Claudio Tamburrino

Germania, avanzano le anteprime a pagamento

Approvata la bozza di legge per costringere Google e gli altri aggregatori a pagare per pubblicare titoli e anteprime delle news

Roma - La proposta del Governo tedesco per costringere gli operatori della Rete a sottoscrivere una licenza per pubblicare anche titoli e piccole parti di testo dei siti è diventata una bozza ufficiale che aspira a divenire legge.

Il vertice di Google responsabile per le comunicazioni nell'Europea del Nord, Kay Oberbeck, prima di questo ulteriore passo avanti aveva cercato di attaccare la proposta, definita "dannosa, non solo per gli utenti che non troverebbero più le informazioni che attualmente hanno a disposizione, ma anche dal punto di vista economico e giudiziario": secondo Mountain View il sistema attuale che permette ad aggregatori come Google News e ai motori di ricerca di presentare sulle proprie pagine le anteprime delle notizie conviene agli editori stessi fungendo da volano per le visite ed è perfettamente congruo con il principio dell'uso legittimo che limita la portata del diritto d'autore.

Se passasse la bozza ora approvata in commissione siti come Google dovrebbero pagare ai produttori di contenuti anche per la pubblicazione dei titoli e delle anteprime delle notizie utilizzate per dare agli utenti un'idea della news.
Inoltre, una tale principio rischia di aprire la strada a derive pericolose per tutta la Rete tedesca: basti pensare che in una prima bozza avrebbero dovuto pagare qualcosa anche i portali commerciali, i siti o i blog con pubblicità che avessero voluto inserire un link o una citazione.

Claudio Tamburrino
Notizie collegate
  • AttualitàGoogle: ecco cosa vogliono i governiAggiornata la sezione del report dedicato alle richieste inviate dalle autorità planetarie per la rimozione di contenuti o la consegna di dati personali. Le democrazie occidentali sono quelle più attive
  • AttualitàGoogle, anteprima di guai?La Germania punta il dito contro gli snippet offerti dalle pagine dei risultati del motore di ricerca. Google, nelle stesse pagine, ospita della pubblicità: l'uso commerciale andrebbe regolamentato
  • AttualitàGoogle difende le anteprime tedescheLa proposta di legge sul diritto d'autore con cui si vorrebbe istituire una licenza per mostrare gli snippet sarebbe dannosa per la Rete e per gli utenti
27 Commenti alla Notizia Germania, avanzano le anteprime a pagamento
Ordina
  • stuzzicata forse dagli accordi americani (cfr. google books), la atavica fame degli Editori -scombussolati dal digitale che avanza (ehi! ormai sono 20 anni!)- si fa piu' forte.
    La combo del paese piu corrotto d'europa (noi), quello piu protezionistico (la francia), unito alla potenza crucca, e' notevole. Vedremo se la "famosa" democrazia germanica si fara' sentire, o se il dragamento di saccocce sara' superiore a tutto il resto.
    non+autenticato
  • Follia. Si tolgono tanta pubblicità gratis.
    Qualcuno dice che in Italia non c'è problema, perché l'accordo è già stato raggiunto. Infatti, su Google Libri i testi in italiano praticamente non ci sono, e la mancanza di anteprima rende assolutamente impossibile capire se valga la pena di acquistarli o no.
    non+autenticato
  • Benissimo! Ora basta che Google tagli fuori tutte le testate tedesche dalle sue news e poi vediamo come reagiscono gli imbecilli.
    Non capiscono che Google gli sta fornendo un grande servizio aggratis!
    non+autenticato
  • Ennesima dimostrazione che il copyright è il CANCRO della Cultura.

    Mi auguro vivamente che Google elimini dalle ricerche qualsiasi riferimento ai siti tedeschi che pretendono l'assurdità di farsi pagare per farsi fare pubblicità.

