Mauro Vecchio

Net neutrality, attivisti contro AT&T

L'operatore statunitense intende bloccare la feature per le chiamate video FaceTime a mezzo rete mobile, a disposizione degli utenti iOS 6. La si potrÓ sfruttare solo in modalitÓ WiFi. Pronta la denuncia alla FCC

Roma - Una coalizione di organizzazioni che si battono per tutelare i diritti dei cittadini connessi, attivisti per la cosiddetta neutralità della Rete, da Free Press a Public Knowledge, fino alla fondazione New America Open Technology Institute: nel mirino, le policy annunciate dal colosso statunitense AT&T, che verranno presto denunciate dagli stessi attivisti in un documento da inviare all'attenzione della Federal Communications Commission (FCC).

Disponibile per le connessioni mobile dalla versione 6 di iOS, la feature per le chiamate video FaceTime verrà bloccata dall'operatore a stelle e strisce per tutti quegli utenti privi di un abbonamento per lo scaricamento di dati. I possessori di smartphone iOS saranno così limitati all'accesso in modalità WiFi senza aver sottoscritto uno specifico piano tariffario per l'utilizzo delle reti 3G.

Immediata la reazione degli attivisti statunitensi, che hanno sottolineato come i vertici di AT&T abbiano chiaramente violato le regole introdotte dalla FCC per la tutela della net neutrality. Il blocco annunciato dall'operatore risulterebbe "estremamente dannoso" per gli utenti, in particolare quelli con disturbi dell'udito o tra le famiglie immigrate o con parenti all'estero.
Diverso il parere dell'operatore, che avrebbe informato in maniera chiara e trasparente gli utenti stessi, nel rispetto delle regole introdotte dalla Commission per la neutralità sulle reti wireless. "Gli utenti potranno usare qualsiasi applicazione sui propri dispositivi collegati tramite WiFi", spiega AT&T.

Mauro Vecchio
Notizie collegate
2 Commenti alla Notizia Net neutrality, attivisti contro AT&T
Ordina
  • Leggendo fonti in inglese si capisce che facetime sara' bloccato su certi abbonamenti dati ( presumibilmente quelli economici) mentre funzionera' su altri , cosa successa anche in italia con la videochiamata skype e l'abbonamento piu' economico di uno dei principali operatori , in quel caso pero' bastava impostare una vpn e si "ovviava" al problema ,
    non+autenticato
  • vogliono bloccare un'applicazione che si appoggia alla rete dati, a chi non ha un abbonamento per la rete dati?

    non capisco..
    - se esiste la possibilità di connettersi a consumo (e prezzi esorbitanti) senza abbonamento alla AT&T sono stupidi
    - se non esiste questa possibilità che senso dovrebbe avere bloccare una cosa che già non può funzionare?