Alfonso Maruccia

Oracle e il supporto amaro di Itanium

La società dei database ammette la sconfitta e conferma il supporto continuato all'architettura sviluppata da Intel e Hewlett-Packard. Ma non è certo finita qui: la riscossa arriverà all'appello

Roma - È un settembre sfortunato quello appena cominciato per Oracle, che dopo essersi vista imporre il pagamento delle spese legali di Google nel caso delle API Java è ora costretta a ingoiare l'ennesimo boccone amaro nella vicenda che la vede contrapposta a Hewlett-Packard in merito al supporto all'architettura Itanium (IA-64).

Oracle dovrà continuare a rilasciare software e aggiornamenti per i sistemi basati su CPU Itanium fino a che HP commercializzerà tali sistemi, aveva deciso il giudice in precedenza, anche se l'azienda continua a sostenere il proprio diritto di prendere le proprie decisioni in merito a quali architetture supportare.

Tale posizione continua a essere valida, sostiene Oracle, e l'azienda pianifica di appellarsi alla decisione (invero preliminare) del giudice per dimostrare la malafede di HP nei confronti dei suoi partner e dei suoi clienti in merito al destino ultimo dello sviluppo di Itanium.
Ma in attesa dell'appello c'è una sentenza che va rispettata, dice ancora Oracle, per cui la società "continuerà a sviluppare le ultime versioni dei suoi database e altri software interessati dalla sentenza del giudice per i computer Itanium di HP".

Alfonso Maruccia
Notizie collegate
  • AttualitàItanium, il supporto è d'obbligoPrima (e certamente non ultima) sentenza per l'acceso dibattimento fra Oracle e HP sul supporto di Itanium: il giudice ha dato torto a Oracle che ora dovrà forzatamente rilasciare upgrade e aggiornamenti al suo software
  • BusinessCaso Java, Oracle paghi le spese a GoogleIl giudice ha stabilito l'obbligo per Oracle di coprire le spese legali di Google. E' l'ennesima batosta per Oracle, in attesa di un prevedibile "secondo tempo" con l'appello
4 Commenti alla Notizia Oracle e il supporto amaro di Itanium
Ordina
  • E' la sentenza più ridicola che abbia mai visto: come si fa ad obbligare un'azienda al supporto coatto di un'architettura? e chi garantisce che il software prodotto sia anche decente?
    non+autenticato
  • Ecco i soliti che commentano a sentimento invece di informarsi sui fatti, compliementi.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Petecchione
    > E' la sentenza più ridicola che abbia mai visto:
    > come si fa ad obbligare un'azienda al supporto
    > coatto di un'architettura? e chi garantisce che
    > il software prodotto sia anche
    > decente?
    te la possiamo riassumere cosi'
    (...)
    Lo scontro iniziale si è svolto in particolare sul cosiddetto "Hurd Agreement", vale a dire l'accordo stipulato dopo l'abbandono del CEO di HP, Mark Hurd, e la sua successiva assunzione da parte di Oracle: tale accordo prevedeva lo sviluppo continuato di prodotti software Oracle su piattaforme HP, dunque Oracle avrebbe violato l'accordo annunciando il repentino abbandono del supporto all'architettura IA-64.

    Oracle ha iniziato a fregarsene e HP non l'ha presa bene...
    non+autenticato
  • - Scritto da: Petecchione
    > come si fa ad obbligare un'azienda al supporto
    > coatto di un'architettura?

    Dipende d quali accordi c'erano prima, se Oracle si era impegnata a farlo ...
    non+autenticato