Mauro Vecchio

Creative Commons, condivisione su Instagram

I Am CC Ŕ il nuovo servizio che permette agli utenti della piattaforma di photo sharing di condividere le proprie immagini con le varie opzioni di licensing in CC. Un esperimento molto simile a quello lanciato su Flickr

Roma - C'è chi tutela al massimo i propri diritti sulle nuove fotografie social della piattaforma Instagram, chi invece pensa a modalità alternative di distribuzione libera. I Am CC è il servizio realizzato dallo sviluppatore Philip Neustrom, per la condivisione automatica di immagini sotto licenza Creative Commons.

Appena due settimane per la creazione dell'applicazione web, che permette a tutti gli utenti di Instagram di scegliere tra le varie opzioni di licensing in modalità CC. Un archivio molto simile a quello già offerto da altre piattaforme di photo sharing come ad esempio Flickr. Gli account potranno ricercare per tag le foto libere dai rigidi vincoli del diritto d'autore.

"Instagram riceve qualcosa come 5 milioni di immagini al giorno - si legge nella specifica sezione che spiega i motivi del creatore di I Am CC - Se riusciamo ad attirarne anche solo una piccola frazione verso la condivisione in Creative Commons, l'impatto sul movimento della cultura libera sarebbe enorme". (M.V.)
Notizie collegate
  • AttualitàCreative Commons, esplosione nel TuboCon 4 milioni di filmati con licenza CC BY, la piattaforma di video sharing gode di una collezione invidiabile. E invita gli utenti a sfruttare i principi del remix per reinventare i filmati
  • AttualitàCreative Commons, episodio 4.0Si apre una fase di raccolta di feedback per il nuovo pacchetto di licenze. Obiettivo: massimizzare interoperabilitÓ e standardizzazione. E ci sarÓ una sola versione internazionale
3 Commenti alla Notizia Creative Commons, condivisione su Instagram
Ordina