Mauro Vecchio

Internet Archive, dai notiziari al web

Si espande ancora il sapere raccolto online dagli archivi di Brewster Kahle. Aggiunti 350mila estratti da programmi d'informazione statunitensi, dal 2009 ad oggi. Per gli elettori a stelle e strisce e non solo

Roma - ╚ il grande sogno di Brewster Kahle, ispirato dalla mitica biblioteca alessandrina nella raccolta online di tutto il sapere umano. Fondatore degli archivi digitali noti come Internet Archive, Kahle ha ammassato negli ultimi 15 anni qualcosa come 150 miliardi di pagine web. Dopo aver considerato anche la cultura BitTorrent, il founder ha annunciato il primo inserimento di un insieme di filmati televisivi in ambito giornalistico.

Dai notiziari di CNN e Fox News, con programmi che spaziano da 60 Minutes al The Daily Show di Jon Stewart. 20 broadcaster differenti per oltre 350mila programmi d'informazione, dal 2009 ad oggi. "Se volete sapere esattamente cosa ha detto Mitt Romney nel 2009 sul sistema sanitario, avrete certamente la possibilità di trovarlo", ha spiegato Kahle al quotidiano New York Times.

Internet Archive come custode digitale del sapere umano, per non dimenticare quello che è successo nel mondo negli ultimi 3 anni. Lo stesso founder della piattaforma ha sottolineato come l'aggiunta dei filmati d'informazione televisiva servano agli elettori statunitensi per orientarsi meglio in vista delle prossime presidenziali. Ma anche per ispirare "tanti Jon Stewart", professionisti futuri delle news. (M.V.)
Notizie collegate