Alfonso Maruccia

Windows 8, il mercato e le licenze

Windows 8 potrebbe rivitalizzare il mercato dei PC. O affossarlo. Nel frattempo si parla di licenze, aggiornamenti, EULA e prezzi promozionali scontati per l'edizione Pro

Roma - Il prossimo Windows potrebbe rappresentare un nuovo stimolo alla crescita estremamente rallentata della vendita di personal computer, ma potrebbe affossare definitivamente il mercato: il tutto ruota intorno a come gli utenti reagiranno al nuovo prodotto Microsoft, dice IDC.

Per la società di analisi il nuovo Windows rappresenta un cambiamento così significativo degli attuali paradigmi del mondo PC che il risultato definitivo della sua commercializzazione è una grande incognita. Certamente Windows 8 non aiuterà a ridurre il rallentamento delle vendite atteso per la fine del 2012, mentre nel 2013 le cose dovrebbero cominciare a cambiare invertendo la rotta del lento declino attualmente testimoniata dai dati comunicati dai grandi produttori.

Sempre che, avverte IDC, Microsoft riesca a "educare adeguatamente" il mercato PC all'adozione di Windows 8: il sistema operativo pensato per fare da ponte fra dispositivi mobile e computer propriamente detti è molto differente rispetto alla tradizionale interfaccia su cui è stato sin qui basato il monopolio di Redmond nel settore.
E mentre si attende l'eventuale risultato di questa ciclopica opera di "rieducazione" da Redmond e dai nuovi esegeti dell'interfaccia piastrellata, Windows 8 è stato apertamente chiamato in causa da Dell e HP come uno dei responsabili nella riduzione delle vendite dei rispettivi prodotti informatici per utenti consumer.

Dal canto suo Microsoft non si scoraggia, anzi rilancia: la corporation del fu pulsante Start annuncia un piano per l'aggiornamento economico (ed eventuale) a Windows 8 per i possessori di nuovi PC basati su Windows 7, si prepara a fare sconti sulle vendite iniziali della versione Pro del sistema, semplifica le licenze dell'OS con una nuova opzione per chi è solito costruirsi il PC tutto da solo e promuove il suo tablet ARM Surface con street art stilizzata che anonimamente tappezza le mura degli edifici di New York City.

Alfonso Maruccia
Notizie collegate
  • BusinessHP ha il suo trimestre noIl colosso statunitense vede calare il fatturato. Colpa delle vendite di PC. E della rivalutazione di alcuni investimenti passati. Tutto previsto, e sono pronte le contromisure
  • BusinessDell, trimestre in agrodolceIl produttore statunitense rende note le sue performance commerciali: settore consumer crollato, enterprise ancora in salita. In attesa di Windows 8
  • TecnologiaWindows 8, RTM per tuttiVersione Pro per gli sviluppatori, Enterprise per chi ha voglia di provare per 90 giorni. La versione finale di Windows 6.2 si mostra al pubblico
212 Commenti alla Notizia Windows 8, il mercato e le licenze
Ordina
  • Ok ho scoperto che ci sono un sacco di shortcut e altre cose, da usare con il tasto win+altro, ad esempio win+stamp salva nella cartella immagini lo screen, e molto altro, sul desktop premendo nell'angolo in basso a sinistra col destro compare un menù utilissimo con esplora,cerca,esegui,pannello di controllo e altri strumenti amministrativi, mooolto comodo
  • Io sono uno "smanettone", sto provando windows 8 pro (gratis grazie all università) e devo dire che mi trovo bene, come già stato detto task manager rinnovato (ora da lì si possono cambiare i programmi all'avvio senza bisogno di msconfig, molte più opzioni, per ora addio process explorer) copia incolla migliorati (addio teracopy), cancellazione senza conferma (ma a me pare anche più rapida) interfaccia senza scatti (sarebbe la morte di Metro altrimenti!)in generale mi sembra più fluido di 7 (ma forse è l'installazione pulita) grafica molto buona, a me Metro piace (de gustibus). Ho accompagnato un mio amico a comprare un portatile al Marco Polo e la licenza per 8 te la danno se vuoi con 15 euri appena esce... il tasto trova funziona abbastanza bene, le ricerce si dividono n categorie (programmi impostazioni e files) quindi sostituisce il tasto start discretamente. Il market avrà i suoi difetti ma sarà la salvezza per gli utonti che scaricano i programmi sempre dai siti sbagliati riempendosi di toolbar o cose del genere (softonic? Babylon?) e non li aggiornano mai (adesso dovrebbero avere le notifiche). Come antivirus tengo windows Defender semplicemente perchè mi sono accorto che con comodo internet security riuscivo a gestire sì ogni aspetto (un sacco di messaggi ma a me va bene avere tutto sotto controllo) ma non prendevo quasi mai virus, quindi circa 100mb di ram risparmiati... Passare da un'interafaccia all'altra non è assoluramente un problema, è semplicemente come avere un processo in più quando si preme alt+tab, tutto qui, e non bisogna affatto passarci di continuo, si può benissimo fare tutto dal desktop, anzi si carica più velocemente di quando premo il tasto start su windows 7, per me a conti fatti è migliore (ma mi riservo di provarlo per un pò).Per fare esegui basta premere win(a sx di alt)+r. E comunque è meglio la Coca della Pepsi
    non+autenticato
  • Io ho notato che hanno moncato l'interfaccia desktop per obbligati ad usare metro. Ad esempio l'accesso al pannello di controllo, l'hanno reso meno inuitivo, per obbligarti ad andare delle Pochissime impostazioni, che si trova su metro.

