Alfonso Maruccia

Open webOS è 1.0

HP rilascia la prima release ufficiale di quello che un tempo era il cavallo di battaglia di Palm. Ma si tratta di una release non-finita: lo sviluppo e l'ammodernamento del codice continua

Roma - Open webOS è finalmente arrivato alla release 1.0: la prima versione a codice aperto del sistema operativo di Hewlett-Packard (ex-Palm) contiene i componenti "core" dell'OS, giusto il necessario per farlo girare su un PC all-in-one commercializzato da HP. Il lavoro da fare resta tanto.

Il codice di Open webOS è disponibile su repository Github, con il package che comprende anche il framework JavaScript Enyo 2 più vari script per realizzare build Linux e OpenEmbedded. I piani per il futuro includono invece la modernizzazione dell'interfaccia, l'aggiornamento a Qt5, WebKit2, lo stack Bluetooth BlueZ, il manager per le connessioni di rete ConnMan.

Un altro importante passo avanti nello sviluppo si avrà con i lavori previsti sull'architettura di rendering del manager di sistema Luna, requisito essenziale per permettere al sistema di girare fluidamente sui dispositivi mobile moderni.
E parlando di dispositivi supportati, Open webOS 1.0 non è in grado di girare sui vecchi dispositivi WebOS - non compatibili con il kernel Linux 3.3 e dipendenti da diversi driver di sistema proprietari - ma dovrebbe essere facilmente portabile sui dispositivi e i PC più moderni.

Gli ingegneri HP hanno ad esempio investito qualche giorno di lavoro per permettere all'OS di girare su uno dei PC all-in-one TouchSmart commercializzati dal produttore USA. Il team di sviluppatori indipendente "WebOS Ports" ha invece rilasciato una prima build preliminare in grado di funzionare - non proprio al massimo delle performance possibili - su uno smartphone Galaxy Nesus.

Alfonso Maruccia
Notizie collegate
2 Commenti alla Notizia Open webOS è 1.0
Ordina