Mauro Vecchio

Foxconn, riparte la fabbrica della rivolta

Riapre dopo un giorno di chiusura la fabbrica di Tai Yuan, teatro degli scontri nella notte di domenica. L'azienda minimizza l'accaduto

Roma - Dopo un intero giorno di chiusura, la fabbrica Foxconn di Tai Yuan è tornata alle sue routine di assemblaggio componenti, come annunciato dal portavoce cinese Louis Woo. Nessun impatto negativo sulla produzione, in seguito alla violenta rissa scatenatasi all'interno del campus nella notte tra domenica e lunedì scorso. La causa della sommossa sarebbe da attribuirsi agli attriti tra alcuni dipendenti e le guardie private che controllano l'area del campus.

"Abbiamo 79mila persone che lavorano nel centro di Tai Yuan - ha spiegato Woo all'agenzia di stampa Reuters - Teniamo sempre da parte dei componenti di scorta". Resta comunque l'eco planetario della maxi-rivolta che ha portato a 40 feriti e diversi arresti. Per alcuni, un "mal di testa" che non verrà risolto con i pezzi di ricambio. (M.V.)
Notizie collegate
  • AttualitàFoxconn, la lunga marciaFair Labor Association annuncia un passo importante per l'azienda cinese: le condizioni di lavoro del personale migliorano, gli orari diminuiscono. Entro il prossimo anno dovranno arrivare a 40 ore settimanali: senza tagli nei salari
  • AttualitàFoxconn, un altro suicidioUn operaio cinese che lavorava da un mese nello stabilimento Foxconn di Chengdu si Ŕ tolto la vita. E' il primo caso da quando l'azienda aveva promesso migliori condizioni di lavoro. Le autoritÓ indagano
11 Commenti alla Notizia Foxconn, riparte la fabbrica della rivolta
Ordina
  • allora per loro va bene così e non hanno il diritto di suicidarsi in quanto il loro padrone proprietario ha preso i suoi impegni e loro non hanno alcun diritto di permettersi il lusso di togliersi la vita. Troppo facile. A questo dare spazio a queste notizie è spazio sprecato, schiavi sono e schiavi devono rimanere se a loro sta bene così ...
    non+autenticato
  • - Scritto da: prova123
    > allora per loro va bene così e non hanno il
    > diritto di suicidarsi in quanto il loro
    > padrone proprietario ha preso i suoi
    > impegni e loro non hanno alcun diritto di
    > permettersi il lusso di togliersi la vita. Troppo
    > facile. A questo dare spazio a queste notizie è
    > spazio sprecato, schiavi sono e schiavi devono
    > rimanere se a loro sta bene così
    > ...

    Infatti, la cosa strana è che oramai il loro suicidio è visto come una normalità, come se fosse l'unica maniera per levarsi da quella vita di schiavitù... e' purtroppo il lato oscuro e negativo della tecnologia (io personalmente aggiungerei l'unico lato negativo della tecnologia). Che a loro però stia bene così... ho tutti i miei dubbi, e del resto le manifestazioni di questi giorni parlano chiaro, tutti pretendono dei benefit quando lavorano, è giusto che sia così (non si lavora per niente).
    non+autenticato
  • Non basta un giorno di sciopero ...

    Dipendente: io ho bisogno di benefit/aumento di stipendio
    Datore di lavoro: non è possibile è un mercato difficle
    Dipendente: allora torno a lavorare

    Non funziona così nella vita reale.
    non+autenticato
  • Com'è curioso il mondo.... da una parte del mondo c'è la gente che fa la fila per comprarsi un telefono da 700 usd.... dall'altra c'è gente che chiede un minimo di benefit per vivere decentemente.... è proprio una mela morsicata Occhiolino).
    non+autenticato
  • Nella parte del mondo che critichi ci sei dentro anche tu. O il tuo cellulare te lo sei fatto a mano in casa?
  • - Scritto da: Il Principe
    > Nella parte del mondo che critichi ci sei dentro
    > anche tu. O il tuo cellulare te lo sei fatto a
    > mano in
    > casa?

    Lo so bene, ma io almeno guardo in faccia la realtà, e non mi giro dall'altra parte.... nè tantomeno sono pro/contro Apple.
    non+autenticato
  • "La causa della sommossa sarebbe da attribuirsi agli attriti tra alcuni dipendenti e le guardie private che controllano l'area del campus."

    Dette anche secondini
  • - Scritto da: Meconiotech
    > "La causa della sommossa sarebbe da attribuirsi
    > agli attriti tra alcuni dipendenti e le guardie
    > private che controllano l'area del
    > campus."
    >
    > Dette anche secondini
    A quanto pare sono stati pestati perché non volevano fare gli straordinari..scansafatiche..servono millemila iphone 5 per coprire i pre order!
    non+autenticato
  • Foxconn non produce solo per Apple. Ma è chiaro che agli haters piace vederla cosi.

    Il Principe
  • - Scritto da: Il Principe
    > Foxconn non produce solo per Apple. Ma è chiaro
    > che agli haters piace vederla
    > cosi.
    >
    > Il Principe

    Ma è chiaro che tu vedi solo gli haters di Apple... in realtà Foxconn è un'azienda, non l'Azienda.... ciò che succede li' può succedere ovunque... e gli esempi nel Far-East si sprecano.... per non parlare poi dei rifiuti tecnologici... mai sentito parlare?
    non+autenticato
  • - Scritto da: Il Principe
    > Foxconn non produce solo per Apple. Ma è chiaro
    > che agli haters piace vederla
    > cosi.
    >
    > Il Principe
    Ma pensi che difenda samsung e compagnia bella?Per carità solo i fanboy possono vedere haters da tutte le parti..spiegami perché in concomitanza con la presentazione del nuovo iphone(che ha un numero mostruoso di pre vendite)i lavoratori vengono picchiati perché si rfiutano di fare gli straordinari..
    Se proprio vuoi saperlo secondo me le produzioni devono tornare inoccidente e rinunciare a margini di profitto cosi alti.
    non+autenticato