    Concettualmente parlando, microsoft ha fatto una mezza porcheria, almeno dal mio punto di vista.
    Del resto, era ora che mettessero la possibilità di mettere in pausa i trasferimenti....
    Sgabbio
    26177
  • > Del resto, era ora che mettessero la possibilità
    > di mettere in pausa i
    > trasferimenti....

    In Internet Explorer?

    Clicca per vedere le dimensioni originali
  • No, parla della copia e trasferimento dei file.
  • Mi sembrava ABBASTANZA strano allora...

    E a questo punto vi chiedo: a che pro?
  • Mettere in pausa il trasferimento la copia/trasferimento dei file in Esplora Risorse (o intendeva fra i computer della rete?).
  • Mettere in pausa il trasferimento-copia dei file è utile in molte circostanze, ad esempio per velocizzare il trasferimento di file più importanti. Oltretutto questo trasferimento funziona anche in rete: se stai copiando un file su un altro computer tramite rete e quel computer si disconnette, il trasferimento non si interrompe, ma va in pausa fino a quando non si collegherà di nuovo.
  • 1-Posso mettere l'icona del pannello di controllo sul desktop
    2-Posso premere Start, cominciare a scrivere pan... primo risultato, premo invio
    3-Posso mettere l'icona del Pannello di controllo nella schermata Start (Metro), nella posizione in cui voglio
    4-Oppure posso accedere da Computer (vecchio Risorse del Computer)

    Ovviamente hanno resto più facile le nuove impostazioni, perchè al 90% ciò che cerchi è cambiare tema del PC. In caso contrario, se usi il pannello di controllo molto frequentemente, puoi usare degli shortcut ovunque vuoi, come prima.

