezzo di listino del 101 XS dovrebbe essere di 379 euro. Per l'autunno, in tempo per Natale, sono anche previsti altri due tablet da 9,7 (formato più "quadrato") e 8 pollici.

Luca Annunziata
Notizie collegate
  • HardwareArchos, tavolette per le masseLa francese toglie i veli a una nuova serie di tavolette Android, la prima delle quali sembra pensata per concorrere direttamente con il prossimo dispositivo touch marcato Google
  • BusinessMicrosoft Surface, la guerra degli OEMMentre il capo della divisione OEM di Microsoft passa ad altre occupazioni, i produttori partner di Redmond si dimostrano contrariati in merito all'introduzione di Surface. HP, per cominciare, farà solo tablet x86
19 Commenti alla Notizia Archos Gen10 XS, tablet magnetico
Ordina