    ABOLIRE IL COPYRIGHT

    Pirata
    non+autenticato
  • Esistono milioni di artisti che hanno cessato la loro produzione proprio per la mancanza di un copiright serio. Parlo di coloro che, non ricchi dalla nascita, devono lavorare per poter fare la spesa e mangiare. Queste persone non possono dedicarsi 8 ore al giorno per fornire opere meravigliose al mondo (dedicare 15 minuti la sera stanchi non dà buoni risutlati). Il copiright non è il cancro della cultura, bensì quello che, fino all'avvento del digitae, a permesso a molti non ricchi orghesi di produrre opere d'ingegno con la giusta retribuzione, il cancro è chi gode del lavoro e dell'ingegno altrui senza dare nulla in cambio, Questi discorsi anticopiright, sono discorsi da scroccono che bogliono giustificare il proprio desiderio di rubare e di tenere tutt per sé.
    La bozza tedesca è comunque delirante.
    non+autenticato
  • - Scritto da: flavio landucci
    > Esistono milioni di artisti che hanno cessato la
    > loro produzione proprio per la mancanza di un
    > copiright serio.

    Ottimo! Così il loro posto verrà preso da gente che realizzerà opere gratuite.

    Quando tutti gli artisti che si affidano al copyright per vivere avranno cessato la produzione, il copyright non avrà più motivo di esistere... e noi potremo goderci liberamente e senza alcun limite tutte le opere esistenti. E la produzione di opere nuove avverrà grazie a mecenati illuminati, e non più al servizio di un'industria il cui unico scopo è vendere sempre la stessa solfa.

    > Parlo di coloro che, non ricchi
    > dalla nascita, devono lavorare per poter fare la
    > spesa e mangiare.

    Appunto: devono lavorare, non vivere di rendita con il copyright. Perciò, che lavorino!

    > Queste persone non possono
    > dedicarsi 8 ore al giorno per fornire opere
    > meravigliose al mondo (dedicare 15 minuti la sera
    > stanchi non dà buoni risutlati).

    Allora non lo faranno, che problema c'è? Nessuno glie l'ha chiesto.

    > Il copiright non
    > è il cancro della cultura, bensì quello che, fino
    > all'avvento del digitae, a permesso a molti non
    > ricchi orghesi di produrre opere d'ingegno con la
    > giusta retribuzione

    Appunto: prima del digitale forse poteva avere un senso.
    Ma ora siamo nell'era digitale, quindi non ha più senso.

    Anche la pellicola, prima dell'avvento del digitale, ha permesso a molti di scattare le foto in casa propria... ma ora, con il digitale che permette risultati migliori e più efficienti, non serve più, ed è stata abbandonata.

    >, il cancro è chi gode del
    > lavoro e dell'ingegno altrui senza dare nulla in
    > cambio

    Quale lavoro? Se io faccio una copia in più non faccio fare a nessuno un lavoro in più. Quindi non devo pagare un lavoro a qualcuno... perchè tale lavoro non esiste.

    >, Questi discorsi anticopiright, sono
    > discorsi da scroccono che bogliono giustificare
    > il proprio desiderio di rubare e di tenere tutt
    > per
    > sé.

    Sai che accusare qualcuno di furto senza che tale furto sia avvenuto costituisce reato di calunnia?

    > La bozza tedesca è comunque delirante.

    Anche il tuo post... hai considerato di prendere qualche ripetizione di ortografia? O hai scritto da un cellulare?
    non+autenticato
  • Forse Google non ci linkerà più.
    Avremo molti meno visitatori ed introiti.
    Ma almeno la proprietà intellettuale è salva! (forse)
  • - Scritto da: il solito bene informato
    > Forse Google non ci linkerà più.
    > Avremo molti meno visitatori ed introiti.
    > Ma almeno la proprietà intellettuale è salva!
    > (forse)

    meno male!A bocca aperta
    Mi piacerebbe sapere quanti soldi chiederanno per le anteprime delle news, ora come ora...
  • Fossi per Google annuncerei: dato che non vorrei mai pubblicare per sbaglio articoli di proprietà intellettuale dei vostri giornali, vi tolgo dal PageRank. Tante care cose!A bocca aperta
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 8 discussioni)