    Attualmente io non sono affatto obbligato ad usare Metro. All'inizio ogni contenuto multimediale si apriva con programmi modern UI anche se li aprivi dal Desktop, ora ho impostato i classici programmi (che per fortuna non sono spariti). Su Metro ci vado solo per comodità, le applicazioni di posta, contatti e messaggi sono fatte molto bene (ma migliorabili, devo ammetterlo) e contemporaneamente con news e calendario, posso informarmi al momento su tutto.
  • ...L'ho dovuto riusare ieri per compilare un miio programma. Dopo anni di uso di Linux mui sembra di essere passato da un Ferrari a un triciclo. E non parlo del solo ambito di sviluppo ma anzi principalmente dell'ambiente di base. Se considerato nella sua versione base Windows e' di una poverta' totale. Nessun desktop multiplo, nessuno strumento nativo per la memorizzazione delle stringhe in clipboard, gestore dei file a un livello che definire troglditico e' poco se confrontato con KDE, nessuno strumento, compilatore, debug o altro per lo sviluppo software, mentre su Linux c'e' di tutto e di piu' e Open Source. Io direi che Windows e' davvero un caso di successo "politico" delle strategie di Marketing (le chiameremo cosi' per essere buoni) della Microsoft, ma in realta' e' un sistema che non avrebbe ragione di essere. Se si vole il massimo a livello di software gestionali e professionali nei vari ambiti di applicazione per l'utonto finale, molto meglio Apple. Se si vuole un sistema aperto e completissimo dal punto di vista dei tools di svilupo in ambiente Unix (che come si sa gira anche su Apple) la risposta e' Linux!
    non+autenticato
  • Anche io sono da anni un felice utilizzatore di Linux. Non tornerei a Windows nemmeno sotto tortura! Linux è completo, open, perfetto per l'utenza domestica e decisamente più performante, ognuno se lo può "cucire addosso" secondo le proprie esigenze. Riesce a far funzionare egregiamente macchine che per i magnati dell'elettronica sarebbero obsolete da anni. Semplicemente fantastico! Consiglio a tutti di provarlo, e in molti di windows non ne vorrete più sentir parlare!
    non+autenticato
  • certo... cucirtelo addosso... il motivo di tanti milioni di utenti di iphone, la semplicità, e non dover fare proprio nulla. avere tutto già pronto all'uso. e a chi importa che sia chiuso, non customizzabile?
    idem quì, linux è bello perchè potete sviluppare, potete customizzarlo.. cosa che il 95% degli utenti non fa o non è interessato a fare!
    io prendo un pc, gli metto windows, fine del discorso.
    un gioco, office, una applicazione di fotodesign, e fine del discorso.
    customizzarlo per spremere il massimo framerate quando gioco, e cambiare i settaggi per la navigazione più rapida, con setting da impostare, modifiche e regolazioni...
    ma voi credete davvero che gli utenti di pc abbiano bisogno di queste cose? e guardate che non sto criticando linux, ma solo il fatto che si debba parlare male di windows, senza il quale la diffusione dei pc domestici non sarebbe arrivata dove è oggi (informatevi, questa è riconosciuta da tutti i competitors!), tanto perchè fa figo dire che usate linux... quando la maggior parte degli utenti sa a malapena cambiare lo sfondo del desktop... e si, me li immagino a cucirsi addosso il loro s.o. libero ed aperto...
    io dico, grazie Microsoft per windows! ho provato linux varie volte, ma per quello che devo fare io alla fine va più che bene, e non devo diventare un esperto informatico per usarlo (nb. e me la cavo abbastanza bene, l'ultima volta avevo un hypervisor bare metal sul mio laptop, con una macchina virtuale ubuntu con accesso diretto all'hardware, che ufficialmente non era supportata ma l'ho fatta girare lo stesso...)
    non+autenticato
  • - Scritto da: Marco Frigerio
    > io dico, grazie Microsoft per windows! ho provato
    > linux varie volte, ma per quello che devo fare io
    > alla fine va più che bene, e non devo diventare
    > un esperto informatico per usarlo

    Io dovrei essere un "esperto informatico" e sono anche un ex "odiatore" di Microsoft (come a suo tempo fui "odiatore" di IBM) ed un (ex?) grande estimatore di Unix.
    Ma dopo aver fatto una recente full-immersion in diverse distribuzioni Linux anch'io dico (incredibile!) ... grazie Microsoft per Windows!

    Grazie per un sistema che nato come "accrocchio con una bella faccia" (Windows 3.x), bella per modo di dire!, dopo una lunga e travagliata evoluzione è giunto ad un livello più che decente, sia sui client che sui server.
    E sperando che MS non rovini tutto incaponendosi ora sulla parte peggiore di Windows 8, l'interfaccia Metro e le App, perchè non vorrei essere costretto a riciclarmi nè nel mondo chiuso dell'odiosa Apple nè (ma questo è estremamente improbabile!) in quello aperto ma caotico e poco professionale di Linux.

    La mia definizione di Linux oggi è "un kindergarten per bambini dai 12 ai 92 anni".
    Divertente se si vuole smanettare, sconfortante se si vuole usarlo per ottenere un risultato nel modo più veloce e semplice, allucinante sotto l'aspetto della professionalità, stabilità, uniformità, ecc.

