Claudio Tamburrino

Tempo di Cloud, piove?

Le nuvole del cloud computing confondono gli utenti. Ma chi le conosce, le apprezza

Roma - Un recente sondaggio, commissionato da Citrix e condotto da Wakefield Research, ha messo in luce come una persona su tre non abbia le idee chiarissime sul cloud computing: tanto da confondersi tra nuvole digitali di memoria e idrometeore di acqua condensata.

Oltre a questo, la statistica mette in luce come anche chi non crede di star utilizzando il cloud computing, nel 95 per cento dei casi, in realtà ne fa uso.

Chi conosce il cloud computing, al contrario, ne riconosce l'importanza tanto che il 59 per cento ritiene che il lavoro in futuro sarà interamente sulla nuvola, e già adesso nel 40 per cento dei casi ritiene che sia un grande vantaggio poter accedere ai documenti da diverse postazioni. (C.T.)
Notizie collegate
  • TecnologiaAmazon, nuvole contro nastriIl colosso statunitense presenta una nuova soluzione per il backup online: Glacier è pensato per sostituire i sistemi di archiviazione tradizionale, nastri magnetici in primis
  • BusinessHP, manovre mobileIl colosso statunitense mette mano alle operazioni mobile aprendo una nuova divisione e riposizionando l'operazione WebOS. Microsoft Surface? Ad HP non fa paura, anzi
4 Commenti alla Notizia Tempo di Cloud, piove?
Ordina