    Avevo provato qualche distro di Linux sette od otto anni fa, riprovo adesso e ritrovo la stessa scarsa professionalità che me l'aveva già fatto accantonare.
    Le distribuzioni mi sembrano le contrade senesi, in lotta tra di loro.
    Non c'è un unico metodo neppure per fare le installazioni e alcuni richiedono incredibili "aggiustamenti" ed interventi manuali per arrivare alla fine.
    Il massimo è stato quando ho scoperto che su una distro per installare un tool avrei dovuto ... ricompilare il kernel! Siamo pazzi?
    Interfaccia intuitiva? Non facciamo ridere, Windows a parte l'intuitività è molto più uniforme come interfaccia (pur con i suoi difetti).
    Software disponibile? Ben poco rispetto a Windows e, contrariamente a quello che molti linuxisti dicono, non certamente di qualità superiore (anzi).
    Per inciso, chi è che ha detto che su Windows non c'è "nessuno strumento, compilatore, debug o altro per lo sviluppo software"? Stiamo scherzando? Eclipse e NetBeans, tanto per dirne un paio, cosa sono?

    Purtroppo Linux è rimasto un SO "da ragazzini" e qui si è persa forse l'ultima occasione del mondo Unix di creare qualcosa di successo per il mondo professionale, dopo il fallimento AT&T, il boicottaggio IBM ed MS e la limitata espansione avuta da Sun Solaris (altro sistema rozzo come interfaccia, ma almeno quello vuole e deve fare solo il server ...).
    Probabilmente l'unico vero successo di Linux è essere la base di Android (sperando che la rapace Apple non lo distrugga).

    Sorry per la franchezza, ma se uno usa Linux e conosce le aziende si rende conto benissimo del perchè ha un successo così limitato nel mondo professionale.
    E, no, non si tratta di responsabili IT ottusi o di "mazzette" e cose del genere pro-MS, per lo meno non certo solo quelli e quelle ...

    Non sarà Linux che salverà il mondo in caso di tracollo di Windows e trionfo dell'Apple ... purtroppo!Triste
    non+autenticato
  • che fagiolata di falsi miti su linuxA bocca aperta
    Sgabbio
    26177
  • - Scritto da: Sgabbio
    > che fagiolata di falsi miti su linuxA bocca aperta


    Sorry, io l'ho provato (e non sono certamente il solo a pensare queste cose).
    Secondo me MS ed Apple sono anni che si fanno grosse risate nel vedere come si comporta, davvero "onanisticamente" (scusate il paragone ...), la "comunità Linux".
    Ormai credo che sarebbe tardi anche se suddetta comunità "rinsavisse" e creasse un ambiente unificato e professionale.
    Ma con i "ragazzini" al comando, non c'è speranza ...

    Peccato, Unix trent'anni fa era un gran sistema.
    Ma trent'anni dopo, nell'unica sua abbastanza diffusa interpretazione, ha ancora i calzoni corti ...
    non+autenticato
  • Se confondi linux con unix, non sai di cosa stai parlando.

    Unix è un marchio registrato, ed indica solo il sistema operativo delll'AT&T.

    Gli altri sistemi operativi che usano lo stesso paradigma sono detti Posix. E tra di essi c'è Linux, FreeBSD, OSX, iOs, Android, QNX.... in pratica ci sono tutti i sistemi operativi attualmente usati, ad eccezione di windows.
    non+autenticato
  • - Scritto da: uno qualsiasi
    > Se confondi linux con unix, non sai di cosa stai
    > parlando.
    >
    > Unix è un marchio registrato, ed indica solo il
    > sistema operativo
    > delll'AT&T.
    >
    > Gli altri sistemi operativi che usano lo stesso
    > paradigma sono detti Posix. E tra di essi c'è
    > Linux, FreeBSD, OSX, iOs, Android, QNX.... in
    > pratica ci sono tutti i sistemi operativi
    > attualmente usati, ad eccezione di
    > windows.

    Ragazzo, io usavo Unix quando tu avevi ancora i calzoni corti, quindi evita di darmi "lezioncine" (confuse, oltretutto: Unix non è più un marchio della AT&T, è un marchio registrato dell'Open Group) ...A bocca aperta

    Linux è stata l'ultima (credo) speranza di creare qualcosa Unix-like, aperto, che avesse realmente successo e si opponesse ai sistemi proprietari sui PC.
    Purtroppo il successo è stato molto inferiore a quanto poteva essere, tanto è vero che, Windows a parte, Apple è riuscita ad avere successo con uno Unix-like sostanzialmente proprietario (la APSL è una presa in giro) e ci ha costruito sopra un mondo chiuso.

    Che ci siano tanti sistemi POSIX e Unix-like, compresi quelli "dedicati" come Android, testimonia della bontà dei concetti di Unix (cosa della quale ero già convinto trent'anni fa).
    Che il mercato sia saldamente in mano ai sistemi proprietari testimonia invece il FALLIMENTO di chi da decenni avrebbe dovuto promuovere la diffusione E L'ADERENZA ALLE RICHIESTE DEGLI UTENTI (a cominciare da uniformità e facilità d'uso) di quel sistema aperto (e non parlo solo di Linux, beninteso, la lista dei colpevoli è lunga e comincia con la AT&T).

    E non è continuando a deridere Windows, negando che è un sistema che fa più di Linux essendo contemporaneamente molto più semplice da usare, che si cambierà questa situazione.
    E questo a parte le critiche all'interfaccia Metro, critiche che condivido ma che penso che non fermeranno la diffusione di Windows 8 (che per fortuna non coincide con Metro, che può essere bypassata).
    non+autenticato
  • 04/10

    Vai di luoghi comuni.
    Sgabbio
    26177
  • stai trollando alla grande, i soliti luoghi comuni su linuxA bocca aperta
    Sgabbio
    26177
  • non uno ma molti!
    i ragazzini di redhat ne saranno sicuramente offesi Occhiolino
    - Scritto da: Sgabbio
    > che fagiolata di falsi miti su linuxA bocca aperta
  • Parlate bene, parlate male, ma parlate di me.
    Microsoft è un'azienda che, come Apple, investe parecchio in sociologi e psicologi della comunicazione...
    non+autenticato
  • Apple investe in comunicazione di cui il compianto (per me è un mito anche se ho dismesso da tempo tutto con la mela) SJ è stato un maestro.
    La microsoft racconta frottole tanto per molti non ci sta scelta..
    vi ricordate quando uscì (s)vista? Abbiamo creato un sistema più sicuro.... la casetta e i bambini... che bellini! Tutti morti infettati da virus e trojan ahahahaah

    - Scritto da: Levantino
    > Parlate bene, parlate male, ma parlate di me.
    > Microsoft è un'azienda che, come Apple, investe
    > parecchio in sociologi e psicologi della
    > comunicazione...
  • Ma scrivere i dettagli sulle licenze invece di rimandare ad un sito esterno non era meglio ?
    Sgabbio
    26177
  • - Scritto da: Sgabbio
    > Ma scrivere i dettagli sulle licenze invece di
    > rimandare ad un sito esterno non era meglio
    > ?

    Adesso c'è la licenza per chi si autocostruisce il PC. Prima si doveva comprare una full. La licenza OEM non poteva essere usata da chi non sottoscriveva il contratto di System Builder (non che ci fossero stati molti controlli).

    Questa licenza da system builder potrebbe interessarti se, come ho capito, ti fai il PC da solo. Però ricordati di abilitare correttamente la gestione dell'energia sennò devi fare troppi click per spegnere. Occhiolino
    non+autenticato
  • - Scritto da: Zucca Vuota
    > - Scritto da: Sgabbio
    > > Ma scrivere i dettagli sulle licenze invece
    > di
    > > rimandare ad un sito esterno non era meglio
    > > ?
    >
    > Adesso c'è la licenza per chi si autocostruisce
    > il PC. Prima si doveva comprare una full. La
    > licenza OEM non poteva essere usata da chi non
    > sottoscriveva il contratto di System Builder (non
    > che ci fossero stati molti controlli).
    >
    >
    > Questa licenza da system builder potrebbe
    > interessarti se, come ho capito, ti fai il PC da
    > solo. Però ricordati di abilitare correttamente
    > la gestione dell'energia sennò devi fare troppi
    > click per spegnere.
    > Occhiolino

    Battutina sciocchina a parte, ci voleva cosi tanto per dire ste cose nella notizia ? A maruccia!
    Sgabbio
    26177
  • - Scritto da: Sgabbio
    > Ma scrivere i dettagli sulle licenze invece di
    > rimandare ad un sito esterno non era meglio
    > ?

    Il sito esterno e' piu' facilmente modificabile e personalizzabile, quando sentono puzza di bruciato.
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
1 | 2 | 3 | Successiva
(pagina 1/3 - 11 discussioni)